TONINO ACCOLLA/ Addio alla voce di Homer: stasera, 15 luglio, maratona dei Simpson su Italia 1

Per salutare Tonino Accolla, uno dei più grandi doppiatori italiani, questa sera Italia 1 omaggia la voce italiana di Homer, con una maratona dedicata ai Simpson

15.07.2013 - La Redazione
tonino-accolla
Tonino Accolla

Questa sera, lunedì 15 luglio, doveva andare in onda su Italia 1 la prima puntata di Nord Sud Ovest Est con Max Pezzali a caccia di tormentoni estivi, invece Mediaset ha deciso di cambiare la sua programmazione per rendere omaggio a Tonino Accola, voce italiana di Homer, con una maratona dedicata ai Simpson. Il doppiatore, che è anche la voce di Eddie Murphy, è scomparso domenica 14 luglio dopo una lunga malattia. Questa sera dalle 21.10, Italia Uno manderà in onda cinque episodi dei Simpson: “Finalmente se ne vanno“, “Papà Arrabbiato“, “Lisa 10 e Lode” e “HOMR” e “Il peggior episodio mai visto“. Tonino Accolla ha doppiato Homer Simpson per oltre 20 anni, dal 1991, dalla prima edizione fino alla ventitreesima. Ecco cosa ha detto sulla storica serie di Matt Groening in un’intervista con ilmondodeidoppiatori.it: “Homer mi fa felice, ma l’inizio di questa serie è stato duro, perché come spesso succede in Italia la linea di demarcazione fra follia e genialità non si sa… preferiscono dire che sei pazzo. Un giorno è arrivato Giorgio Gori, che all’epoca era direttore di Canale 5, con una cassetta… Io ho detto che non avevo mai fatto cartoni, solo film… Lui mi ha detto di guardarlo. Io l’ho guardato, ho capito di cosa si trattava e naturalmente l’ho fatto. Anche la stesura del testo non è stata facile, il tipo di ironia è alta, e quindi andare a scovare dentro questa forma, prettamente americana, con problemi che spingevano verso all’America, non era facile da riproporre. Come ho fatto a scrivere Spider Pork? La risata di Eddie Murphy? E’ come chiedere a Maradona come fa a fare 120 palleggi? E’ un puro atto di fantasia. It my short (Mangiati le mutande) è diventato Ciucciati il calzino, perché ha assonanze più simili ai nostri modi di dire…“.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori