Gianluca Zambrotta/ Si sottovaluta troppo? (Monte Bianco, Cordata rossa, terza puntata 23 novembre 2015)

- La Redazione

L’ex calciatore Gianluca Zambrotta, insieme alla sua guida Giovanna, continua il suo percorso in “Monte Bianco”, il programma condotto da Caterina Balivo

giovanna_mongilardi_gianluca_zambrotta
Giovanna Mongilardi e Gianluca Zambrotta

Dal giocare a calcio a prendere parte alle salite in montagna: è stato questo il passaggio che ha effettuato Gianluca Zambrotta, che si è messo in gioco con la sua guida Giovanna. I due, che rappresentano la cordata rossa, nella prima puntata si sono comportati in maniera discreta: Zambrotta, che è stato anche penalizzato, dopo aver commesso un errore nella prima prova, è riuscito, assieme a Giovanna, a recuperare il terreno perso nella seconda prova della prima puntata. Al termine della sfida, Gianluca è riuscito a classificarsi in seconda posizione, evitando quindi l’eliminazione dal gioco, sorte toccata ad Arisa. Capiti i meccanismi della montagna e il modo di affrontare le varie sfide, Gianluca ha partecipato alla seconda giornata della competizione con uno spirito completamente differente. L’ex giocatore della Juventus è riuscito, assieme a Giovanna, a classificarsi primo nella sfida iniziale, cosa che ha permesso a lui e alla sua guida di poter accedere alle docce calde. Proprio grazie a questo bagno rigenerante, i due sono riusciti a chiudere la seconda puntata del programma in prima posizione, lasciando a bocca aperta gli altri concorrenti.Inoltre, Gianluca ha deciso di creare una sfida-eliminazione molto diversa rispetto quella della prima puntata, facendo scontrare la seconda coppia in classifica, ovvero Anna e Stefano, contro l’ultima, ovvero Enzo Salvi e la sua guida. Per la cordata blu non c’è stat storia, e il comico è stato eliminato dal programma, a causa anche dei problemi fisici che lo hanno colpito durante la gara.

L’ex giocatore della Juventus ha dimostrato, durante le prime puntate, come una buona tenuta fisica sia importante: nessun crampo e nemmeno difficoltà esagerate, frutto di anni e anni di allenamento sul campo di calcio, che sicuramente avranno fortificato il corpo di Gianluca. Probabilmente, il difetto maggiore che si può attribuire al calciatore, consiste nel fatto che, Gianluca, sembra essere poco convinto nei suoi mezzi e tende a sottovalutarsi parecchio. In confronto agli altri concorrenti, seppur una prima puntata non proprio brillante, Gianluca Zambrotta ha dimostrato di essere un vero atleta che potrebbe raggiungere ottimi risultati in ogni singola prova. Inoltre, il rapporto semplice con Giovanna, la sua guida, gli ha permesso di ottenere buoni risultati sulle montagne: è proprio questa la chiave del successo di Gianluca, ovvero semplicità e impegno costante. Con un pizzico di strategia in più, utile per eliminare le potenziali minacce rappresentate dagli altri concorrenti, Gianluca potrebbe fare una buona figura e correre verso la fase finale del programma, senza alcun tipo di problema e soprattutto senza che ci possano essere delle complicazioni durante il suo cammino. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori