CUORE RIBELLE / Anticipazioni puntata 10 novembre 2014: Carranza verrà arrestato da Olmedo

- La Redazione

Cuore Ribelle, anticipazioni puntata 10 novembre 2014: Carranza non ricorderà di essere un bandito e, nonostante l’aiuto di Sara e Marcial, verrà arrestato da Olmedo.

cuore_ribelle_r439
Cuore Ribelle in onda su Rete 4

Domani, lunedì 10 novembre 2014, riprendono i consueti appuntamenti con Cuore Ribelle, la serie tv in onda su Rete 4 a partire dalle 8.15, dal lunedì al venerdì. Prima di vedere qualche anticipazione, ecco cosa è successo nella scorsa puntata: Sara (Marta Hazas) apprende che Eugenia (Sara Rivero) si è fidanzata con Antonio, e si augura che l’uomo sia la persona giusta per la giovane. Poco dopo incontra proprio l’ingegnere e gli porge le sue felicitazioni per l’imminente matrimonio, anche se sembra insinuare che lui stia sposando la giovane Montoro soltanto per interesse: l’uomo tronca bruscamente il discorso. Eugenia esprime ad Antonio la felicità che prova per le loro future nozze, ma confida al fidanzato che suo fratello Alvaro (Ivan Hermes) pare essere contrario al matrimonio: l’uomo cerca di rassicurare la ragazza facendole presente che il loro amore supererà ogni ostacolo. Poi, si avvicinano a loro due mendicanti e l’ingegnere li caccia via in malo modo, raccontando alla Montoro di aver cominciato a prendere in antipatia coloro che chiedono l’elemosina quando si trovava nelle Filippine, così la giovane gli fa notare che non le aveva mai raccontato di essere stato così lontano. Carmen (Pastora Vega) è preoccupata per Juanito (Adrian Salzedo), che a breve partirà con l’esercito per le Filippine e si duole per la sorte che colpisce i poveri, che non riescono mai a migliorare le proprie condizioni di vita, ma Juanito cerca di consolare la madre e di convincerla a non preoccuparsi per lui. Eugenia condivide con Margarita (Carolina Clemente) la sua felicità per il matrimonio con Antonio e chiede alla giovane di farle da testimone: l’amica è costretta a rifiutare perchè il giorno dopo partirà assieme al padre per il nord della Spagna e perciò non potrà essere presente nemmeno alle nozze. Eugenia le chiede poi se è davvero finita con Alvaro e la giovane le risponde che non può essere altrimenti, dato che suo fratello non la ama.

Sara dona al governatore una copia in lingua spagnola di Grandi speranze di Charles Dickens e l’uomo le rivela di apprezzare sempre molto i suoi articoli, che offrono una lettura critica e un punto di vista non convenzionale sugli avvenimenti. I due cominciano poi a parlare dell’articolo che la Reeves ha scritto su Carranza (Juan Gea) e il governatore fa sapere alla ragazza di essersi trovato d’accordo con le sue parole e promette di impegnarsi per sradicare le ingiustizie nel territorio che governa. I due mendicanti arrivati ad Arazana giungono nella taverna di Pepe (Juanjo Cucalon) e uno dei ha un alterco con padre Damian (Joaquin Hinojosa) che finisce soltanto con l’intervento di Morales (Tomas Del Estal): la guardia non riconosce Carranza, che è il mendicante che ha litigato col parroco, pur pensando che l’uomo ha un viso conosciuto. Roberto (Isak Ferriz) torna deluso dal suo viaggio compiuto alla ricerca di finanziamenti ed è infuriato con Alvaro, perché ha saputo dall’impiegato di uno degli istituti di credito nei quali si è recato che il giovane Montoro ha imposto alle banche di non concedergli del denaro. Per questo, nonostante Carmen cerchi di dissuaderlo, il giovane Perez è intenzionato a recarsi alla tenuta dei Montoro per avere un faccia a faccia col suo acerrimo nemico. Sara chiede a Miguel (Carles Francino) di raccontargli qualcosa del suo passato, ma il tenente Romero non pare avere molta voglia di soddisfare la sua richiesta. 

Martina (Laura Ramos) e don Elvira scoprono di avere in comune l’antipatia che provano per la Reeves e mentre parlano il discorso cade su Eugenia e sulle sue imminenti nozze con Antonio: la moglie del governatore rimane di sasso nell’apprendere la notizia, anche se cerca di non darlo a vedere. Marcial (Marcial Alvarez) riconosce Carranza e capisce che l’uomo ha perso la memoria, così allontana l’altro mendicante per portare con sé l’ex compagno, allo scopo di curarlo e spiegargli chi è in realtà. Dopo aver saputo del matrimonio di Antonio con Eugenia, don Elvira alza parecchio il gomito, dando poi spettacolo alla locanda della Mana quando si ritrova di fronte l’ingegnere: la donna è sconvolta e intima all’uomo che non può trattarla come una poco di buono. Marcial porta Carranza da Sara, spiegandole che l’uomo ha perso la memoria, e la Reeves è molto felice del ritorno del bandito, anche se Marcial la avverte del fatto che c’è l’eventualità che l’uomo non recuperi più la memoria. Roberto giunge al cospetto di Alvaro per dirgli che non riuscirà a fermarlo, ma rimane senza parole nel sapere che il rivale ha pagato l’esenzione militare che consentirà a Juanito di non partire, cosa che allevierà parecchio la preoccupazione di Carmen.

Cuore ribelle, puntata 10 novembre 2014. La trama – Sara e Marcial aiuteranno in tutti i modi Carranza, che avendo perso la memoria, non ricorda di essere un bandito. Solo un cartello che afferma una taglia sulla sua testa lo convincerà che quella è la verità. Olmedo arresterà Carranza e non crederà, all’inizio, che ha perso la memoria. Dopodiché, proverà a fargliela tornare a modo suo. Roberto si ubriaca per la delusione e si reca alla stamperia…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori