LA PROVA DEL CUOCO/ Le ricette, puntata 18 novembre 2015: il risotto con robiola e luganega, bocconcini di tacchino con cipolla e gnocchi di semolino

- La Redazione

La prova del cuoco, ricette puntata 18 novembre 2015: risotto con robiola e luganega, bocconcini di tacchino con frittelle di cipolla e  gnocchi di semolino con salsa di salmone affumicato 

la-prova-del-cuoco
La prova del cuoco: estrazione di Lotteria Italia

A La prova del cuoco di ieri, mercoledì 18 novembre 2015, sono state proposte tante nuove e gustose ricette. Per chi si fosse perso la puntata, ecco cos’è accaduto. La puntata si è aperta con la ricetta gourmand di Sergio Barzetti, simpaticamente conosciuto come Mr. Alloro. Lo chef ha proposto un risotto “coccolato”con robiola e luganega sfumata al vino rosso Bonarda. La ricetta prevede l’utilizzo di un riso fra le qualità più antiche, il famoso Maratelli, semilavorato e molto nutriente, da tostare in un classico soffritto all’italiana, a base di sedano, carota e cipolla. La particolarità di questa ricetta è data dall’utilizzo di un brodo di carne alternativo (finchè c’è brodo c’è speranza, ricorda il cuoco!), a base di carne di coniglio, arricchito con tanti vegetali, fra cui zucca e sedano rapa. Barzetti invita a scegliere una luganega non troppo colorata, altrimenti ricca di salnitro. La luganega dev’essere spellata e sgranata, sfumata con il vino e lasciata cuocere per almeno venti minuti in padella. Il riso, una volta cotto (sedici minuti), va mantecato con la robiola, lasciato riposare per un minuto ed impiattato con la luganega e preziosi fiori di Crocus. Tutta l’Italia in un impasto di pizza fritta leggera, da mangiare a portafoglio! La ricetta di Gino Sorbillo ha fatto venire l’acquolina in bocca al pubblico in studio. Il pizzaiolo napoletano ha reso l’impasto più genuino utilizzando una farina con germe di grano, e solo ingredienti genuini per la farcia: scarola, provola affumicata, calatura di alici di Menaica e patè di olive bio pugliesi. Il segreto di questa preparazione sta nella lunga lievitazione (circa otto ore), e nella chiusura ad “ufo”. La pizza fritta, infatti, si compone di due dischi, sigillati da una parte e dall’altra con l’aiuto dei pugni, e fritti in abbondante olio di semi di arachidi. La chicca sta nel coprire continuamente la pizza, in cottura, con l’olio bollente: versandolo al suo centro si gonfia in modo visibile. Natalia Cattelani con la sua ricetta “molto familiare”, in quattro mosse, ha dato un contributo positivo alla puntata: bocconcini di tacchino con frittelle di cipolla, accompagnati da salsa barbecue! La ricetta, davvero molto semplice da realizzare, si svolge infarinando la carne di tacchino in amido di mais, prima, immergendola successivamente in una pastella fatta con uova, maizena, sale e pepe. Il consiglio di Nat è quello di non girare subito i bocconcini, una volta messi in padella con l’olio, ma di lasciarli dorare per almeno quattro minuti. Le frittelle di cipolla sorprendono per l’utilizzo di una pastella indiana, a base di farina di ceci, di farina di riso, di curcuma e curry, e di lievito liofilizzato per torte salate. La ricetta della salsa è molto semplice, a base di passata di pomodoro, aceto di mele, zucchero di canna, salsa Worcester, amido di mais ed acqua. Molto classica la ricetta di Anna Moroni: gnocchi di semolino con salsa di salmone affumicato. L’idea in più suggerita dalla Moroni è quella di arrotolare, su carta forno e canovaccio, il composto a base di semolino una volta cotto. Questa procedura, facilita il taglio degli gnocchi. Presente in studio anche Pietro Di Noto, con la realizzazione del gelato di cachi, guarnito con cioccolato fondente 80%. Un gelato molto bilanciato, creato con miele d’agave e farina di semi di carrube. I cuochi della consueta gara hanno realizzato piatti sorprendenti: è stato difficile per i giudici scegliere il vincitore (peperone verde). Mauro Improta ha realizzato gli “scialatielli” con fave gelo e pecorino toscano, ed un filetto di spigola all’acqua pazza, con piccadilly e crostoni di pane al timo. Ambra Romani, invece, ha realizzato una crema di zucca con funghi chiodini e menta fritti, ed un involtino di fuso di pollo, ricco di amaretti, presentato su un letto di crema di parmigiano.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori