BALLAR/ Video, Copertina di Crozza puntata 16 febbraio: il governo come le pizzerie in cui si mangia male e ogni sei mesi cambiano gestione

- La Redazione

La copertina di Crozza aprirà anche la puntata di Ballarò in onda questa sera su Rai Tre, che si può seguire anche in streaming. Vediamo chi sono gli ospiti di Floris

Giovanni_Floris
DiMartedì

La puntata di Ballarò, in onda eccezionalmente di domenica per evitare la sovrapposizione con la prima puntata del Festival di Sanremo ha come argomento principale la “staffetta Letta-Renzi”. Gli ospiti di questa puntata sono: Enrico Giovannini, ministro del lavoro e politiche sociali del governo Letta, Maurizio Gasparri di Forza Italia e vicepresidente del Senato, Matteo Richetti del Partito Democratico, Maurizio Landini segretario generale della FIOM-GCIL, Valerio Onida presidente della Corte Costituzionale, Fabio Franceschini imprenditore veneto, Aldo Cazzullo editorialista del Corriere della Sera, Lucia Annunziata giornalista e presentatrice, in collegamento da Cagliari Roberto Cotti del Movimento 5 Stelle e Lidia undierni, studiosa di diritto ed economia.La puntata comincia con il consueto cameo comico di Maurizio Crozza. Il tema principale non poteva non essere quello della staffetta al governo tra Letta e Renzi. Il comico genovese paragona la successione dei tre governi Monti-Letta-Renzi ad una pizzeria che cambia continuamente gestione ma dove all’interno rimangono sempre le stesse persone e lo stesso servizio scadente. Fa poi l’imitazione di Renzi, il quale dopo la scalata al governo italiano, sarebbe anche pronto a prendere il posto del presidente Obama: “Ma se Renzi ha fatto tutto questo a Letta che era suo amico, a noi italiani che neanche ci conosce cosa ci fa?”. Rivolgendosi poi all’ospite in studio Maurizio Landini lo invita ad un cambio di look con un po’ di gel, una giacca con borchie per poter entrare a far parte del nuovo governo guidato da Renzi. Infine Crozza ha svelato il motivo per il quale la Lega Nord non ha partecipato alle consultazioni al Quirinale: “Ora che non cè più Kyenge, con chi se la prende la Lega? Ce lo vedi Bossi che insulta Baricco?” Clicca qui per vedere il video della copertina di crozza in streaming online

Il ministro del governo uscente Giovannini prova un po’ di amarezza a essere stati messi da parte e afferma che il governo Letta ha fatto molto in questi dieci mesi e l’operato non è stato riconosciuto da tutti. Afferma inoltre che il nuovo governo presieduto da Renzi potrà partire dai risultati positivi raggiunti e fare molto di più. Maurizio Gasparri sostiene invece che l’operato del governo Letta sia stato deludente sia dal punto di vista delle riforme che non sono decollate e sia per quanto riguarda l’aspetto economico. Polemizza altresì sul comportamento di Renzi, il quale avrebbe dichiarato di non voler andare al governo senza prima delle regolari elezioni. Cotti del Movimento 5 Stelle si fa portavoce del pensiero collettivo del suo movimento e crede che la democrazia debba venire dal basso e che si può decidere in Parlamento come cambiare governo. Il presidente della Corte Costituzionale Onida dice che il procedimento che è stato messo in atto risulta essere ineccepibile dal punto di vista costituzionale e che bisognerà aspettare per esprimere un giudizio sul futuro operato del nuovo governo.

L’imprenditore veneto Franceschini afferma che la situazione degli imprenditori in Italia è disastrosa, sono numerosi coloro che si tolgono la vita perché non riescono più a far fronte ai numerosi e gravosi problemi. Fa notare inoltre come il governo Letta non abbia preso parola in merito alla questione FIAT la quale ha deciso di lasciare definitivamente il territorio italiano e delocalizzare altrove la produzione.Aldo Cazzullo pur avendo dei dubbi sul governo Renzi afferma che il sindaco di Firenze ha energia e carisma che non si erano mai visti in un politico italiano, ed aggiunge che in una Italia che ha smesso ormai di sperare c’è bisogno di uno scossone per ripartire e Renzi potrebbe favorire questo processo. Lucia Annunziata invece non è d’accordo con quanto affermato da Cazzullo e ricorda che Renzi non ha portato quel cambio in politica che aveva promesso. Richetti del PD afferma che Renzi non può essere in nessun modo paragonato a Monti e Letta perché è stato in qualche modo legittimato con le primarie.Landini sostiene che il governo che si andrà a formare è composto dalle stesse persone e dunque sorge l’interrogativo su cosa faranno di diverso e la risposta è: nulla. Tra Landini e Gasparri scoppia un litigio ed è costretto a intervenire il presentatore Floris per placare gli animi.

Viene mostrata un’intervista a Gianroberto Casaleggio il quale afferma che il Moviemento 5 stelle continuerà a fare opposizione a questo governo e che il loro intento è sempre quello di operare per portare beneficio ai cittadini attraverso le leggi. Gasparri torna a dire che Berlusconi è un leader di partito e continua ad avere un grande elettorato, per questo motivo ha il diritto di rimanere al Quirinale ed aggiunge che senza Berlusconi non vi è alcuna alternativa alla sinistra italiana. Cotti ribadisce il concetto che la politica italiana ha bisogno di essere ripulita dalle fondamenta e che non credono di potersi alleare con nessuno in parlamento e Richetti a questa affermazione ribadisce che il Movimento 5 Stelle non ha nessuna proposta alternativa.Seguono i sondaggi di Nando Pagnoncelli sulla speding review, il jobs act, la staffetta Letta-Renzi, e chi il popolo italiano voterebbe oggi. La puntata si chiude con un nuovo scontro verbale fra Landini e Gasparri placato nuovamente dal conduttore Giovanni Floris.

La copertina di Crozza precederà come sempre il dibattito in studio nella puntata di Ballarò in onda questa sera. Più in basso trovate gli ospiti e i temi che verranno trattati in puntata. Possiamo però immaginare che anche il comico genovese non si esimerà dal descrivere a modo suo quanto sta accadendo nel nostro Paese, con una nascita a tempi record di un governo guidato da Matteo Renzi dopo le dimissioni di Enrico Letta. Già martedì, nella scorsa puntata di Ballarò, Crozza aveva fatto alcune battute sulla probabile staffetta Letta-Renzi, ma ora potrà commentare proprio la nascita di un esecutivo guidato dal segretario del Pd. Potrebbe anche imitarlo, cosa già fatta martedì. Ci sono poi le fibrillazioni nel centrodestra e il ruolo che sta avendo Berlusconi, che è stato anche al Colle per le consultazioni, non senza qualche polemica vista la sua condanna in via definitiva. Non è escluso che Crozza dica anche la sua in merito alla querelle tra Elkann e Della Valle, dopo che il rampollo di casa Agnelli ha detto che i giovani italiani non cercano lavoro perché stanno bene a casa. Oggi poi si vota in Sardegna, mentre la Lega ha manifestato a Firenze: altri possibili temi per Crozza, ma anche per gli ospiti di Giovanni Floris in una puntata che è possibile seguire anche in diretta streaming cliccando qui.

Mancano poche ore alla puntata di Ballarò, come sempre condotto da Giovanni Floris, che questa settimana va in onda di domenica, per non scontrarsi martedì 18 febbraio con la prima serata del Festival di Sanremo. Tra gli ospiti di Giovanni Floris ci saranno Enrico Giovannini, Matteo Richetti del PD, Maurizio Gasparri di Forza Italia, Maurizio Landini, il presidente emerito della Corte Costituzionale Valerio Onida, la studiosa di diritto ed economia Lidia Undiemi, limprenditore Fabio Franceschi, Lucia Annunziata e Aldo Cazzullo. La carrellata degli ospiti non è stata accolta con grande entusiamo su Facebook, in particolare Gasparri. “Ancora Gasparri… e basta????”, “Ma Gasparri ha l’abbonamento?!!????” e “Ma Gasparri paga per venire in trasmissione?… Ecco spiegato…”. Non mancano critiche generali alla trasmissione: “Vediamo, vediamo se posso leggere il futuro nella tazza del mio cafe ? il PD a 38%, FI 32%, M5S 12,8%… sì sì. E come sempre tutto costituzionale in Italia, mi raccomando! Niente verità” e? “Ballarò è diventato il teatrino degli spot elettorali dei politucoli di destra e di sinistra”. Infine qualcuno ammette di seguire il programma di Floris solo per vedere la copertina di Maurizio Crozza: “?????Io lo guarodo solo per vedere Crozza almeno quando li imita fa ridere???????”. Ma il comuco genovese ci sarà questa sera?

Questa sera, domenica 16 febbraio 2014, alle 21.10 su Rai Tre va in onda eccezionalmente una nuova puntata di Ballarò, il talk show condotto da Giovanni Floris. Non ci sarà quindi l’appuntamento settimanale del martedì, che questa settimana conincide con la prima puntata del Festival di Sanremo 2014. E a questo proposito Floris e soci sostituiscono Fabio Fazio e Luciana Littizzetto impegnati nei preparativi all’Ariston che già ieri hanno reso impossibile la messa in onda di Che tempo che fa. “Matteo Renzi alla guida del Paese, dopo Monti e Letta. Cambia il premier, non le sfide che lesecutivo ha davanti. E soprattutto non cambia la maggioranza di governo”, questi i temi che verranno affrontati nel corso della puntata.

Tra gli ospiti di Giovanni Floris il ministro del Lavoro uscente Enrico Giovannini, Matteo Richetti del Pd, il vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri di Forza Italia, il segretario generale della FIOM-CGIL Maurizio Landini, il presidente emerito della Corte Costituzionale Valerio Onida, la studiosa di diritto ed economia Lidia Undiemi, limprenditore Fabio Franceschi, la giornalista e conduttrice tv Lucia Annunziata, leditorialista del Corriere della sera Aldo Cazzullo. Come sempre in studio ci sarà il presidente della Ipsos Nando Pagnoncelli con i suoi sondaggi e non mancherà la copertina di Maurizio Crozza. Sarà possibile seguire la puntata di Ballarò anche in live twitting su twitter.com/RaiBallaro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori