L’ultima legione, stasera su Rai 3 il film con Colin Firth basato sul romanzo di Valerio Massimo Manfredi. La diretta streaming

- La Redazione

Questa sera, venerdì 12 dicembre, su Rai Tre va in onda il film “L’ultima legione”, diretta da Doug Lefler con Colin Firth. La storia si ispira a uno dei romanzi di Valerio Massimo Manfredi

telecomando_R439
InfoPhoto

Rai Tre manda in onda questa sera il film Lultima legione, trasmesso anche in diretta streaming. Si tratta di una pellicola ispirata allomonimo romanzo di Valerio Massimo Manfredi. Il film ripercorre la storia dellultimo imperatore romano Romolo Agustolo. Clicca qui per vedere la diretta streaming del film Lultima legione su Rai.tv

Rai Tre manda in onda questa sera il film Lultima legione, con Colin Firth e Ben Kinglsey. Il film racconta la storia dellimperatore romano Romolo Agustolo e l’inizio della leggenda di Re Artù. La storia ha inizio quando Odoacre isparmia la vita all’imperatore e lo imprigiona nella fortezza di Capri. Ma non è tutto perduto 

Questa sera, venerdì 12 dicembre, su Rai Tre va in onda il film “L’ultima legione“, pellicola italiana uscita nel 2007, che ha visto alla regia Doug Lefler. La storia si ispira a uno dei romanzi scritti dal famoso romanziere Valerio Massimo Manfredi ed è dedicata al periodo che ha portato alla fine dell’Impero Romano d’Occidente, trattando anche il tema della nascita della leggenda legata alla figura di Re Artù. Lo stesso Valerio Massimo Manfredi ha avuto un ruolo attivo nella produzione, agendo come consulente; la pellicola presenta, comunque, diverse variazioni rispetto a quanto riportato sulle pagine del libro, lasciando maggiore spazio ai sentimenti e all’amore rispetto a quanto avvenuto su carta. Il film ha avuto un’ottima accoglienza nei cinema italiani, riuscendo a piazzarsi al terzo posto tra i film più visti al cinema nella prima settimana dalla sua uscita. Nella classifica annuale dei film più visti in Italia si è aggiudicato la novantaquattresima posizione.Le vicende vengono narrate da Ambrosinus (Ben Kingsley); nato in Britannia Ambrosinus è a conoscenza della leggenda che si è sviluppata attorno alla spada posseduta da Giulio Cesare. L’arma è passata di mano in mano tra i vari imperatori romani giungendo a Tiberio; dopo la morte di quest’ultimo la spada è stata nascosta per evitare che finisse nelle mani sbagliate e utilizzata per compiere malvagità.

Ambrosinus finisce per diventare il tutore di Romolo Augusto (Thomas Sangster); il padre di quest’ultimo, Oreste (Iain Glen), regna nella città di Roma, pur non essendo un imperatore. 24 ore prima di essere incoronato Odoacre (Peter Mullan), il comandante dei Goti barbari (che sono alleati di Roma), desidera entrare in possesso di un terzo del territorio italiano; Oreste, però, non vuole fare concessioni e rifiuta quanto chiesto da Odoacre. Sempre nello stesso giorno Romolo si incontra con Caio Antonio, soprannominato Aurelius (Colin Firth). Dopo che Romolo viene incoronato, Roma viene attaccata dagli stessi Goti; gli uomini di Aurelius, che dovrebbero difendere proprio l’imperatore, finiscono uccisi. Lo stesso Aurelio viene dato per morto anche se, in realtà, è solamente svenuto. Oreste, invece, ad essere ucciso, mentre Romolo viene catturato. Il giorno successivo Odoacre, che ora ha la possibilità di governare su tutto l’Impero occidentale, prende la decisione di uccidere Romolo, ma viene dissuaso da Ambrosinus. Romulo finisce per essere esiliato a Capri assieme allo stesso Ambrosinus.In pratica finisce per vivere in una villa adibita a prigione; Romolo, però, ha la fortuna di scoprire casualmente, all’interno della stessa villa, una statua raffigurante Giulio Cesare. Nei pressi della statua viene trovata anche la spada. A salvare sia Romolo che Ambrosinus è Aurelio, aiutato da 3 legionari sopravvissuti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori