Pinocchio, stasera in tv su Rai 3 il film di Roberto Benigni. Video trailer

- La Redazione

Rai 3 stasera propone il film Pinocchio. Vediamo la trama della pellicola diretta e interpretata da Roberto Benigni, con la moglie Nicoletta Braschi negli abiti della fata turchina 

logorai_R439
Il film in onda su Rai 2

Rai 3 propone stasera Pinocchio, il film diretto e interpretato da Roberto Benigni nel 2002: il classico è tratto dal libro di Collodi, Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino e racconta la storia del giovane burattino di legno a cui il falegname Geppetto ha dato forma e che successivamente prende anche vita. Tutti i guai e le avventure che portano il giovane a diventare un vero bambino sono ripresi nella pellicola di Benigni, a partire da Mangiafuoco, fino al Gatto e la Volpe, Lucignolo e lenorme balena che se lo mangia. Ecco, di seguito, il trailer della pellicola: nel 2003 ha vinto il David di Donatello per la Miglior Scenografia e anche per i Migliori Costumi di Scena e il Nastro Dargento per la Miglior Colonna Sonora. 

Pinocchio è uno dei classici Disney più amati e visti da generazioni. Ancora oggi riscuote un grandissimo successo e viene guardato con grande entusiasmo. Ma il capolavoro di Collodi è stato proposto in tantissime versioni. Pinocchio andrà in onda stasera in prima serata su Rai Tre. Il protagonista è interpretato dal bravissimo Roberto Benigni, la moglie Nicoletta Braschi vestirà gli abiti della fata turchina mentre Kim Rossi Stuart interpreterà Lucignolo. Ma ricordiamo la trama del film. Mastro Geppetto, un falegname ha l’immenso desiderio di avere un figlio. Decide così di adoperare un bellissimo pezzo di legno per scolpire un grazioso burattino. Quando sta per terminare il burattino quest’ultimo comincia a parlare e a fare i dispetti a Geppetto, il quale stupito rimane senza parole. Geppetto vuole educare il suo burattino al meglio. Gli dà il nome di Pinocchio e lo manda a scuola per cominciare a dargli una educazione adeguata. Ma Pinocchio nonostante la sua buona volontà mentre sta per recarsi a scuola viene sempre sviato da distrazioni che lo metteranno nei guai. Pinocchio viene sempre difeso e tenuto d’occhio dal grillo parlante, interpretato da Luciana Littizzetto, il cui ruolo gli viene affidato dalla fata turchina. Quest’ultima promette a Pinocchio che se si impegna a diventare bravo, ubbidiente e affettuoso lo farà diventare un bambino vero.

Incontra Mangiafuoco che lo rapisce per portarlo in tour per il suo circo ma, quando ascolta il racconto di Pinocchio e del papà che sicuramente è in pensiero non vedendolo tornare si commuove, gli regala tre monete e lo lascia andare. Mentre torna a casa incontra il gatto e la volpe che, con un inganno gli rubano i soldi. Pinocchio è disperato e interviene la fatina per dargli conforto e tentare di portarlo nella retta via. Sembra esserci riuscita quando Pinocchio incontra Lucignolo un bambino fannullone e maleducato che non vuole andare a scuola, anzi, al contrario, convince Pinocchio a seguirlo nel paese dei balocchi dove trascorrono una intera giornata a divertirsi a giocare e a mangiare dolciumi fino allo stremo. Il giorno dopo si risvegliano con la coda e le orecchie di asino. Si trasformano in bellissimi ciuchini da sfoggiare al circo dove tra frustate e rimproveri viene riconosciuto dalla fata turchina che si trova tra il pubblico con il grillo parlante. Pinocchio ormai trasformato in ciuchino si ferisce e non essendo più utile per il circo viene gettato in mare per fare della sua pelle un bel tamburo. Anche questa volta la fata decide di aiutare Pinocchio e lo libera dalla fune e lo trasforma in bambino. Pinocchio scappa nuotando fino a raggiungere la balena che, intanto ha ingoiato Geppetto che è andato a cercarlo. Pinocchio e suo padre si incontrano ancora e Pinocchio giura di non abbandonarlo mai più. Si prende cura di lui che nel frattempo si è ammalato. Lavora duro per comprare le medicine e il latte e riesce a curarlo. Da quel momento pinocchio dimostra di essere diventato un bambino buono e maturo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori