Ballarò / Galletti: nuovi fondi a disposizione per la città di Genova. Puntata 14 ottobre 2014

- La Redazione

Stasera in tv su Rai 3 troviamo una nuova puntata di Ballarò. Con le anticipazioni vediamo chi saranno gli ospiti della trasmissione condotta come sempre da Massimo Giannini

ballaro-giannini
Massimo Giannini

Ballarò, riassunto puntata 14 ottobre 2014 – Nella puntata di martedì 14 ottobre 2014 del talk show di Rai Tre, Ballarò, condotto da Massimo Giannini, sono presenti in studio per dibattere sui vari temi che vengono sviluppati nel corso della serata il geologo Mario Tozzi, il Ministro dellAmbiente e della tutela del Territorio e del mare Gianluca Galletti, il capo nazionale della Protezione Civile Franco Gabrielli, la Governatrice della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, lex Ministro dellEconomia Giulio Tremonti, leconomista Tito Boeri, Irene Tinagli di Scelta Civica ed Annamaria Furlan, neo segretario del sindacato della Cisl. Nellormai classico editoriale di apertura di puntata, Massimo Giannini rimarca tutti i colpevoli di quello che è accaduto a Genova per lennesima alluvione, non facendo sconti a nessuno, compreso lo stesso capo della Protezione Civile che come detto è ospite in studio. La prima parte della trasmissione è incentrata su questa vicenda e vede dibattere Tozzi, il Ministro Galletti e Franco Gabrielli. Tozzi sottolinea come purtroppo lemergenza nubifragi sia tuttaltro che superata, facendo presente come stia colpendo altre zone del Paese e di come proprio in queste ore nella provincia di Grosseto siano morte altre due persone dopo la vittima di Genova. Galletti sottolinea come lui si stia prendendo le proprie responsabilità, recandosi nelle zone alluvionate, aggiungendo come sia arrivato il momento di cambiare le cose e nelle smettere di essere il Paese nel quale si fanno le polemiche nel giorno dopo le tragedia, per poi lasciare che tutto vada nel dimenticatoio. Tozzi sottolinea con vigore come sia assolutamente necessaria una legge sul consumo del suolo, e di come occorra prendere coscienza che lItalia presenti un territorio per il 75% composto da colline e montagne, per cui bisogna convivere con queste problematiche prendendo le opportune contromisure. Galletti invece tuona contro il diffuso fenomeno messo in essere in passato del condono edilizio. Giannini stuzzica Gabrielli sul fatto che avrebbe dovuto denunciare molto prima di non essere in possesso degli strumenti per gestire tali genere di emergenze. Gabrielli replica facendo notare di averlo già detto in tempi non sospetti. Dopo un servizio che testimonia dellarrivo a Genova di Beppe Grillo che peraltro è stato oggetto di contestazioni, Tozzi rimarca come ci sia anche un problema di cultura, poiché i cittadini italiani non sanno come comportarsi in queste situazioni per abbassare il rischio. Galletti è daccordo con Tozzi ed inoltre aggiunge come il Governo abbia già reso disponibili nuovi fondi per mettere in sicurezza la città. Gabrielli intanto difende loperato della Bocchiardo, dirigente della protezione civile di Genova, che a suo dire ha meritato il bonus ottenuto e che tutte le critiche piovute su di essere sono soltanto effetto di pura demagogia. Secondo Tozzi, le maggiori colpe del dissesto idrogeologico in cui si trovano diverse zone dellItalia, sono da attribuirsi alle amministrazioni comunali che hanno elargiti permessi di costruire dove non doveva essere fatto. Si parla del fatto che Renzi, stando al sondaggio realizzato dalla Ghisleri, sarebbe dovuto andare a Genova, che però non trova daccordo Galletti che sottolinea come in queste situazioni non sia la cosa migliore da fare. Entrano in studio gli altri ospiti di serata e si cambia argomento parlando di riforma del lavoro, prendendo spunto dalle parole di Beppe Grillo, che di fatto è molto critico nei confronti del cosiddetto Job Act, sparando a zero anche nei confronti degli economisti di non aver individuato la ricetta giusta per uscire dalla crisi del lavoro. Mentre Tremonti dà ragione a Grillo, sottolineando come lui nel suo libro del 2007 aveva previsto tutto, Boeri rimarca come la politica non abbia seguito le indicazioni date dagli economisti. Botta e risposta tra Boeri e Tremonti, con il primo che gli ricorda le sue responsabilità su quanto accaduto. Serracchiani, invece, evidenzia la manovra che Renzi sta per varare e che dovrebbe prevedere un corpulento abbattimento del livello di tassazione per complessivo 18 miliardi di euro, ricordando come mai la Destra sia riuscita ad abbassarle. La Tinagli invece è ancora scettica, perché etichetta la manovra come solo annunci e per il momento nulla di concreto. Inoltre, introduce il tema delle coperture di tale operazione di abbattimento. Viene prima mandato in onda un servizio nel quale si vede Renzi alla riunione di Confidustria tenutasi nella città di Bergamo e quindi uno in cui viene intervistata la Mercegaglia, che nasconde di attendersi una valutazione molto positiva da parte dellEuropa nei confronti della manovra che sta per mettere in atto Renzi. La Serracchiani sottolinea come il Governo stia migliorando proprio i punti deboli che non consentono la creazione del lavoro e nello specifico abbattendo le tasse. Tremonti sembra apprezzare limpronta che sta dando il Governo anche rispetto lEuropa ossia non sforando la soglia del 3%. La Serracchiani poi aggiunge che verranno supportate economicamente anche le famiglie, mentre Boeri attende che arrivino delle proposte concrete sulla manovra per poterne giudicare e valutare la possibile efficacia. Furlan fa presente come non occorra per forza prendere per oro colato quello che viene imposto dallEuropa, ed anzi occorrerebbe far capire che tutti gli investimenti tesi a creare crescita siano più che giustificati. Si parla di tagli con la Tinagli, che si augura che il Governo possa attuare quanto sbandierato su tale argomento. Boeri palesa dei dubbi sul fatto che dalla spending review si possano ottenere ben 16 miliardi di euro, mentre la Frantoianni fa presente come sia di centrale importanza riuscire a spendere molto meglio le risorse, rispetto a quanto avvenuto in passato. Questultima poi aggiunge come Landini sia ancora un punto di riferimento per la sinistra mentre la Serracchiani sottolinea come lobiettivo del Pd sia quello di arrivare ad essere il partito del 51%.

Ballarò, diretta streaming puntata 14 ottobre 2014 Va in onda stasera su Rai Tre il consueto appuntamento con la trasmissione Ballarò, visibile anche in diretta streaming. Alla conduzione questanno troviamo Massimo Giannini, ex vicedirettore de La Repubblica. Il titolo della puntata di stasera è LItalia dei dissesti tra fango e conti pubblici. Clicca qui per seguire la diretta streaming di Ballarò su Rai.tv

Ballarò, anticipazioni e ospiti puntata martedì 14 Ottobre 2014 – Gli ospiti della puntata odierna di Ballarò, in onda su Rai Tre a partire dalle 21.05, sono Debora Serrachiani, Giulio Tremonti, Annamaria Furlan, Irene Tinagli, Nicola Fratoianni, Tito Boeri e Franco Gabrielli. La pagina Facebook ufficiale del talk show condotto da Massimo Giannini annuncia i protagonisti dellappuntamento di questa sera e i fan commentano così: Serracchiani,Tremonti ecc…Allora si che cambio canale, Ma Tremonti è sempre in tv?, Mi piace molto il nuovo taglio giornalistico della trasmissione. E mi piace come conduce Massimo Giannini, Sarà una bellissima puntata e Ottimo ,però non avete un contraddittorio.

Ballarò, anticipazioni e ospiti puntata martedì 14 Ottobre 2014 – Il martedì sera di Rai Tre fa rima con Ballarò, il programma di approfondimento politico ed economico condotto da Massimo Giannini, ex vice direttore de La Repubblica, dopo l’addio di Giovanni Floris, ora a La7. Lappuntamento odierno, intitolato LItalia dei dissesti tra fango e conti pubblici parlerà diffusamente della tragica alluvione che ha colpito Genova: una città messa in ginocchio da tre giorni di pioggia e trasformata in un fiume di fango. Di chi sono le responsabilità? Partendo da questo interrogativo il dibattito prenderà il là e sarà animato dal presidente della Regione Friuli Venezia Giulia e vice segretario del Partito Democratico Debora Serracchiani, lex ministro dellEconomia Giulio Tremonti, il neo segretario della Cisl Annamaria Furlan, lonoervole Irene Tinagli  di Scelta Civica, il coordinatore nazionale di Sinistra Ecologia e Libertà Nicola Fratoianni e leconomista Tito Boeri. Nel corso della puntata Massimo Giannini ospiterà il ministro dellambiente Gian Luca Galletti e il capo della Protezione Civile Franco Gabrielli. E domani, mercoledì 15 ottobre, il governo presenterà ufficialmente la Legge di Stabilità. In chiusura andrà in onda la terza puntata della mini web serie satirica Il Candidato intitolata La macchina del fango nella quale il protagonista, interpretato da Filippo Timi, prosegue la sua campagna elettorale senza esclusione di colpi contro Santachiara, magistrato antimafia candidato della coalizione contraria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori