A CENA CON UN CRETINO/ Il film remake del francese La cena dei cretini

- La Redazione

Questa sera, mercoledì 3 luglio, su Italia 1 va in onda in prima tv il film A cena con un cretino, diretto da Jay Roach, con Paul Rudd e Steve Carell

a-cena-con-un-cretino
A cena con un cretino

Questa sera, mercoledì 3 luglio, va in onda in prima visione tv, su Italia 1 alle 21.10, A cena con un cretino (titolo originale: Dinner for Schmucks), film del 2010 diretto da Jay Roach. Interpretato da Steve Carell e Paul Rudd, il film è il remake della famosa pellicola francese La cena dei cretini, diretta da Francis Veber nel 1998. A cena con un cretino avrà a che fare con la concorrenza delle altre reti Mediaset e di quelle Rai, che propongono alcune novità nel palinsesto estivo. Su Rai Uno vanno in onda in prima visione tv i primi due episodi della seconda stagione della serie poliziesca Last Cop – Lultimo sbirro, con Henning Baum, Maximilian Grill, Proschat Madani e Robert Lohr. Su Rai Due va in onda la prima puntata del talk show Virus – Il contagio delle idee, condotto da Nicola Porro, vicedirettore de Il Giornale. Su Rai Tre è in programmazione una nuova puntata della trasmissione Chi lha visto? condotta da Federica Sciarelli. Su Rete 4 va in onda il secondo appuntamento della prima stagione in replica della fiction Benvenuti a tavola Nord vs Sud, con Giorgio Tirabassi e Fabrizio Bentivoglio. Su Canale 5 viene trasmessa la prima puntata dello show Studio 5 condotto da Alfonso Signorini. Su La7 viene proposto il film thriller The constant gardener – La cospirazione, diretto da Fernando Meirelles e con Ralph Fiennes e Rachel Weisz.

Ecco la trama di A cena con un cretino. Tim (Paul Rudd) è un giovane americano che pone al mondo del lavoro un particolare interesse. Tim ha come grande obiettivo quello di riuscire a fare carriera allinterno dellazienda nella quale lavora come analista di mercato per lo sviluppo del marketing e per questo è disposto a fare qualsiasi sacrificio, nonché a superare qualsiasi prova. Comunque, Tim è uno che conosce molto bene il proprio lavoro e continuamente si aggiorna per presentare al suo capo un standard qualitativo sempre più alto. Grazie al suo impegno, riesce a formulare una attenta analisi per il lancio di un nuovo prodotto, con la quale non solo riesce a conquistare il proprio capo ma addirittura riesce a ingraziarsi lamministratore delegato dellazienda Lance Fender (Bruce Greenwood).

Fender riempie di complimenti Tim, incredulo di  aver trovato una corsia preferenziale che gli possa spalancare le porte il successo allinterno dellazienda. La conferma la ottiene, quando lo stesso Fender, preso atto delle indubbie qualità di Tim, incomincia a frequentarlo con una certa costanza offrendogli quella che agli occhi di un semplice e giovane analista di mercato risuona come la possibilità di fare un decisivo passo in avanti nella scala sociale. Infatti, Fender invita Tim a entrare a far parte di una stretta cerchia di pochi eletti che si riuniscono settimanalmente per una cena. Non si tratta però di una cena qualsiasi, bensì di una vera e propria gara tra i vari partecipanti.

In pratica ognuno di loro deve invitare e portare a cena “un cretino” o per meglio dire un sempliciotto che abbia dei comportamenti non proprio in linea con lo standard. Il partecipante che avrà portato “il più cretino di tutti”, si aggiudica la gara. Ovviamente Tim non vuole assolutamente sfigurare in questa sorta di competizione, ma purtroppo per lui non conosce amici o parenti che abbiano tali credenziali. Un giorno, però, si imbatte in Barry (Steve Carell), un uomo che pare fare al suo caso. Barry si occupa di tassidermia, cioè imbalsama animali per scopi scientifici ma non solo. Inoltre, Barry ha uno stranissimo hobby che pratica durante il tempo libero: riproduce paesaggi e alcune situazioni della vita comune utilizzando topolini imbalsamati con tanto di abiti e accessori. 

Tim coglie l’occasione, fa amicizia con Barry e lo invita immediatamente a partecipare alla cena. Purtroppo, per Tim la conoscenza e la presenza di Barry non porterà i vantaggi che lui aveva pianificato, ma gli stravolgerà completamene l’esistenza dando vita a situazioni surreali che avranno ricadute anche sul proprio lavoro.

Insomma, si tratta di un film esilarante, pieno di situazioni ambigue in piena linea con la classica comicità all’americana. Fanno parte del cast anche Stephanie Szostak nei panni di Julie, Jermaine Clement nel ruolo di Kieran e Zach Galifianakis nelle vesti di Therman. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori