MARCO DAMORE/ Chi è Ciro Di Marzio di Gomorra (ospite di Che fuori tempo che fa 27 settembre 2014)

- La Redazione

Tra gli ospiti della prima puntata di Che fuori tempo che fa, condotto come sempre da Fabio Fazio su Rai Tre, c’è anche Marco D’Amore, attore famoso per la serie Gomorra

gomorra-serie-R439
Gomorra - La serie 2, Sky

Tra gli ospiti della prima puntata di Che fuori tempo che fa, condotto come sempre da Fabio Fazio su Rai Tre, c’è anche Marco D’Amore. L’attore campano è in un momento molto particolare della sua carriera, grazie al ruolo di Ciro Di Marzio, ovvero l’Immortale di Gomorra, serie di grande successo in onda su Sky Atlantic e tratta dall’omonimo romanzo di Roberto Saviano. Nato a Caserta nel giugno del 1981, Marco D’Amore è cresciuto guardando recitare il nonno, noto per aver fatto parte della compagnia di Nino Taranto e per aver recitato in alcune parti minori in pellicole dirette da Francesco Rosi e Nanni Loy. Nel 2000 ha recitato nella parte di Pinocchio in un allestimento messo in scena dalla compagnia di Toni Servillo, mentre due anni dopo ha superato le selezioni per entrare alla Scuola d’arte drammatica di Milano intitolata a Paolo Grassi, ove si è diplomato nel corso del 2004. Dopo avere svolto una intensa attività teatrale, nel 2010 è passato sul grande schermo, debuttando in Una vita tranquilla, pellicola diretta da Claudio Cupellini in cui ha recitato al fianco di Toni Servillo. L’anno successivo lo ha invece visto recitare in Love is all you need, una commedia diretta da Susanne Bier, con Pierce Brosnan.

Il grande successo è però arrivato nel 2012, quando Marco D’Amore ha preso parte prima alla serie televisiva Benvenuti a tavola – Nord contro Sud, ed è stato poi scelto per entrare nel cast di Gomorra. Naturalmente, il grande successo della serie prodotta da Sky, la più vista di sempre e venduta in più di sessanta paesi di ogni parte del mondo, ha cambiato la vita dell’artista campano, come del resto da lui ricordato in una recente intervista rilasciata a Repubblica, quando ha affermato che il miglior tributo all’efficacia della sua interpretazione sono proprio le offese ricevute. Un atteggiamento che lo stesso D’Amore ha affermato essere del tutto logico vista l’evidente odiosità e pericolosità sociale del personaggio dell’Immortale. Nel corso della stessa intervista D’Amore ha poi ricordato di dover ringraziare il regista, Stefano Sollima, che lo ha scelto e il suo rapporto con Roberto Saviano, con il quale è nata un’amicizia proprio nel corso delle riprese. 

Tra i suoi programmi futuri, c’è ora un altro progetto di grande impatto sociale, la produzione insieme a Roberto Ghiaccio di Un posto sicuro, sulla tragedia dell’Eternit di Casale Monferrato. In un’altra intervista rilasciata stavolta al Corriere della Sera, D’Amore ha poi ricordato la sua paura per le pistole e la cura dimagrante che lo ha portato a perdere ben venticinque chili per poter interpretare Ciro Di Marzio. Per quanto concerne la sua vita sentimentale, di recente Vanity Fair ha pubblicato le foto che lo ritraggono insieme alla fidanzata Daniela, con la quale forma coppia fissa ormai da più di quattro anni. Proprio nel corso dell’intervista rilasciata, lo stesso attore ha peraltro affermato di coltivare per la prima volta nella sua vita il sogno di una relazione stabile, con una famiglia e dei figli. La sua apparizione allo show di Fabio Fazio si preannuncia quindi molto interessante, proprio per sapere qualcosa di più su uno dei personaggi emergenti della scena artistica tricolore.







© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori