PRESADIRETTA/ Diretta streaming puntata 17 marzo 2014: Made in Italy, stiamo diventando “la Cina del lusso”?

- La Redazione

Va in onda questa sera una nuova puntata di Presadiretta. Le anticipazioni dicono che in questo appuntamento il programma ci condurrà alla scoperta del Made in Italy

presadiretta_iaconaR439
Riccardo Iacona

Nella puntata di Presadiretta in onda questa sera, lunedì 17 marzo, Riccardo Iacona e la sua squadra parleranno della crisi di uno dei settori dell’economia italiana simbolo di cultura e qualità: il Made in Italy. L’inchiesta è stata girata in Italia, Francia e Bangladesh. Ricordiamo che la trasmissione si può seguire, sempre dalle 21.10, anche in diretta streaming sul sito della Rai cliccando qui.

Va in onda questa sera, lunedì 17 marzo 2014, una nuova puntata di Presadiretta. In questo appuntamento, dopo aver parlato delle sofisticazioni alimentari settimana scorsa, il programma condotto da Riccardo Iacona su Rai Tre ci condurrà in un viaggio nella crisi di uno dei settori trainanti delleconomia italiana e da sempre simbolo di cultura e qualità: il Made in Italy. Come si legge sul sito ufficiale della trasmissione, la nuova inchiesta è stata girata tra lItalia, la Francia e il Bangladesh: proprio in questultimo Paese, dove i grandi marchi di tutto il mondo vanno a produrre i loro capi sfruttando il bassissimo costo della mano dopera, le telecamere di Presadiretta hanno girato un reportage sconvolgente. Basti pensare che proprio in Bangladesh, lanno scorso, è crollata la fabbrica di Rana Plaza, già dichiarata inagibile, in cui hanno perso più di mille lavoratori.

Linchiesta prosegue poi nel centro e nel nord Italia per raccontare la crisi del tessile, il secondo comparto industriale italiano per numero di lavoratori, che in questi ultimi anni di crisi ha perso più di 85mila posti di lavoro, si legge ancora. E soprattutto, per capire le ragioni della crisi di questo settore. Intanto, come se non bastasse, i grandi e prestigiosi marchi italiani come Bulgari, Loro Piana, Pucci, Gucci, Ferré, Valentino e Krizia sono stati comprati da grandi gruppi stranieri. Il nostro Paese diventerà la Cina del lusso?



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori