Ballarò, Benigni: Renzi? Mantiene tutte le promesse che fa… Puntata del 16 settembre 2014

- La Redazione

La nuova edizione di Ballarò è cominciata sotto la conduzione di Giannini, con un regalo da parte di Roberto Benigni. Il video del suo intervento e la diretta streaming della puntata

massimo-giannini-ballaro
Massimo Giannini conduce Ballarò

La puntata di martedì 16 settembre 2014 di Ballarò, la prima stagionale e soprattutto la prima del dopo Floris con larrivo alla conduzione di Massimo Giannini, incomincia con un editoriale proprio del conduttore che visibilmente emozionato ringrazia la Rai per lopportunità concessa e il suo predecessore, Giovanni Flori (con il quale ha un rapporto di amicizia) Per aver portato il programma negli anni ad un alto livello. Viene dunque mandato in onda un servizio realizzato a Cernobbio dove si è tenuto un summit di Forza Italia al quale hanno partecipato diversi esponenti di spicco. In studio viene presentato lex Premier Romano Prodi, che prima del lancio della copertina di Roberto Benigni, butta là una battuta su Matteo Renzi sottolineando come uno che sia stato in grado di far vincere il Partito Democratico può essere capace di realizzare qualsiasi progetto. Benigni come al proprio solito spazia a 360 gradi incominciando a parlare degli 80 euro messi a disposizione da Renzi evidenziando come sia lunica cosa messa a disposizione; poi, con tono sempre ironico, ricorda come Renzi mantenga tutte le promesse che ha fatto. Benigni scherza sugli scandali sui rimborsi in Emilia Romagna, cose già viste seppur in proporzioni ben diverse in Piemonte e Lombardia. Ecco dunque lattacco a Berlusconi circa il pesante calo di consensi e la sua presenza al Nazareno. Battuta finale sul fatto che nel 2020 vede lItalia come un Paese dove si lavorerà, si darà spazio alla cultura e rispetterà lambiente. Insomma, praticamente la Svizzera. Finita la copertina si passa allintervista esclusiva che viene realizzato a Prodi, che incomincia a parlare di Europa per poi sottolineare come le riforme in agenda vadano fatte una alla volta. Inoltre sottolinea come sia necessario cedere un po di sovranità ma non certo alla Germania bensì allEuropa, che è il futuro. Terminata lintervista a Romano Prodi, si entra nel vivo della trasmissione con lingresso dei vari ospiti in studio. Inizialmente si parla di quanto avvenuto a Carrara dove un gran numero di cave sono state acquistate dalla famiglia di Bin Laden. Dal dibattito emerge come questa fosse lunica soluzione possibile per salvare i lavoratori. Viene mostrato un primo cartello nel quale vengono riassunti alcuni numeri relativi alla situazione attuale dellItalia: il Pil nei primi due trimestri è sceso dello 0,2% mentre il debito è arrivato a raggiungere il 135% dello stesso Pil e la disoccupazione ha toccato nellultima rilevazione Istat quota 12,6% con il picco del 42,9% per quanto concerne quella giovanile. Renato Brunetta (Forza Italia) commentando il cartello sottolinea come la colpa non sia del Governo Renzi bensì di tutti i Governi che vanno da novembre 2011. Collegamento in diretta con Montecitorio dove è in corso la votazione parlamentare per la questione dei magistrati. In studio cè anche Ferruccio e Bortoli che sottolinea come ci sia un sentimento europeo per cui non cè grande fiducia nellItalia per il fatto che storicamente lasciamo le cose a metà. Manco a dirlo viene mostrato un cartello nel quale si elencano il numero di riforme che sono tuttora in sospeso. Arriva il momento dei sondaggi che in questa occasione vengono affidati alla Ghisleri e sono focalizzati sulla fiducia nei confronti del Premier Matteo Renzi in questo momento pari al 46,5%. Viene quindi mandato in onda un servizio che parla delle difficoltà dello stabilimento della Johnson con i dipendenti che in questo momento si trovano in cassa integrazione. Il segretario della Fiom, Maurizio Landini ci tiene a rimarcare come la mossa degli 80 euro messi nelle busta paga degli italiani non abbiano sortito leffetto sperato in quanto non cè ancora tuttora la certezza che tale misura possa essere definitiva e continuativa nel tempo. Landini si dice molto contrario allabolizione dellarticolo 18 mentre limprenditrice Antonella Nonino pensa che il vero problema sia la produttività del lavoro in Italia, che non allo stesso livello della media europea. Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Graziano Delrio, ha un deciso botta e risposta con Brunetta: Delrio sottolinea lelenco di tutte le cose fatte dal Governo Renzi mentre Brunetta puntualmente le scandisce rimarcando come la cosa non sia corrispondente alla realtà dei fatti. Delrio rimarca come il bonus degli 80 euro sarà messo in busta paga anche per il prossimo anno. Il discorso si fa acceso su chi siano le colpe se le aziende entrano in crisi. Spazio quindi a un servizio nel quale viene realizzata una intervista alleconomista inglese Thomas Piketty. In studio si parla espressamente del mercato del lavoro con larticolo 18 in primo piano con Landini che continua a dirsi fermamente contrario mentre Brunetta ribadisce limportanza di avere un mercato del lavoro maggiormente flessibile sia in entrata che in uscita. Nel finale di trasmissione cè la cosiddetta rubrica Password curata da Ilvo Diamanti in cui si parla delle difficoltà dei giovani nel trovare lavoro ed infine Delrio rimarca come la Spagna non possa essere un modello per lItalia anche perché ha il doppio in quanto a disoccupazione. 

La nuova edizione di Ballarò è cominciata sotto la conduzione di Massimo Giannini, con un regalo da parte di Roberto Benigni. A inizio puntata è andata in onda una sorta di intervista del conduttore al comico toscano (clicca qui per il video – occorre selezionare il video dalla timeline di fianco allo schermo principale), il quale ha salutato lospite principale della trasmissione: Romano Prodi. E ha salutato anche i suoi 101 ospiti fedelissimi, facendo riferimento ai membri del Pd che fecero mancare il loro voto per nominarlo Presidente della Repubblica. Poi una frecciatina anche per Giannini: Benigni ha ricordato che è un giornalista e che è stato spesso ospite di Ballarò, che ora conduce; per questo ha detto ora Giannini non vuole giornalisti tra gli ospiti. Quindi il comico toscano ha cominciato a parlare di Renzi, capace di cose incredibili, visto che è riuscito a far vincere il Pd. Poi si è alzato in piedi e si è tolto la giacca, ricordando che quando si parla di Renzi occorre mettersi in camicia bianca ecercare un gelato. Una battuta anche sul bonus da 80 euro in busta paga introdotto dal Governo: Si tratta di una misura strutturale, che quindi resterà. Infatti, in busta paga resteranno solo gli 80 euro. Poi Giannini ha chiesto a Benigni di parlare di Draghi e il comico ha spiegato che viene chiamato Super Mario, come Balotelli, perché quando alle riunioni della Bce riesce a far passare le sue proposte si strappa la camicia e mostra i suoi muscoli come ha fatto lattaccante della nazionale agli europei in Germania. Poi una battuta sullEuropa, dove la cosa difficile è far andare daccordo 28 stati diversamente: Come in una riunione tra 28 persone che la pensano diversamente; sembra la sede del Pd. Poi qualche piccola battuta anche su Berlusconi e il Patto del Nazareno e qualche considerazione sulle foto estive delle ministre: Un ministro a seno nudo in spiaggia non si vedeva dai tempi di Spadolini. Giannini ha quindi chiesto come ultima cosa a Benigni di dirgli come vede lItalia nel 2020. Vedo una Paese felice, dove la gente lavora questa è la Svizzera. LItalia la vedo ancora meglio. Se noi italiani seguiamo la nostra natura imprevedibile, sorprendente, generosa, siamo imbattibili.

Ballarò, Anticipazioni e ospiti della puntata 16 Settembre 2014  Tra poco meno di due ore assisteremo al debutto di Massimo Giannini alla conduzione di Ballarò. Il programma cult di casa Rai riprende questa sera con una copertina che tutti aspettano, quella di Roberto Benigni. A quanto pare, il comico toscano ha fatto le sue richieste prima di accettare e tra queste, secondo rumors di corridoio, ci sarebbe anche il mancato consenso al “rivedi” online del suo intervento in programma questa sera. Sarà vero?

Ballarò, Anticipazioni e ospiti della puntata 16 Settembre 2014 In Rai sembra essersi creato il vuoto intorno a Massimo Giannini, neo conduttore di Ballarò. In viale Mazzini ha subito destato polemiche il suo contratto e la scelta da parte dell’azienda di non valorizzare le risorse interne. Ma a gettare altra benzina sul fuoco ci ha pensato lo stesso Giannini con un’intervista rilasciata a Oggi: “Bisogna chiedersi come mai la Rai debba guardare fuori. Quello che rende complicato riconoscere le professionalità interne ha detto l’ex vicedirettore di Repubblica è una certa diffusa arrendevolezza del sistema Rai alla politica. La professionalità di un giornalista si misura sulla sua autonomia, l’impermeabilità ai condizionamenti esterni, se rinunci a quella perdi il tuo valore“. Di sicuro Giannini non è uno con i peli sulla lingua, ma le sue parole hanno scatenato la reazione dell’Usigrai (Unione Sindacale Giornalisti Rai) il sindacato interno di viale Mazzini: “Caro Massimo Giannini, smentisca o si scusi. Le sue parole riportate in una intervista da lei rilasciata a un settimanale sono un insulto alle centinaia di giornaliste e giornalisti Rai. Sappiamo bene cosa vuol dire avere la schiena dritta. E opporsi al controllo di governi di qualunque colore, e a interessi economici di qualunque provenienza, si legge nel comunicato apparso sul sito del sindacato. Ma l’Usigrai se la prende anche con il Direttore Generale Luigi Gubitosi: Ma in fondo, il problema non è lei, ma il Dg che per primo esprime questa disistima nei confronti di tutte le professionalità interne della Rai, attingendo sempre dallesterno per tutti i ruoli chiave. Non meno piccata è la conclusione del comunicato firmato dallEsecutivo Usigrai: Ed ecco lennesimo risultato di questa politica: si ingaggia un esterno, lo si paga circa 1 milione di euro in due anni, e gli si consente di venirci a spiegare che in fondo i dipendenti Rai sono di serie B. Il Dg dica con chiarezza cosa pensa dei dipendenti dellazienda che ancora dirige. O si sente già in uscita?”.

Ballarò, Anticipazioni e ospiti della puntata 16 Settembre 2014 Questa sera, martedì 16 settembre, con la prima puntata di Ballarò debutta anche Il Candidato Zucca presidente, la web serie satirica di 20 puntate, da 5 minuti ciascuna. Protagonista della serie, di Ludovico Bessegato e prodotta da Rosario, è Filippo Timi nel ruolo di uno sprovveduto candidato alla presidenza del Consiglio alle prese con unimprobabile campagna elettorale. Fanno parte del cast anche Massimo Ghini, in qualità di antagonista di Zucca; Lucia Mascino, moglie e infermiera di Zucca; Maccio Capatonda nei panni Feffo, il comico che imiterà Zucca, e Ivana Spagna, sarà se stessa, la cantante dellinno del partito di Zucca.

Ballarò, Anticipazioni e ospiti della puntata 16 Settembre 2014 Anno nuovo, vita nuova ma ascolti sempre uguali o poco migliori. E’ questo che in casa Rai si stanno augurando in queste ore in attesa del debutto di Ballarò e del suo nuovo conduttore, l’ex vicedirettore de La Repubblica, Massimo Giannini. Mancano poche ore al ritorno in tv dell’arena politica e cresce l’attesa per le parole di Romano Prodi, ormai lontano dai giochi da un pò, e soprattutto della copertina affidata al comico Roberto Benigni. In attesa che gli ascolti domani decretino il successo o il flop dell’edizione, ecco che sull’account twitter ufficiale arriva l’invito ufficiale a seguire la trasmissione:

Ballarò, Anticipazioni e ospiti della puntata 16 Settembre 2014 Questa sera prenderà il vi la nuova edizione di Ballarò con al timone Massimo Giannini. A partire dalle 21.05 giornalisti, politici o ex ed esperti di economia e non solo, si ritroveranno per parlare della nostra Italia tra inflazione, disoccupazione alle stelle e consumi al minimo. Per la prima puntata un parterre d’eccezione sarà arricchito dalla presenza dall’ex premier, Romano Prodi. Il professore analizzerà la situazione del nostro Paese nell’arena del programma di Rai 3, cosa dirà della “nuova” classe politica? Avrà una soluzione per far ripartire il Paese?

Ballarò, Anticipazioni e ospiti della puntata 16 Settembre 2014 Il programma di approfondimento politico per eccellenza, Ballarò, ripartirà proprio oggi su Rai 3, a partire dalle 21.05. La prima novità di questa nuova edizione è il volto che è stato messo al timone: si tratta, infatti, di Massimo Giannini, ex vicedirettore de La Repubblica. Unaltra novità che balzerà subito sotto gli occhi – e nelle orecchie – dei telespettatori sarà la nuova sigla, che consisterà in un re-make della sigla attuale – la melodia Jeux denfants firmata Rene Dupère – eseguito da Ivano Fossati, che Giannini stesso ha considerato un bellissimo regalo da parte di un amico. Anche la grafica sarà nuova: se ne è occupata Stefania Trifoni. Per partire, Massimo Giannini presenterà in un editoriale i fatti sociali, economici e soprattutto della politica che sono avvenuti durante la settimana precedente: inoltre, anche se Maurizio Crozza non ne sarà più il principale artefice, continuerà la tenda comico-satirica che presenterà i fatti poi discussi in una chiave più allegra. Per la prima puntata ci sarà l’intervento di Roberto Benigni, che – viene specificato dalla redazione trasmissione – non ha chiesto alcun compenso.

Sempre più attenti anche al mondo dei social network, la promessa è che il programma si distaccherà un po dal solito talk politico, per includere anche le voci esterne, condurre inchieste e andare nelle piazze intervistando gli italiani. Si avvallerà anche della collaborazione dellIstituto Euromedia Research di Alessandra Ghisleri, che si occupa di svolgere sondaggi di opinione in merito a temi predefiniti, che in questo caso saranno prettamente di ordine politico, sociale ed economico. 

Nella puntata di oggi, oltre allintervento di Benigni, ci sarà un faccia a faccia con lex presidente del governo italiano e della commissione europea Romano Prodi, mentre tra gli ospiti in studio ci sarà il sottosegretario alla presidenza del consiglio Graziano Delrio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori