ELIO GERMANO/ Chi è l’attore romano ospite di Che tempo che fa. Al cinema con Suburra (10 ottobre 2015)

- La Redazione

Elio Germano, ospite a Che tempo che fa per parlare del film Suburra dove recita al fianco di Pierfrancesco Savino per la regia di Stefano Sollima. Cos’altro racconterà?

fabio_fazio
Fabio Fazio

Dopo il trionfo di pubblico e critica, Elio Germano torna al cinema con il thriller Suburra di cui parlerà nell’ospitata a Che tempo che fa di Fabio Fazio il 10 gennaio. “Io sono uno di quelli che leggono tutte le recensioni dei giornali e contano le stelline collezionate dai propri film. Sono contento che abbiamo riacceso la curiosità per Leopardi e che gli abbiamo fatto indirettamente vincere perfino dei premi, visto che in vita non aveva mai vinti. La più grande soddisfazione, per me, sarebbe che venissero ristampati tutti i suoi libri – ha detto Germano in un’intervista sul ruolo di Leopardi prima di aggiungere una frase sul nuovo film – Noi attori il prodotto finito non l’abbiamo ancora visto, non so come sia stato montato, ma di certo non sarà un film d’inchiesta o di denuncia. È un film di genere, anche se evidentemente è andato al di là dell’attualità del periodo delle riprese. In fondo, le persone si rendono conto delle situazioni sempre prima della magistratura”.

Elio Germano nasce a Roma, il 25 settembre del 1980 e, a soli 35 anni, può vantare una carriera invidiabile come attore di cinema italiano e internazionale.Tra i numerosi riconoscimenti attribuiti ad Elio spiccano ben tre David di Donatello per il miglior attore protagonista, ricevuti, in ordine cronologico, per le pellicole Mio fratello è figlio unico, La nostra vita e Il giovane favoloso.La carriera di Elio comincia quando ancora era piccolissimo, all’età di dodici anni. Si dedica inizialmente al teatro, frequentando corsi di recitazione ed esibendosi in vere e proprie tournée nei teatri. Il suo esordio in sala avviene nel 1999, quando viene scelto da Carlo Vanzina per il suo film Il cielo in una stanza.Da quel momento le apparizioni cinematografiche di Elio diventano sempre più frequenti e rilevanti, oltre che pluripremiate.

Nel 2010, con la pellicola La nostra vita, riesce a farsi conoscere non solo in Italia, ma anche in Francia. Si aggiudica, infatti, Prix d’interprétation masculine alla 63° Festival di Cannes. Ai giornalisti che gli chiedono un commento a proposito della sua vittoria Elio risponde “Siccome i nostri governanti in Italia rimproverano sempre, al cinema, di parlare male della nostra nazione, io volevo dedicare questo premio all’Italia e agli italiani, che fanno di tutto per rendere l’Italia un paese migliore nonostante la loro classe dirigente.”.L’ultimo attore italiano ad essersi aggiudicato lo stesso titolo è stato Marcello Mastroianni, nel 1987, con Oci ciornie.Nel 2014 Elio Germano viene investito da un grande successo, sia come riconoscimenti ufficiali che sotto forma di apprezzamento da parte del pubblico, grazie al film Il giovane favoloso, incentrato sulla vita del poeta Giacomo Leopardi.

L’interpretazione di Elio viene universalmente additata come magistrale.Prossimamente avremo modo di vedere Elio Germano di nuovo nelle sale cinematografiche con ben due pellicole. La prima, in uscita il prossimo 14 ottobre, è Suburra, diretto da Stefano Sollima, regista della serie Gomorra. Nel cast spiccano anche altri importanti nomi del cinema italiano, quali Claudio Amendola e Pierfrancesco Favino. Il film farà leva su una grande speculazione edilizia che si intende fare sul litorale romano della Suburra, appunto, quartiere d’incontro tra politica e criminalità. L’intenzione è quella di trasformare l’area in una Las Vegas italiana, puntando proprio sull’alleanza tra un politico corrotto, interpretato da Savino, e il più grande capo della criminalità di Suburra, Amendola.La seconda pellicola che potrà vantare la presenza di Elio Germano è Alaska, film in uscita il prossimo 5 novembre. La regia è ancora una volta nelle mani di un “ex di Gomorra”, Claudio Cupellini, con il quale Sollima ha collaborato nella direzione della serie.

La trama si concentra su una storia d’amore tra un cameriere italiano e una fotomodella francese, interpretata da Àstrid Bergès-Frisbey, che parte da Parigi e arriva in Alaska.Sulla sua vita privata Elio Germano è sempre stato molto abbottonato. E’ un personaggio dello spettacolo che è riuscito a far parlare molto poco di sè, nonostante l’indubbio successo conseguito. L’ultima intervista relativa all’aspetto privato della sua vita risale al 2012, quando, al settimanale Grazia, ha confidato di cercare una donna che voglia crescere dei figli e che riesca a riempire i vuoti delle sue assenze a causa di impegni lavorativi. Niente attrici, aggiunge, perchè dei bambini si occuperebbe un estraneo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori