IL VIAGGIO DELL’UNICORNO/ Su Italia 1 il film di Philip Spink con Beau Bridges

- La Redazione

Il viaggio dell’unicorno, su Italia 1 a partire dalle 14.00 verrè trasmesso il film fantasy diretto da Phil Spink con Beau Bridges, Chantal Conlin e Heather McEwen. Ecco la trama

Foto-Mediaset
Mediaset

Il viaggio dell’unicorno è un film tv del 2001, il regista è Philip Spink e la sua durata è di poco meno di 3 ore: questa pellicola va dal genere fantasy a quello adventure e verrà proposta da Italia 1 oggi, domenica 18 ottobre 2015, sul piccolo schermo di Italia 1. Il cast è composto da: Beau Bridges (Alan Aisling), Chantal Conlin (Cassie Aisling), Heather McEwen (Miranda Aisling). Vediamo la trama. Il film parla della famiglia Aisling, Alan, marito e padre, insegna mitologia all’università, ma è a rischio licenziamento per i suoi insegnamenti non troppo consoni. Purtroppo è rimasto vedovo dopo la morte della moglie, con lui ci sono le due figlie, Miranda e Cassie. La prima, la più grande, dopo il lutto del genitore, ha cambiato atteggiamento, diventando scontrosa, mentre la più piccola, subisce un’ossessione per il libro di disegni della madre, contenenti creature fantastiche.

Una notte gli Aisling, vengono svegliati da dei rumori molesti, nell’affacciarsi per capire cosa succede, in casa entrano dei troll che vogliono ucciderli. Riescono a salvarsi solo grazie all’aiuto di un nano, Malachia, ed insieme scappano verso il molo dove salgono sulla Credendo Vides, una nave che li catapulterà nel mondo fantastico. Una volta giunti nel luogo, gli Aisling vengono a sapere da Malachia che c’è una profezia che li riguarda, ed insieme al suo aiutante, l’elfo Sebastian giungono sull’isola delle fate. Dopo la conoscenza con i sovrani del regno, ovvero Oberon e Titania, scoprono che la profezia riguarda il salvataggio del mondo incantato dalla magia dei troll, che lo vogliono rendere cupo e desolato. Accettano il ruolo di salvatori del regno e partono per una destinazione a loro sconosciuta, dovranno cercare il drago che fino a qualche tempo prima lo proteggeva. Insieme a Malachia e Sebastian, arrivano su un’isola, con loro hanno due doni ricevuti dai sovrani (una bussola ed un vetro che vede oltre le apparenze), nel frattempo Cassie scopre che lì giace il minotauro, e contrariamente a quello che pensava, che la creatura è buona e diventa amica della ragazza e si unisce al gruppo.

Tutti insieme vanno verso la nave e scoprono lo scheletro del drago, così portano il cranio con loro come sorta di prova. Giungono su un’altra isola dove conoscono una nuova creatura, Medusa, grazie al vetro che vede oltre le apparenze, fanno amicizia e così un’altro componente si unisce al gruppo. In mare però arriva lo scontro con i troll, con quest’ultimi che ne escono vincitori, catturando la testa del drago e riuscendo a far pietrificare Malachia da Medusa, anche se involontariamente. Da un libro che si trova nella biblioteca della nave vengono a sapere che per eliminare l’incantesimo serve una lacrima di unicorno, animale raro che compare solo grazie a dei pomi d’argento. Quest’ultimi, che sono a loro volta rari, vengono coltivati da un orco, così il gruppo si reca sull’isola dove vive costui. Olaf, l’orco, colpito dalla bellezza delle due ragazze concede il frutto che fa così comparire l’unicorno, quest’ultimo corre verso la nave, insieme alle ragazze, e con una lacrima libera Malachia dall’incantesimo.

Un altro scontro arriva per il gruppo, un serpente marino capeggiato dai troll, ma è Miranda, con cori e canti che mette la creatura in fuga. Decidono di affrontare i troll, così si travestono come loro e arrivano sulla loro isola, qui però Cassie viene catturata e nel frattempo suo padre Alan, riprende la testa del drago, consegnandola a Miranda. Cassie riesce a scappare ma vengono catturati e gli altri componenti, esclusi gli Aisling che si organizzano per come liberarli. Riescono in questa missione e riportano in vita il drago, compiendo anche la profezia, inoltre gli altri schiavi si ribellano ai troll e così nel regno torna tutto alla normalità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori