AMICI 13/ Chi è Stefano Accorsi, attore che farà il quarto giudice

- La Redazione

Tra gli ospiti che questa sera prenderanno parte alla puntata del serale di Amici 13 troveremo anche il celebre attore italiano Stefano Accorsi, che vestirà i panni del giudice

stefano-accorsi
Stefano Accorsi

Tra gli ospiti più attesi della puntata odierna di Amici 13 il talent show condotto da Maria De Filippi, troviamo Stefano Accorsi, uno degli attori più noti del panorama nazionale, che sarà il quarto giudice della serata. Nato a Bologna nel marzo del 1971, Stefano Accorsi ha trascorso la sua infanzia a Bagnarola, una frazione di Budrio. Diplomatosi al liceo Sabin si è quindi iscritto alla Scuola di Teatro Alessandra Galante Garrone, nel capoluogo emiliano, anche al fine di portare avanti la sua passione per il cinema, dopo aver partecipato al film Fratelli e sorelle, nel 1991. Una piccola parte ottenuta in risposta a un annuncio del regista Pupi Avati comparso sul il Resto del Carlino. Dopo aver preso parte a Un posto, diretto da Luigi Zanolio nel 1992, nell’anno successivo è entrato a far parte della Compagnia del Teatro Stabile di Bologna.

La grande popolarità è giunta nel 1994, quando ha preso parte a uno spot televisivo per i gelati Maxibon, con una frase diventata presto un tormentone che ne ha implementato notevolmente la fama presso il grande pubblico televisivo.  Il successo sul grande schermo è invece arrivato nel 1996, grazie alla partecipazione a Jack Frusciante è uscito dal gruppo, il film tratto dal romanzo di Enrico Brizzi. Nello stesso anno ha preso parte a Vesna va veloce, diretto da Carlo Mazacurati, e a La mia generazione, di Wilma Labate. Nel 1998 ha recitato in I piccoli maestri, alle dipendenze di Daniele Luchetti, mentre nel 1999 ha preso parte a Un uomo perbene, di Maurizio Zaccaro..

Anno cruciale per la sua crescita artistica si è rivelato il 2001, quando ha avuto un grande successo interpretando L’ultimo bacio, a fianco di attrici come Giovanna Mezzogiorno e Stefania Sandrelli, diretto da Gabriele Muccino, Le Fate ignoranti, di Ferzan Ozpetek, Santa Maradona, diretto da Marco Ponti e La stanza del figlio, alle dipendenze di Nanni Moretti.  Il 2002 lo poi visto trionfare al Festival di Venezia, ottenendo la Coppa Volpi riservata al migliore attore, grazie alla performance in Un viaggio chiamato amore, di Michele Placido. Sempre alle dipendenze di Michele Placido ha poi preso parte a Ovunque sei nel 2004 e, soprattutto, a Romanzo criminale, nel 2005. 

Il 2006 lo ha quindi visto affermarsi a livello internazionale, grazie a un film francese mai uscito in Italia, La Faute a Fidel, che è stato salutato da grande successo in paesi come Usa e Regno Unito. Nel 2007 è invece tornato a lavorare con Ferzan Ozpetek, per Saturno contro, mentre nel 2010 ha recitato in Baciami ancora, il sequel de L’ultimo bacio. La sua ultima fatica cinematografica è stata Mani in terra, dove ha recitato alle dipendenze di Giulio Mafredonia. 

All’attività sul grande schermo ha poi affiancato quella teatrale e televisiva. Per quanto riguarda quest’ultima, è da ricordare soprattutto la sua partecipazione a “Il clan dei camorristi”, nel corso della quale ha rivestito i panni del magistrato Esposito. Va anche ricordata la sua partecipazione al Festival di Sanremo del 2009, quando insieme alla Premiata Forneria Marconi e a Claudio Santamaria ha dato vita a una buona interpretazione di Bocca di Rosa, uno dei tanti capolavori Fabrizio De Andrè.

Per quello che concerne invece la sua vita privata, vanno ricordati i suoi legami con Emanuela Grimalda e con Vittoria Mezzogiorno, prima del matrimonio con Laetitia Casta, dalla quale ha avuto due figli, Orlando e Athena. Dopo la fine della relazione con l’attrice e modella transalpina, ha avuto modo di consolarsi instaurando un legame con un’altra modella, la connazionale Bianca Vitali, dal 2013, per la gioia dei settimanali specializzati nel gossip, che hanno avuto modo di parlarne in maniera diffusa. 

La sua partecipazione ad Amici è stata preceduta da una intervista a Tv Sorrisi e canzoni nella quale l’attore bolognese ha spiegato di avere accettato il ruolo di giudice (insieme a Sabrina Ferilli, Gabry Ponte e Luca Argentero) in quanto incuriosito dal fatto di poter giudicare il talento dei ragazzi in gara, precisando allo stesso tempo di non andare ad Amici per pontificare e di avere intenzione di parlare solo se avrà qualcosa di realmente interessante da dire e da proporre ai concorrenti dello show.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori