SUCKER PUNCH/ Il film di Zack Snyder, regista de L’uomo d’acciaio, fatto a “livelli” come un videogioco

- La Redazione

Questa sera, martedì 2 luglio, va in onda in prima tv Sucker Punch, film diretto da Zack Snyder e interpretato da Emily Browning, Jena Malone, Vanessa Hudgens, Abbie Cornish e Jamie Chung

Sucker-Punch
Sucker Punch

La seconda serata di oggi, martedì 2 luglio, prevede la programmazione in prima tv su Italia 1, a partire dalle 23.15, di Sucker Punch, film del 2011 diretto da Zack Snyder (L’alba dei morti viventi, 300 e il nuovo L’uomo d’acciaio), con un ottimo cast quasi interamente femminile. Il regista ha descritto il film come la cosa più folle che abbia mai scritto, Alice nel Paese delle Meraviglie con le mitragliatrici, draghi, bombardieri B-25 e case chiuse. A contendere al film di Snyder l’audience della seconda serata, sarà soprattutto Passaggio a Nord Ovest, il programma condotto su Rai Uno da Alberto Angela, a partire dalle 23.05. Su Rai Due, va invece in onda Strike Back, dalle 22.50, una serie britannica tratta dal libro omonimo di Chris Ryan. Rai Tre propone a partire dalla mezzanotte Report Cult, una piccola antologia che riporta a galla alcune delle inchieste più significative condotte nel corso dell’annata dalla bravissima Milena Gabbanelli e dalla sua troupe. Rete 4 offre, a partire dalle 23.20, una pellicola di grande richiamo come Maledetto il giorno che t’ho incontrato. Diretto e interpretato da Carlo Verdone nel 1992, insieme a una straordinaria Margherita Buy. Su Canale 5 va in onda, dalle 23.20, Tg5 Puntonotte diretto da Clemente Mimun, da Claudio Fico e Andrea Pucci. Infine, La7, trasmette Omnibus Notte, altro spazio dedicato all’informazione e all’approfondimento dei temi del giorno, con una lunga serie di ospiti del mondo politico, rubriche e dibattiti che sono condotti in studio da Edgardo Gullotta e Flavia Fratello.

Ma vediamo la trama di Sucker Punch. Il film è incentrato sulle vicende di Baby Doll (Emily Browning), una giovane ragazza degli anni ’50 che viene rinchiusa in manicomio criminale con l’accusa di aver ucciso la sorella. In realtà, l’omicidio è stato commesso dal patrigno, al fine di impossessarsi in maniera fraudolenta di una ricca eredità lasciata dalla madre alle due ragazze. Baby Doll decide di evadere prima di essere sottoposta alla lobotomia, insieme a un gruppo di amiche: Rocket (Jena Malone), sua sorella maggiore Sweet Pea (Abbie Cornish), Blondie (Vanessa Hudgens) e Amber (Jamie Chung).

Le avventure delle protagoniste si svolgono in una realtà a tre livelli. La prima è costituita da un manicomio, la seconda viene presentata come una casa chiusa d’alto bordo, mentre la terza è un mondo fantasy, simile a un videogioco. In ogni realtà si presentano sempre gli stessi personaggi in vesti diverse. Il nemico principale è il dottore che dirige la struttura, Blue Jones (Osca Isaac). L’uomo ha intenzione di abusare di lei e viene fermato solo grazie all’intervento di un’altro medico dell’istituto, la dottoressa Gorski (Carla Gugino) poco prima di riuscire nell’intento. 

Il film, della durata di circa un’ora e quarantacinque minuti, è stato oggetto di una lavorazione molto lunga, ed estremamente contrastata da problemi e ritardi che hanno influito sullo sviluppo finale, tanto da farlo uscire dopo ben cinque anni di gestazione. Ora arriva nella programmazione televisiva della seconda serata, a causa delle ripetute scene di violenza che lo caratterizzano, le quali hanno spinto al divieto di visione per i minori, decretato dalle autorità competenti degli Stati Uniti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori