CHI L’HA VISTO?/ Caso Ragusa: Antonio Logli era violento da bambino? Puntata del 18 settembre 2013

- La Redazione

Nell’ultima puntata di Chi l’ha visto?, con Federica Sciarelli, ha affrontato i casi di Roberta Ragusa, Mario Biondo, Silvia Gobbato e Provvidenza Grassi

Sciarelli_chilhavistoR439
Federica Sciarelli, (Chi l'ha visto?)

Nella puntata del 18 settembre della trasmissione Chi lha visto? condotta come sempre da Federica Sciarelli e nel corso della quale sono stati trattati in maniera dettagliati alcuni fatti attuali di cronaca come la morte di Silvia Gobbato, novità sulla scomparsa di Roberta Ragusa, il presunto suicidio di Mario Biondo e il presunto serial killer Andrea Pizzocollo. Proseguono le indagini per scoprire chi abbia ucciso Silvia Gobbato. La donna, come noto, è stata uccisa mentre stava facendo jogging allinterno di parco cittadino di Udine mentre qualcuno le si è avvicinato ed approfittando del posto che in quellorario non era troppo frequentato e lha uccisa. Purtroppo per il momento gli inquirenti non ha una traccia ben definita da seguire anche perché non è stata ancora identificata con precisione quale sia stata larma del delitto e quindi non è stata ancora ritrovata. Per il momento è stato iscritto nella lista degli indagati uno degli amici più stretti di Silvia Gobbato ed ossia Giorgio Ortis. Secondo il giudice per le indagini preliminari, questo è un atto dovuto visto che luomo in cui è avvenuto il tutto si trovasse allinterno della struttura pubblica e quindi potenzialmente potrebbe centrare qualcosa. Infine, gli inquirenti nei giorni scorsi hanno ascoltato il fidanzato di Silva Gobbato e la fidanzata di Ortis, al fine di verificare se vi potessero essere delle possibili piste da seguire. Si parla nuovamente della scomparsa di Roberta Ragusa avvenuta ormai più di un anno e mezzo fa. Per gli inquirenti appare ormai chiaro che la donna non si sia allontanata di propria volontà bensì sia stata uccisa. Nella prossima settimana dopo che il giudice avrà dato il permesso verranno effettuate delle ricerche piuttosto specifiche per il ritrovamento del corpo di Roberta Ragusa o quanto meno di ciò che ne resta, grazie anche allutilizzo di uno georadar molto sofisticato. Intanto, alla redazione di Chi lha visto? è stata recapitata una lettera a firma di un amico di lunga data del marito di Roberta Ragusa, Antonio Logli, che è il principale indiziato, e nella quale viene evidenziato come questultimo sin da piccolo avesse alle volte comportamenti molto violenti che quindi renderebbe plausibile poter pensare a una aggressione ai danni di Roberta. Si parla poi del presunto suicidio di Mario Biondo, italiano trovato morto nel proprio appartamento madrileno e che era sposato con una nota presentatrice televisiva iberica. Vengono lanciati diversi servizi nel corso dei quali si vedono i genitori di Mario che stanno facendo di tutto per ottenere giustizia per il figlio anche perché non pensano assolutamente che possa essersi tolto la vita. Anche la moglie ritiene che possa essere stato ucciso. I genitori lamentano il fatto che la polizia spagnola abbia ritenuto fin dallinizio che si trattasse di suicidio visto che lavevano trovato con un cappio al collo, e quindi non hanno preso in considerazione alcuna altra possibilità non facendo nessunaltra indagine. Lavvocato spagnolo incaricato dalla famiglia di Mario per seguire il caso, evidenzia come vi siano tantissime incongruenze che rendono impossibile il pensare a un suicidio come il fatto che luomo sia stato trovato con un cappio attaccato a uno scaffale che non riportava segni di cedimenti nella sua struttura come invece sarebbe dovuto essere visto il suo peso. Inoltre, vi sono dei lividi sulle ginocchia di cui peraltro la polizia spagnola non aveva messo al corrente la famiglia. Infine, si è ricostruito come proprio in quella notte Mario aveva scambiato alcune battute per mezzo di Facebook con il fratello residente in Italia e non aveva dato nessuno segno che stesse pensando di togliersi la vita. Si parla quindi del presunto serial killer Andrea Pizzocollo che ha ucciso Simona Lavinia. Dalla perquisizione effettuata dagli inquirenti allinterno della propria casa è emerso un vero e proprio database di foto che riportano abusi sessuali da parte del ragioniere nei confronti di circa settanta ragazze. Questo rende la sua posizione sempre più complessa e allo stesso tempo gli inquirenti hanno un quadro piuttosto chiaro di chi hanno difronte. 

Si parla quindi della donna messinese Provvidenza Grassi, della quale non si hanno più notizie da un paio di settimane. Le ultime notizie parlano di come la ricostruzione data dal compagno della donna non abbia trovato riscontro dei fatti e questo starebbe inducendo gli inquirenti che si stanno occupando del caso a inserirlo nella lista dei sospetti qualora si possa dimostrare che la donna non si sia allontanata di propria volontà. Intanto, sono emerse importante novità per quanto riguarda la morte di Madalina Pavlov, la donna che era stata trovata senza vita dopo un volo di diversi metri da un palazzo della città di Reggio Calabria. Infatti, gli inquirenti hanno trovato tracce di dna sulle sue mutandine che potrebbero indicare chi sia stato il suo carnefice. Per il momento le indagini vedono nel mirino il fidanzato Gianluca mentre si cerca di capire chi si celi dietro il nome Tsunami, ed ossia un uomo con il quale la donna si sentiva con una certa frequenza. Infine, ultimo caso della serata è quello di Lucia Francesca Del Monte, della quale non si hanno più notizie. La donna si era fatta sedurre da un certo Renato Zambon, rivelatosi poi un uomo senza scrupoli, o quanto meno questo è quello che sembra emergere dalle dichiarazioni di familiari, che mirava soltanto al portarle via del denaro. Potrebbe essere questa la pista giusta in quanto potrebbe aver subito delle pressioni per denunciarlo. Le indagini nel frattempo vanno avanti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori