I giorni dell’abbandono/ Su Iris il film con Luca Zingaretti e Margherita Buy. Trailer

- La Redazione

Oggi, mercoledì 14 settembre 2015, Iris trasmette in prima serata I giorni dell’abbandono, un film drammatico italiano interpretato da Margherita Buy e Luca Zingaretti. La trama del film

Iris_Logo_2013_439
Il film in onda su Iris

Va in onda oggi su Iris alle 21.00 ‘I giorni dell’abbandono’, un film drammatico italiano del 2005 diretto da Roberto Faenza ed interpretato dalla bella Margherita Buy con Luca Zingaretti. La storia parla di Olga, la mamma di due bamgini che viene tradita ed abbandonata dal marito per una donna molto più giovane. Disperata la donna cade in una profonda depressione dalla quale sembra non riuscire ad uscire. Quando la situazione sembra senza via d’uscita, Olga riesce finalmente a rialzarsi e a cstruirsi una nuova vita. Ecco il trailer del film.

I giorni dell’abbandono, film in onda oggi su Iris in prima serata, trae ispirazione dal romanzo di un autore misterioso, che firma i suoi capolavori con lo pseudonimo Elena Ferrante. Questa pellicola di Faenza rappresenta il suo lavoro più complesso ed articolato, non tanto per la trama piuttosto lineare e semplice, quanto per la complessità dei sentimenti e delle peculiarità dei personaggi che riesce a proiettare sulla scena. La pellicola è poi completamente affidata alla bravura degli attori protagonisti. Luca Zingaretti ha l’arduo compito di interpretare un marito reo di abbandonare la moglie per una donna più giovane: l’uomo non mostra segni di cattiveria nella sua scelta, nonostante sia la causa principale della disperazione della moglie e della distruzione della sua famiglia. Margherita Buy, invece, riesce a portare sullo schermo tutta l’emozionante sofferenza di una donna che improvvisamente sente franare il terreno sotto i piedi, perdendo tutti i punti di riferimento ai quali era abituata ad aggrapparsi. La pellicola si chiude con un particolare plauso per la colonna sonora affidata a Goran Bregovic ed a Carmen Consoli. Bregovic, inoltre, interpreta il ruolo dello strambo musicista che con pochi gesti e semplici parole riesce a scuotere Olga dal torpore in cui era sprofondata.

Iris trasmette oggi alle 21.00 I giorni dell’abbandono, una pellicola del 2005 girata da Roberto Faenza. Annoverato nel genere drammatico, il film vede come attori principali Margherita Buy, Luca Zingaretti, Goran Bregovic e Alessia Goria. La pellicola è particolarmente apprezzata per la trama e per la colonna sonora firmata da Goran Bregovic e Carmen Consoli.

Nel film Olga, interpretata da Margherita Buy, è una donna di 35 anni con due figli. In un giorno come tutti gli altri il marito l’abbandona per rifugiarsi nelle braccia di una giovane ragazza. Olga reagisce male all’abbandono e si lascia andare ad un abisso di tristezza e di depressione, che sfocia in una perdita di coscienza e in un allontanamento dalla realtà. Quasi contemporaneamente, Olga perde anche il rapporto con i suoi figli e si ritrova completamente priva di affetti e di figure importanti per la sua vita.

Quando sembra ormai vicina alla fine ed al baratro, la vita di Olga viene sconvolta da un inaspettato incontro. La donna ha da tempo smesso di mangiare e di dormire, quando incontra un musicista solitario, che vive nel suo stesso immobile. L’incontro sembra smuovere qualcosa nell’animo ormai freddo e sterile della donna. Grazie ad un nuovo interesse Olga, che sembrava completamente sprofondata in un pozzo buio senza possibilità di risalita, inizia a compiere qualche piccolo passo verso la luce e verso una nuova vita. Frequentare un musicista malinconico, infatti, le fa capire la vera natura del suo dolore e della sua disperazione. Olga riesce a comprendere che la sua sofferenza non è legata alla perdita dell’amore, ma alla perdita della sicurezza e del ruolo di moglie che fino a quel momento ha vissuto.

La storia si chiude con la donna che riacquista una nuova ed inaspettata consapevolezza di sè: una donna che ha deciso di liberarsi di ogni catena, pregiudizio o copione da interpretare, per essere per la prima volta nella sua vita davvero libera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori