Chi l’ha visto story, puntata 23 luglio: le storie di Roberta Ragusa, Lucia Manca e Alina Cossu

- La Redazione

Stasera su Rai 3 va in onda una nuova puntata di Chi lha visto Story. Le anticipazioni dicono che si parlerà dei casi di Roberta Ragusa, Alina Cossu e Lucia Manca

Sciarelli_chilhavistoR439
Federica Sciarelli, (Chi l'ha visto?)

Nellappuntamento di mercoledì 23 luglio 2014 della trasmissione Chi lha visto? – Story, lattenzione viene focalizzata su tre storie e per la precisione sulla scomparsa di Roberta Ragusa, sulla morte di Lucia Manca e sullomicidio a tuttoggi irrisolto di Alina Cossu. La prima storia è quella di Roberta Ragusa scomparsa da ormai due anni e mezzo senza lasciare una traccia che potesse consentire agli inquirenti di poterla ritrovare. Roberta è sposata con Antonio Logli e la loro storia damore trova compimento il 22 settembre 1988 quando rispettivamente alletà di 23 e 26 anni decidono di sposarsi. La loro sembra essere una storia damore straordinariamente felice dalla quale nascono due figli verso i quali specialmente Roberta un amore e un affetto sconfinato come del resto raccontano diverse amiche della donna. Roberta abitava insieme ai propri genitori a Pisa ma per amore di Antonio si trasferisce nel piccolo paesino di Gello sempre in provincia di Pisa, per abitare nellultimo piano della casa dei suoceri e nella quale cera al primo piano il fratello di Antonio con la propria famiglia. Roberta investe i soldi ereditati dai propri genitori nellapertura di unautoscuola verso la quale dedica anima e corpo senza tuttavia far mancare nulla ai propri due figli. Lautoscuola invece per Antonio è una sorta di secondo lavoro al quale si dedica nei ritagli di tempo. Sembrerebbe felice Roberta ma in realtà non lo è come del resto confermano le amiche parlando di un sentimento di solitudine avvertito e dal sentirsi sempre come unestranea, quasi unospite nella propria casa. Comunque passano gli anni e Roberta si rende conto di aver bisogno di una babysitter che si occupi dei figli altrimenti per lei diventa impossibile continuare a gestire lautoscuola. Antonio propone una ragazza di circa 17 anni più giovane di lei, che abitava in un paese vicino e che aveva conosciuto proprio allautoscuola mentre studiava per conseguire la patente di guida. Si tratta di Sara. Roberta accoglie Sara come una sorella. In realtà la donna aveva una storia con il marito che andrà avanti per ben sette lunghi anni senza che la stessa Roberta si accorgesse mai di nulla se non nellultimo periodo. I suoi dubbi, Roberta li fa presente anche alle amiche della palestra rimarcando come avesse ascoltato nel pieno di una notte il marito mentre stava parlando al telefono in soffitta con una donna con la quale aveva un tono molto affettuoso. Insomma era certa che il suo matrimonio stava per andare in pezzi ma non sapeva ancora chi fosse lamante e mai avrebbe immaginato che fosse proprio Sara. La scoperta avviene sempre per mezzo di una telefonata probabilmente avvenuta nella sera della scomparsa di Roberta. La ricostruzione degli inquirenti parla di un litigio avvenuto quella sera al seguito del quale Roberta potrebbe essere andata via di casa in pigiama per poi essere raggiunta dal marito che in un momento di rabbia potrebbe averla uccisa e quindi fatto sparire il corpo. Gli inquirenti hanno iscritto Antonio Logli nel registro degli indagati così come Sara e il padre di lui, in ragione di diverse testimonianze e di alcuni passi falsi che avrebbe compiuto lo stesso Logli. Dopo due anni e mezzo il corpo di Roberta non è stato ancora ritrovato e Sara ha completamente preso il posto di Roberta sia nel ruolo di madre che nella gestione dellautoscuola. La seconda storia è quella della morte di Lucia Manca per mano del proprio marito Renzo Dekleva che il giudice ha condannato in appello a 20 anni e 6 mesi e ha definito un mentitore professionista tantè che ha fatto credere per anni alla gente di essere un medico quando in realtà si è soltanto iscritto alla facoltà medicina per poi diventare un informatore medico scientifico. Lucia Manca era una donna di 52 anni nata a Treviso, impiegata di banca sposata con Dekleva che da anni aveva una storia extraconiugale con Patrizia, segretaria di uno studio medico. Dekleva aveva basato entrambi i rapporti su una serie di bugie e in particolare a Patrizia aveva fatto credere di essere un uomo separato per cui libero. I problemi per Dekleva incominciano quando la moglie si accorge che lui ha unaltra donna grazie a delle foto trovate per caso ed un paio di errori commessi dalluomo. Gli fa presente che qualora non dovesse lasciare la donna allora lei chiederà la separazione. Dekleva promette di farlo per la paura di perdere gran parte dei propri averi ma ovviamente continua a vedersi con Patrizia che è ignara di tutto questo. Lucia accorgendosi della cosa cerca di contattare Patrizia ma luomo essendo collegato al cordless da unaltra postazione chiude la chiamata. Tre giorni più tardi Dekleva ucciderà la moglie soffocandola per poi denunciarne la scomparsa. Quando la storia finisce nelle prime pagine e soprattutto viene ripresa da Chi lha visto? Patrizia capisce quello che era successo offrendo un valido aiuto a smascherare Dekleva che aveva portato il corpo della moglie a centinaia di chilometri di distanza da casa per far pensare ad un allontanamento volontario. Lultima storia è quella dellomicidio di Alina Cossu avvenuto nelle 1988 nelle vicinanze di Porto Torres, quando la donna aveva 20 anni. Alina stava rincasando intorno alle 23,00 dopo aver terminato il proprio turno di lavoro in gelateria. Tuttavia la donna non tornerà mai a casa in quanto il mattino seguente alle 5,30 di mattina due pescatori trovano il corpo della giovane. Dopo circa unora arrivano sul posto polizia, carabinieri, giardia di finanza e quantaltro. Tra i sospettati cè un ragazzo di nome Gianluca Moalli, operaio presso la stessa azienda dove lavorava il padre della vittima, e quattro amici che stavano facendo una cena in un circolo posto nelle vicinanze della gelateria. Alina è stata uccisa con violente percorse, calpestata la testa con le scarpe e quindi strangolata. Purtroppo il delitto non è stato risolto in quanto nei primi rilevamenti e nelle indagini sono stati commessi, per stessa ammissione della procura, errori imperdonabili che hanno reso al momento impossibile stabilire lassassino.

Era su Rai 3 appuntamento con una nuova puntata di Chi lha Visto? Story. Si tratta di una sorta di spin-off del programma di Federica Sciarelli che va ad approfondire determinati casi trattati nel corso degli ultimi mesi: la lente dingrandimento della trasmissione si poserà, per esempio, su Alina Cossu, Lucia Manca e Roberta Ragusa. Per chi volesse seguire il programma ma si trova costretto a cedere il telecomando a moglie, marito o figlio, ecco venire in soccorso la soluzione della diretta streaming offerta da rai.tv: clicca qui per vedere Chi lha visto? Story.

Va in onda questa sera, mercoledì 23 luglio 2014, una nuova puntata di Chi lha Visto? Story, la nuova versione estiva del celebre programma di Rai Tre solitamente condotto da Federica Sciarelli: vengono infatti proposti filmati di lunga durata e con un taglio più cinematografico su tutte le storie che più hanno colpito e fatto discutere il pubblico, spesso iniziate con una scomparsa ma che poi si sono rivelate dei casi quanto mai intricati e capaci di dividere lopinione pubblica. Anche questo appuntamento, come gli altri che hanno preso il via il 16 luglio scorso, sarà curato dai registi-inviati di “Chi lha visto?”. Nella serata odierna si parlerà delle storie di tre donne: quella di Lucia Manca, la bancaria veneziana scomparsa da casa e ritrovata nascosta sotto un cavalcavia, uccisa dal marito che in precedenza aveva parlato di un allontanamento volontario (regia di Nicola Endimioni); e ancora il giallo di Alina Cossu, studentessa ventunenne che durante il periodo estivo lavorava come cameriera a Porto Torres, uccisa e gettata in mare nel settembre del 1988 (regia di Dean Buletti), e infine il mistero della scomparsa di Roberta Ragusa, su cui gli investigatori non hanno ancora messo la parola fine (regia di Paola Grauso).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori