Fantozzi, stasera su Italia 1 il primo film della saga con Paolo Villaggio. Video scena sveglia

- La Redazione

Stasera su Italia Uno va in onda il film Fantozzi. Il film è stato prodotto nel 1975 per la regia di Luciano Salce, mentre il soggetto è dello stesso Paolo Villagio.

Foto-Mediaset
Mediaset

Stasera Italia 1 propone il film Fantozzi del 1975 diretto da Luciano Salce. Il film narra la storia del ragioniere Ugo Fantozzi, che è stato ideato ed è interpretato da Paolo Villaggio. Ugo fantozzi è sposato con la signora Pina e ha una figlia di nome Mariangela. Fantozzi lavora da sedici anni per la Megaditta Italpetrolcemetermotessilfarmometalchimica. Nel trailer si vede la scena della sveglia di Fantozzi, che ormai ha imparato a perfezionare lorario della sveglia per prepararsi: è passato, infatti, dalle sei e un quarto alle 7.51 e con laiuto della moglie riesce a prepararsi prestissimo. Poi, per un imprevisto, decide di prendere il bus al volo, quindi si butta dal terrazzino e inizia lavventura.

Stasera su Italia 1 va in onda Fantozzi, con Paolo Villaggio. Il film è stato prodotto nel 1975 per la regia di Luciano Salce, mentre il soggetto è dello stesso Paolo Villagio. Nel cast ci sono anche Giuseppe Anatrelli, Pietro Zardini, Umberto DOrsi e Paolo Paoloni. Fantozzi è il primo capitolo di una lunga saga dedicata alle disavventure del ragioniere più famoso dItalia. Il ragioniere Ugo Fantozzi (Paolo Villaggio) è un classico italiano medio, di metà anni Settanta, che lavora in una grande azienda da oltre 16 anni. sposato con Pina (Liù Bosisio), donna che, per sua stessa ammissione, non riesce a capire il perché labbia sposata. I due hanno una figlia: Mariangela (Plinio Fernando). Fantozzi ogni mattina, per raggiungere il proprio luogo di lavoro e timbrare il cartellino in tempo per le 8,30, ha messo in atto un meccanismo di perfezionamento delle azioni che deve compiere: negli anni ha perfezionato i tempi per prepararsi ed è passato dalle sveglia alle ore 6,30 – orario nel quale si svegliava allinizio della sua vita di impiegato- alle  7,51. Tutto alla scansione del secondo: lavarsi, fare colazione, vestirsi, prendere il bus al volo. Fantozzi, dopo la folle corsa mattutina per arrivare in orario in ufficio, incomincia la propria giornata lavorativa salutando il suo inseparabile compagno di mille avventure, il ragionier Filini (Gigi Reder) e quindi la tanto amata signorina Silvani (Anna Mazzamauro): ormai da diversi anni sogna continuamente una romantica fuga damore con lei. Ma il suo amore non è ricambiato dalla donna. Fantozzi tenta in ogni occasione di conquistare il cuore della Silvani: anche nel bel mezzo del funerale di un potente dirigente dellazienda, arrivando a commettere una serie di divertenti gaffe. Come in ogni azienda, gli impiegati e tutti i vari dipendenti organizzano diversi appuntamenti sportivi, sociali e culturali durante larco dellanno ed in particolar modo la temuta partita tra scapoli e ammogliati con arbitro dellincontro il ragionier Filini, che di certo non può essere definito un falco per via della sua vista piuttosto menomata. La gara è molto temuta da Fantozzi: non solo perché non ha grande dimestichezza con il calcio – che pratica soltanto come spettatore davanti alla televisione – ma soprattutto perché durante la partita ci sono degli scontri di gioco molto pericolosi tra i calciatori e per lo sforzo fisico. Il ragionier Filini, di tanto in tanto, ha delle idee che il povero Fantozzi deve, suo malgrado, subire come, ad esempio, quella di organizzare il campeggio con tutti i colleghi di lavoro. 

Fantozzi è costretto a comprare una barca a motore di piccole dimensioni, in quanto il campeggio sarà effettuato nei pressi di un laghetto, nel quale riceveranno i continui rimproveri da parte di una famiglia tedesca alla ricerca di pace e tranquillità. Si arriva così al periodo natalizio: la direzione dell’azienda consegna un regalo a tutti i figli dei propri dipendenti, che dovranno passare per una mega sala, all’interno della quale i dirigenti consegnano direttamente nelle mani dei bambini i doni. L’attesa è lunga. Arriva il turno di Mariangela e Fantozzi l’aspetta fuori la porta. Non vedendola uscire, va a cercarla e la trova in lacrime tra le risate di tutti che la deridono, paragonandola ad una scimmia. La sera del capodanno, Fantozzi con la sua famiglia decide di andare in un locale, nel quale succedono una serie di situazioni molto divertenti. Fantozzi poi si rende protagonista di altri divertenti situazioni come, per esempio, la sfida a biliardo con il suo diretto superiore, del quale rapisce l’anziana madre: la donna si invaghisce di lui. E ancora: la partita di tennis e la serata trascorsa nel ristorante cinese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori