MARIA ELENA BOSCHI / Il Ministro per le Riforme Costituzionali: ecco le ultime novità (2Next, puntata 23 novembre 2015)

Maria Elena Boschi, il Ministro per le Riforme Costituzionali sarà ospite questa sera nella nuova puntata di 2Next, su Rai 2. Le politiche economiche e il loro impatto nel futuro, le novità

23.11.2015 - La Redazione
boschi_ministro_r439
Maria Elena Boschi (Infophoto)

Torna questa sera su Rai 2 il programma di approfondimento politico ed economico 2Next: Maria Elena Boschi sarà l’ospite d’onore del programma condotto da Annalisa Bruchi. Interverrà il Ministro per le Riforme Costituzionali a parlare di tutte le riforme in atto del governo Renzi e del loro impatto economico futuro, con anche le annesse polemiche di rito che in questi giorni continuano a venir fuori. Maria Elena Boschi nasce nel 1981 a Montevarchi: la donna inizialmente segue un percorso di studi nel ramo dell’avvocatura, diplomandosi prima nell’indirizzo classico col punteggio pieno, ovvero cento centesimi, per poi seguire il percorso di studi in giurisprudenza presso l’Università di Firenze, conseguendo la laurea con ottimi risultati. La sua carriera politica inizia nel 2008, quando svolge il ruolo di portavoce del candidato sindaco di Firenze Michele Ventura, appartenente al partito politico del PD. Nel 2012, Maria Elena Boschi entra a far parte della direzione del Partito Democratico di Firenze ed è una delle coordinatrici della campagna politica di Matteo Renzi per le Primarie del PD. Nel 2013, grazie alla sua vittoria nelle elezioni per la Camera dei Deputati in Toscana, ed a quella di Renzi nelle Primarie del PD dello stesso anno, Maria Elena Boschi diviene responsabile per le riforme e segretaria della direzione nazionale del partito, mentre l’anno successivo viene scelta come ministro per le riforme. Il ministro per le Riforme è apparsa al Congresso dell’Associazione Nazionale Magistrati, durante il quale ha elogiato e spiegato quanto fossero importanti i magistrati nel Paese italiano, il tutto pochi giorni fa. Maria Elena Boschi ha sottolineato che questa figura deve assumere un’importanza centrale nel paese, sottolineando come il Governo stia facendo il possibile per dare maggior risalto a questa professione spesso messa in secondo piano o completamente ignorata dai giovani.
Proprio per far capire quanto l’Italia ha necessità di queste figure, il ministro ha voluto sottolineare come, grazie alla Legge di Stabilità 2015, il Governo italiano abbia creato un fondo per l’assunzione di nuovi magistrati, per l’esattezza trecento, in maniera tale che l’aspetto della giustizia del paese possa essere maggiormente rafforzato. La Boschi ha anche rilasciato un’intervista nella quale ha preso le difese di Rosy Bindi: il ministro ha deciso di presenziare a Otto e Mezzo, noto programma trasmesso su La 7, nel quale ha sostenuto che le parole di De Luca, governatore della Campania, sono state eccessive. In particolar modo, il ministro delle riforme ha spiegato che le contestazioni possono essere il meccanismo giusto per un dibattito, ma umiliare e aggredire, nonché insultare in quel modo, un’altra persona, soprattutto una come Rosy Bindi, è inaccettabile, aggiungendo che si aspetta delle scuse da parte di De Luca nei confronti della donna, le quali però non sono mai state fatte. A smentire invece le fastidiose voci di corridoio che parlavano di un potenziale flirt con il Premier Matteo Renzi, completamente infondate, è stato Luigi Bisignani, giornalista che, su Radio 2, ha sostenuto che il ministro potrebbe essere impegnata con un pallavolista serbo che milita nel campionato italiano, senza però rivelare la sua identità. Maria Elena Boschi ha anche espresso tutta la sua vicinanza per le famiglie delle vittime degli attentati in Francia, prendendo parte alla funzione religiosa che si è svolta nella Basilica di Santa Maria a Roma. Nell’occasione, le telecamere di Repubblica.it hanno immortalato Maria Elena Boschi seduta di fianco all’ambasciatrice francese Catherine Colonna e si è dimostrata commossa e col capo chino mentre ascoltava le parole del Monsignor Vincenzo Paglia.

I commenti dei lettori