Hevia / L’ospite internazionale del Concerto di Natale 2015 (Oggi, 18 Dicembre)

- La Redazione

Hevia è uno degli artisti internazionali che si esibiranno sul palco del Concerto di Natale, alla sua ventitreesima edizione, che andrà in onda per la prima volta su Canale 5

Concerto-di-Natale-2015
Concerto di Natale 2015

Anche Hevia sarà tra gli ospiti internazionali del prossimo concerto di Natale che andrà in onda su Canale 5. Josè Angel Hevia Velasco è nato a Villaviciosa, in Spagna, nell’ottobre del 1967. La sua fama deriva in particolare dall’invenzione di una cornamusa elettronica, denominata Gaita Midi, che suona nelle sue esibizioni. Ha iniziato a suonare da piccolo, affezionandosi immediatamente alla cornamusa tradizionale. La sua graduale crescita artistica è poi proseguita ininterrottamente, portandolo nel 1986 ad assumere la direzione della banda di cornamuse della sua cittadina natale, detenuta sino al 2001. Contemporaneamente ha iniziato una proficua carriera solista, che lo ha portato nel 1992 a trionfare al Festival Interceltico di Lorient, disputato in Bretagna. Un vero e proprio sigillo internazionale che lo ha introdotto alla pubblicazione del suo primo lavoro in studio, “Tierra de nadie”. L’album, uscito all’estero con il titolo “No Man’s Land” conteneva il singolo “Busindre reel”, che lo ha letteralmente trascinato verso il grande successo. Sono stati ben due milioni e mezzo gli esemplari del disco venduti in Paesi di ogni parte del mondo, a partire da Italia, Belgio, Ungheria, Nuova Zelanda e Danimarca, con una vera e propria pioggia di dischi d’oro e di platino. Naturalmente anche la Spagna ha contribuito al suo successo, testimoniando con oltre un milione di copie vendute il suo rinnovato interesse per la musica folk.

Nel 2000 ha invece visto la luce il suo secondo lavoro in studio, “Al otro lado”, che è stato pubblicato all’estero con il titolo “The Other Side”, ancora una volta salutato da ottimo riscontro commerciale e buona accoglienza da parte della critica musicale. Sono poi passati tre anni prima del terzo atto della sua discografia, “Etnico ma non troppo”, mentre nel 2008 è stato rilasciato il quarto lavoro, “Obsessión”. Nel 2012 ha collaborato con i Sonohra, un duo italiano, nel brano “Si chiama libertà”. Va anche ricordato che “El Garrotin” e “La Línea Trazada”, due dei suoi brani più noti, sono comparsi all’interno di “Vigilante 8: Second Offence”, un gioco multimediale, a conferma della sua grande popolarità.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori