CHE TEMPO CHE FA/ Chi è Michele Serra, giornalista, scrittore e co-autore del programma di Fazio

Cè anche Michele Serra, giornalista e scrittore, tra gli ospiti della puntata di Che tempo che fa in onda questa sera su Rai Tre.  tra i creatori della trasmissione di Fazio

27.04.2014 - La Redazione
serra_michele_r439
Foto: InfoPhoto

Cè anche Michele Serra tra gli ospiti della puntata di Che tempo che fa in onda questa sera su Rai Tre. Apprezzato scrittore e umorista nato a Roma nel luglio del 1954, quando aveva appena tre anni Serra si trasferisce con la famiglia a Milano, frequenta gli studi classici e dopo il diploma di maturità si iscrive alla facoltà di Lettere Moderne. Nel 1975 abbandona gli studi universitari e si fa assumere nel giornale l’Unità, dove svolge inizialmente le mansioni di tecnico di redazione e poi di inviato sportivo. Pian piano coprirà il ruolo che prima era stato del giornalista Mario Melloni e scrive recensioni, commenti e fatti di cronaca, passando con estrema facilità da un argomento all’altro. Nel 1974 segue il Partito comunista italiano e nel 1991 si iscrive al Partito democratico della sinistra. Grazie alla sua propensione per la satira, nel 1986 il giornale per cui lavora gli affida l’inserto Tango, che si avvale della supervisione di Sergio Staino. La bravura dimostrata in questa attività gli fa guadagnare il “Premio Satira Politica Forte dei Marmi”. Due anni dopo Tango viene chiuso e l’allora direttore del giornale D’Alema affida a Serra un inserto di satira tutto nuovo che si chiamerà Cuore. Da inserto diventerà un vero periodico con cadenza settimanale.

L’anno successivo Michele Serra inizia una collaborazione con il settimanale Epoca edito dalla Mondadori. Quando nel 1990 il proprietario del periodico diventa Silvio Berlusconi, Michele Serra non esita a rassegnare immediatamente le sue dimissioni, in segno di protesta. Nello stesso tempo diventa autore televisivo e firma i programmi di Beppe Grillo. Nel 1989 tenta la strada della politica, si candida per il Pci alle elezioni europee ma i voti raccolti non sono sufficienti a essere eletto. Nello stesso anno scrive un libro che racchiude una serie di racconti, intitolato Il nuovo che avanza. Nel 1990 passa al Partito Radicale, poi ai Verdi Arcobaleno, violando il regolamento dello statuto comunista che negava ai suoi tesserati l’adesione a partiti diversi. Una nuova chiara provocazione quella di Michele Serra che spera in una sinistra unita e competitiva. In occasione del debutto in teatro dell’allora attore comico Grillo, Michele Serra collabora alla scrittura dei testi dello spettacolo Buone notizie. Quando nel 1992 Walter Veltroni diventa direttore del giornale l’Unità, Serra mostra palesemente il suo disappunto, ma accetta la proposta del nuovo direttore che gli offre uno spazio in prima pagina. Nasce così Che tempo fa, la seguitissima rubrica quotidiana che deve gran parte del suo successo alle vignette della brava fumettista Laura Pellegrini, alias Ellekappa.

Nel 1993 Michele Serra conduce una rubrica nel programma comico intitolato Cielito lindo, in onda sul canale Rai Tre, per la regia di Sergio Staino. Nel 1996 inizia una nuova collaborazione prima con il quotidiano la Repubblica e in seguito con la rivista L’Espresso. L’ironia e la satira sono sempre gli ingredienti prevalenti delle sue rubriche. Il primo romanzo di Serra esce nel 1997 e si intitola Il ragazzo mucca. A distanza di pochi mesi intraprende la strada del teatro e scrive insieme ad Antonio Albanese ed Enzo Santin lo spettacolo di successo intitolato Giù al Nord.

Tra i programmi televisivi di successo scritti da Michele Serra degni di nota sono lo spettacolo condotto da Gianni Morandi, C’era un ragazzo, la rivisitazione dell’opera teatrale di Nikolaj Erdman intitolato Il suicida, per il grande attore di teatro Luca De Filippo e lo spettacolo di Adriano Celentano andato in onda sul canale Rai Uno nel 2001. L’anno successivo si aggiudica il premio letterario Elsa Morante di Procida grazie al libro intitolato Cerimonie, pubblicato da Feltrinelli. A Michele Serra va il merito di aver collaborato alla stesura del fortunato programma di Fabio Fazio intitolato Che tempo che fa ed è stato inoltre tra gli autori del seguitissimo programma Quello che (non) ho, condotto da Roberto Saviano e Fabio Fazio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori