Indovina chi sposa mia figlia, stasera su Rete 4 il film con Lino Banfi. Video trailer

- La Redazione

Stasera su Rete 4 va in onda il film “Indovina chi sposa mia figlia!. Vediamo la trama e il trailer della pellicola italo-tedesca con Lino Banfi tratta dall’omonimo romanzo di Jan Weiler

indovina-chi-sposa-mia-figlia-R439
Indovina chi sposa mia figlia!

Stasera Rete 4 propone il film Indovina chi sposa mia figlia. La pellicola è del 2009 ed è tratta dallomonimo romanzo di Jan Weiler. Van e Sara sono una coppia di fidanzati, che vive in Germania. I due decidono di sposarsi. Jan è costretto a sottostare alle regole del padre di lei, Antonio Marcipane, emigrato dalla Puglia, intepretato da Lino Banfi. I due, per accontentare i parenti, decidono si sposarsi in Puglia. Ma Jan diventa vittima della sua nuova famiglia. 

Questa sera, giovedì 31 luglio, su Rete 4 va in onda il film “Indovina chi sposa mia figlia!, coproduzione italo-tedesca del 2009 per la regia di Neele Leana Vollmar. Il titolo originale della pellicola è Maria, ihm schmeckt’s nicht ed è tratto dal romanzo omonimo scritto da Jan Weiler. La storia racconta le vicende di Jan (Christian Ulmen), e Sara (Mina Tander), una coppia tedesca che vive in Germania e decide di sposarsi. Jan, per la felicità della fidanzata, vuole seguire la tradizione e chiedere la mano di Sara al padre, proprio come ancora si è soliti fare in Italia, la nazione di origine della ragazza. Peccato che non sa ancora che si troverà a combattere con il futuro suocero, Antonio Marciapane (Lino Banfi), immigrato pugliese testardo e antico che si è trasferito dal Tavoliere in Germania trent’anni prima in cerca di fortuna. Per compiacerlo, Jan accetta di organizzare il matrimonio nel piccolissimo paese pugliese del quale Sara e Antonio sono originari: Campobello, un paese così minuscolo da non essere neanche indicato sulle cartine stradali (nella realtà la meravigliosa località di Gravina). Sarà un gravissimo errore perchè si troverà costretto a confrontarsi con una cultura completamente diversa dalla sua e non priva di aspetti folkloristici eccessivi che Jan non riesce a comprendere. Inoltre – particolare da non sottovalutare – Antonio non vede di buon occhio il futuro genero colpevole, a suo parere, di volergli portare via la sua bambina, come nella migliore tradizione meridionale.Jan diventerà presto ostaggio dell’entourage di Antonio che è composto da amici e parenti dell’immigrato pugliese, ben deciso a mettere a dura prova i sentimenti e le intenzioni del giovane tedesco. Fra questi un esilerante Sergio Rubini che é la spalla perfetta per Antonio nei suoi progetti di boicottaggio del matrimonio di Sara e Jan. A peggiorare la situazione, poi, Gisela ed Eberhard, i genitori di Jan interpretati da Gundi Ellert e Peter Prager. I giorni passano e la data del matrimonio si avvicina. Ma più il tempo passa e più l’ostilità di Antonio e degli abitanti di Campobello si trasforma in qualcosa di diverso. La profondità dei sentimenti di Jan è tale da riuscire a convincere anche i più scettici del suo amore. Tutto bene quel che finisce bene? Non sarà così facile. Quando tutto sembra risolto, un colpo di scena inaspettato sembra ostacolare definitivamente i progetti di Jan e Sara. Toccherà ad Antonio e alla sua sgangherata banda intervenire e fare in modo che i due ragazzi non sprechino i loro sentimenti.

Completano il cast Maren Kroymanm nella parte di Ursula, la madre di Sara; Paolo De Vita in quelli di Raffaele; Lucia Guzzardi e Antonio Bellomo che danno il volto rispettivamente a Nonna Lucia e Nonno Calogero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori