STRISCIA LA NOTIZIA / Programma più visto della giornata! News del 20 gennaio 2015

- La Redazione

Oggi, martedì 20 gennaio 2015, alle 20.40 su Canale 5 va in onda un nuovo appuntamento con Striscia la notizia, il tg satirico di Antonio Ricci condotto da Ezio Greggio ed Enzo Iacchetti

striscia_scrittar_r439
Striscia la notizia

Oggi, martedì 20 gennaio 2015, alle 20.40 su Canale 5 va in onda un nuovo appuntamento con Striscia la notizia, il tg satirico di Antonio Ricci condotto da Ezio Greggio ed Enzo Iacchetti. Ieri, lunedì 19 gennaio, la puntata ha registrato ascolti record: Striscia è risultato il programma più visto della giornata con 6.645.000 telespettatori e il 22.66% di share. Il tg ha raggiunto picchi di 8.423.000 telespettatori, pari al 28.49% di share.

In apertura Ezio Greggio commenta l’abbandono del Pd da parte di Sergio Cofferati e i rimproveri di Berlusconi a Renato Brunetta, che continua ad attaccare il governo Renzi. Enzo Iacchetti, sponsorizzato da Bislako Channel, mostra ai telespettatori il funzionamento dell’innovativo affetTablet. Dopo le parole con cui Papa Bergoglio, durante il volo verso le Filippine, ha commentato la pubblicazione delle vignette del giornale satirico francese Charlie Hebdo (“se Gasbarri dice una parolaccia sulla mia mamma, gli do un pugno”), Dario Ballantini, nei panni di Papa Francesco ha fatto un giro a Roma armato di guantoni da pugile. Alla fine del servizio Ezio Greggio saluta il papa, che a suo dire di tanto in tanto guarda “Striscia la notizia”. Edoardo Stoppa ha scoperto in rete alcuni siti russi in cui vengono mostrati video cruenti di combattimenti tra cani pardog, una razza creata incrociando varie razze canine con il dingo australiano, con lo scopo di creare un feroce killer da combattimento. L’inviato ha scoperto che alcune immagini sono state girate in Italia ed è riuscito a individuare il luogo esatto, un allevamento di cani abusivo a San Giovanni Vesuviano (provincia di Napoli). Dopo aver mandato in avanscoperta un attore nell’allevamento abusivo, ubicato in una struttura vecchia e maltenuta, l’inviato ha chiesto spiegazioni al proprietario dell’allevamento che lo ha accolto nel peggiore dei modi, rompendo una telecamera e picchiando il cameraman. Di fronte alle insistenze dell’inviato, l’allevatore ha mostrato un pugnale e successivamente ha inviato messaggi minatori, in cui ha minacciato esplicitamente l’intera famiglia di Stoppa. La seconda parte del servizio verrà mandata in onda nella puntata di domani.

Moreno Morello ha smascherato un presunto veggente di nome SeHou, che garantisce la cura di tutte le malattie. Viene inviato in avanscoperta un attore che dice di essere affetto dal morbo di Antani (una malattia inesistente, citata nel film “Amici miei”) ma SeHou non si scompone e sostiene di essere in grado di garantire la guarigione, dietro un compenso di 2.500 euro. Christian Cocco si è occupato nuovamente di emergenza abitativa dopo aver ricevuto la segnalazione di alcuni assegnatari di alloggi popolari, costretti a vivere in condizioni disastrose in quanto le abitazioni non sono state ancora consegnate. L’inviato si è recato a Santadi (provincia di Carbonia-Iglesias) dove i lavori per la costruzione di 8 appartamenti si sono interrotti nel 2010 a causa di un contenzioso sorto tra l’A.R.E.A. e la ditta costruttrice. Attualmente il cantiere versa in stato di totale abbandono, nonostante siano stati già spesi 900.000 euro per la costruzione.

La settimana scorsa Valerio Staffelli ha consegnato un tapiro d’oro all’onorevole Stefania Pezzopane, a causa del suo fidanzato Simone Coccia Colaiuta che aveva millantato il secondo posto nel concorso “Il più bello d’Italia”, circostanza smentita dagli organizzatori. Ospite di Barbara D’Urso, Coccia Colaiuta ha accusato Staffelli di aver preso un abbaglio e di aver vinto la fascia degli sponsor, circostanza smentita ulteriormente dagli organizzatori. L’inviato, quindi, ha consegnato a Coccia Colaiuta un Tapiro d’Oro con indosso una fascia da “Il più furbo d’Italia”. In chiusura la rubrica “Striscia lo striscione” a cura di Cristiano Militello.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori