THE MENTALIST 6/ Anticipazioni e video promo puntata di oggi 5 novembre: Lisbon e Jane indagano sull’omicidio di Madison

- La Redazione

Questa sera su Rete 4 va in onda una nuova puntata della sesta stagione di The Mentalist. Le anticipazioni degli episodi Le ali argentate del tempo e Foresta verde

the_mentalist_phixr
The Mentalist

Torna la sesta stagione di The Mentalist su Rete 4, dove questa sera verranno trasmessi in prima tv gli episodi numero 17 e 18 rispettivamente intitolati “Le ali argentate del tempo” e “Foresta Verde”. Come vediamo anche nei video promo pubblicati su YouTube al momento delluscita in prima visione assoluta negli Stati Uniti sul canale Cbs, nel primo appuntamento Jane e l’FBI devono dimostrare l’innocenza di un detenuto rinchiuso nel braccio della morte in appena due giorni, mentre nel secondo Jane si infiltra in un mondo di denaro e potere per stanare un assassino che ha ucciso una donna in un club. Clicca qui per vedere il video promo del e del

Questa sera, mercoledì 5 novembre, su Rete 4 va in onda un nuovo appuntamento con la sesta stagione di The Mentalist con gli episodi Le ali argentate del tempo e Foresta verde. Ma prima di scoprire le anticipazioni rivediamo quanto successo settimana scorsa. C’è un assassino in giro ed è a acccia degli ex membri del CBI. Grace (Amanda Righetti) è caduta nelle sua grinfie nello scorso episodio e ora Jane “Simon Baker” e gli altri tentano in tutti i modi di trovarla prima che sia troppo tardi. Kim (Emily Swallow) ha la possibilità di torichiare quello che pensa essere il colpevole, Richard, ma il suo avvocato fa pressioni per liberarlo, dal momento che non possono inchiodarlo. Kim prova ad affrontare con lei la questione da un punto di vista umano. Le dice in pratica che entrambe sanno che è lui il colpevole, e dunque le chiede di non essere fiscale. L’avvocato però è decisamente scortese, e dice d’essere pagata per offrire il meglio al suo cliente. Intanto Grace è sola in una foresta innevata, alla ricerca di qualcuno che posa soccorrerla. Arriva un SUV e lei sale a bordo, dove trova una donna. Si scopre, grazie a Wally, che Richard ha una sorella. Si chama Hazel ed è proprio la donna in cui Grace è incappata. La porta in un cabinato differente rispetto a quello dal quale è fuggita in precedenza, dicendole che lì ha un telefono, dato che in auto non c’è segnale. Sul posto però manca la corrente elettrica, dunque nessun telefono fisso funzionerebbe. La donna infatti mente, prende una pistola e immobilizza Grace, che vorrebbe però qualcosa di caldo da bere dato il gelo provato. Hazel attende Richard, così che lui possa gestire la questione ostaggio in prima persona. Richard è fuori dalla centrale. Crede d’avercela fatta e dice al suo avvocato che Patrick dovrà soffrire più di tutti. Jane e Wayne (Owain Yeoman) però passano alle maniere forti, prendendo in mano la situazione e bloccando l’auto dell’avvocato, mandato via. Ora i tre sono soli, e con Grace in pericolo tutto può succedere. Intanto Hezel racconta la propria storia a Grace, parlandole della madre fuggita e del padre violento e ubriacone che li massacrava. Anche Grace racconta la propria storia, guadagnando del tempo, ma Hazel se ne rende conto e la stordisce, tappandole poi la bocca. Wayne picchia selvaggiamente Richard, scaraventandolo anche fuori dall’auto. Spara a pochi centimetri dalla sua faccia, per spaventarlo, e poi lo ricopre di benzina. Nel momento d’ira si lascia sfuggire l’arma, che viene presa dall’uomo, che li fa salire in auto e li porta da Grace. Wally pensa Richard sia in New Mexico, dov’erano i suoi nonni, insieme a gli altri membri scomparsi. Il gruppo scopre una casella postale di Hazel a Santa Fe. Richard li conduce nella prima cabina, dove non c’è nessuno, e poi raggiunge la sorella. Teresa (Robin Tunney) convince Abbot (Rockmond Dunbar) che la loro idea sul Nex Mexico è corretta e mobilita il gruppo. Intanto il piano di Patrick funziona. La pistola che ha Richard è scarica. Wayne la riprende, la carica e costringe l’uomo a chiamare la sorella, che però non si mostra. La situazione la salva Wayne, che si becca alcuni colpi ma riesce a metter fuori gioco Hazel e a uccidere Richard. Infine si ritrova in ospedale con tutti intorno, e ancora una volta rifiuta l’offerta di tornare nell’FBI.

Patrick si offre di aiutare la squadra speciale addetta ai furti d’arte. La vittima è John, marito di Sylvia, proprietaria unica di alcuni quadri importanti. Uno di questi è stato rubato dall’assassino. La pista porterebbe a un tal Anthony, ma mancano le prove sufficienti per incastrarlo. L’idea di Patrick è quella di andare sotto copertura, fingendosi un appassionati d’arte e di aste. Ci sono delle telecamere nascoste nel bar preferito del sospettato, con Patrick e Lisbon che si fingono una coppia appassionata del genere, mentre Cho (Tim Kang) rappresenta i muscoli e sta di guardia. Tutta la squadra è pronta, con Wiley alle telecamere e Abbot che finge di bere qualcosa e guardare una partita. Cho fa partire una rissa contro Aaron, aggredendolo. La cosa viene risolta da Abbot, al quale viene offerto un drink da Aaron in un altro locale. Aaron viene abbordato da Teresa, che alla fine riesce a venir fuori dalla sua morsa, tornando in camera, dove trova McKay, che si occupa di compravendita di opere rubate. Intanto Pyke prova a informarsi discretamente sulla situazione sentimentale di Teresa. In particolare chiede alla squadra se lei e Patrick abbiano o no una relazione. 

Scoperto che i due si punzecchiano soltanto, senza avere nulla di vero in ballo, decide di iniziare a fare le sue mosse su di lei. Patrick e Lisbon hanno anche un’enorme casa, utile solo per questo caso. Aaron viene attirato lì per rubare un quadro ed essere colto in flagranza. McKay è in combutta con Aaron, il quale fa un sopralluogo della casa. Dopo racconta il tutto al suo socio, dicendogli che in fondo basteranno quattro minuti per entrare, rubare e uscire. McKay scopre una ricetrasmittente sul quadro da rubare, una volta entrato in casa con Aaron e sequestrato la finta coppia. Il tutto però è programmato, dal momento che Patrick, dopo che Teresa ha catturato Aaron, lascia fuggire McKay, il quale toglierà anche i guanti a un certo punto della fuga, portandolo dritto tra le braccia della squadra, sfruttando una banda musicale che gli impedisce di prendere una strad e scegliere l’altra. Il caso viene chiuso dunque, ma c’è ancora qualcosa da vedere. Pyke esce con Teresa, lasciando Patrick solo in casa.

Trama puntata 4 novembre 2014 – In “Le ali argentate del tempo” il fratellastro di un condannato a morte rimane ucciso in un presunto attentato. La strana coincidenza riapre un vecchio caso: l’omicidio di una donna da parte del condannato. Patrick Jane e l’intera squadra indagano. I sospetti si concentrano subito sul marito, famoso professore universitario di psicologia, risposatosi con una giovane e bella studentessa. In “Foresta verde” Lisbon e Jane indagano sull’omicidio di Madison, una ragazza che viene trovata morta in un parco nazionale vicino a un prestigioso club per soli uomini frequentato da persone importanti. Inizialmente i responsabili del club negano che la ragazza frequentasse il club. Lisbon e Jane riescono però a provare che la ragazza è stata uccisa lì e che all’interno del club c’era un vera e proprio casa d’appuntamenti dove Madison lavorava.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori