CHE TEMPO CHE FA/ Chi è Joe Bastianich, da Masterchef a On the road

- La Redazione

Tra gli ospiti della puntata di questa sera di Che tempo che fa troveremo anche il famoso personaggio televisivo statunitense Joe Bastianich, giudice di Masterchef

joe-bastianich-masterchef
Joe Bastianich

Tra gli ospiti della puntata di questa sera di Che tempo che fa troveremo anche il famoso personaggio televisivo statunitense Joe Bastianich, che proprio in questi giorni ha portato a termine la terza edizione del talent culinario MasterChef Italia insieme a Cracco e Bruno Barbieri. Dal 12 marzo sarà protagonista di On the Road – Joe Bastianich Music Tour, una serie di documentari su Sky Arte in cui andrà in giro per l’Italia alla ricerca di artisti che conservano la memoria della musica popolare italiana. Nonostante sia nato negli Stati Uniti il 17 settembre 1968 (ad Astoria nel Queens nello stato di New York), ha origini italiane. Suo padre si chiama Felice mentre la madre Lidia Bastianich, anchessa noto personaggio televisivo legato al mondo della cucina, è nativa di Pola nella regione dIstria in Croazia, praticamente a un passo dal confine italiano. I genitori decisero di trasferirsi in America dove incominciarono a lavorare nel mondo della ristorazione arrivando a comprare un primo ristorante quando Joe non era ancora nato e poi un secondo quando aveva invece undici anni. La svolta per la famiglia Bastianich ci fu quando decisero di vendere questi due primi ristoranti – che comunque rendevano molto bene – e tentare la fortuna con un nuovo ristorante chiamato Felidia, a New York, a Manhattan.

Sarà un grandissimo successo non solo in termini economici ma anche per la popolarità che esso conferirà alla madre di Joe e a questultimo. Tuttavia Joe non volle lavorare sin da subito nel campo della ristorazione visto che dopo aver terminato gli studi presso il Boston College, incominciò a lavorare presso un paio di aziende come la Merrill Lynch a Wall Street; ben presto però si rese conto che quello non era il suo mondo e lasciò loccupazione per il ristorante di famiglia. Intorno al 1993, Joe capì come la loro cucina fosse apprezzata tantissimo e quindi convinse la famiglia ad aprire un secondo ristorante Becco sempre nella zona di Manhattan. Anche in questo caso ci sarà un notevole successo di pubblico ed economico che consentì in breve tempo a Joe di aprire tanti altri ristoranti anche fuori dalla città di New York. Tra laltro Becco è diventato un ristorante dal grandissimo fascino tantè che spesso e volentieri è stato utilizzato nelle scene di alcuni famosi telefilm americani degli anni Novanta e primi Duemila come Beverly Hills e Friends.

Il 1997 fu un anno abbastanza particolare per Joe in quanto i suoi genitori dopo alcuni mesi di incomprensioni e litigi si separarono dopo un matrimonio di oltre 30 anni. Il padre Felice decise inoltre di dire basta con il mondo della ristorazione e lasciò immediatamente tutte le proprie quote dei vari ristoranti ai due figli Joe e Tanya. Joe allora ebbe unaltra felice intuizione inaugurando una proficua collaborazione con lo chef statunitense ma di chiare origini italiane Mario Francesco Batali. I due a New York aprirono dei ristoranti un po diversi dal solito, con la particolarità di essere anche enoteca. Fu ancora una volta un grande successo. A Los Angeles, i due decisero di aprire un paio di ristoranti tra cui anche una pizzeria.

A New York complessivamente ne contano 8, a Los Angeles 2 mentre uno a Las Vegas. Joe ha il merito di aver gestito il primo ristorante italiano che ha ottenuto quattro stelle nella recensione del New York Times. Nel 2013 apre un ristorante anche in Italia e per la precisione, a Udine, fondando anche tre aziende vinicole. Per il vino italiano ha una grande passione, tant’è che ha scritto un libro in collaborazione con David Lynch. Negli ultimi anni è diventato, come detto, molto famoso come personaggio televisivo avendo partecipato alla trasmissione MasterChef USA e MasterChef Italia. Per quanto riguarda la sua vita privata, Joe è felicemente sposato ed è padre di tre figli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori