LAZARAT/ Le Iene e le coltivazioni di marijuana in Albania: chiude la fortezza della droga

- La Redazione

Lazarat era una fortezza della droga. Sì, in questo pezzo di terra di nessuno era facilissimo coltivare marijuana, difesa da mura altissime, che nascondevano le coltivazioni

marijuana_cannabisR439
Immagine di archivio

Lazarat era una fortezza della droga. In questo pezzo di “terra di nessuno” era facilissimo coltivare marijuana, difesa da mura altissime che nascondevano le piantagioni, che crescevano rigogliose sotto gli occhi di tutti, compresi i bambini, dove i poliziotti non entravano o probabilmente venivano corrotti con mazzette. Marijuana che arrivava anche in Italia: 500 euro al kg, ai quali bisognava aggiungere 400 euro se la droga veniva spedita direttamente in Italia, a Milano. Usiamo il passato e diciamo che Larazat era una fortezza della droga perché i poliziotti albanesi, dopo il servizio de Le Iene, sono intervenuti effettuando arresti, sequestrando armi e marijuana. Il sindaco di Lazart, ai microfoni del programma ha detto che nessuno nella sua città coltivava marijuana, poi ha invitato gli inviati ad andare via. Secondo la Guardia di Finanza italiana, nel villaggio, che si trova a 230 chilometri a sud di Tirana, venivano coltivate annualmente 900 tonnellate di cannabis per un valore di circa 4,5 miliardi di euro. (Serena Marotta)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori