Il Re Scorpione 3 – La battaglia finale/ Su Italia 1 il film con Victor Webster, ecco perché non c’è The Rock

Il Re Scorpione 3 – La battaglia finale, in onda stasera (29 dicembre 2015) su Italia 1, a partire dalle ore 19.25. Il terzo appuntamento con le gesta del Re Scorpione, ecco la trama

29.12.2015 - La Redazione
mediaset
La prima serata Mediaset di oggi

Scopriamo qualche notizia interessante sulla pellicola in onda oggi su Italia 1 alle ore 19.25, Il re scorpione 3 – la battaglia finale. The Rock, attore e wrestler, avrebbe dovuto essere nuovamente il protagonista: la WWE, durante il periodo di realizzazione del film, richiamò il lottatore per disputare un match a novembre, nello storico evento a pagamento delle Survivor Series, cosa che gli impedì di essere sia sul set che sul ring. Inoltre, Dwayne Johnson, vero nome di The Rock, si dovette preparare al match di Wrestlemania contro John Cena, altra motivazione per la quale l’attore non partecipò alla pellicola. Il regista riusciì ad assumere un altro ex wrestler, ovvero Batista, per il ruolo di Agromael, uno degli antagonisti della pellicola.

La pellicola in onda stasera su Italia 1 alle 19.25 è un film del 2012, diretto da Roel Reine. Re Scorpione 3 – La Battaglia Finale è una pellicola che potrebbe creare diversa confusione nella mente dei telespettatori: questo è il terzo film che appartiene a questa saga cinematografica, ma in realtà è solo il secondo dei sequel della trama. Questo per il semplice fatto che, il secondo capitolo, racconta i fatti antecedenti alla prima pellicola. Verrà poi girato un quarto capitolo che riprende quanto accaduto nel terzo film. Victor Webster e Ron Perlman i nuovi protagonisti di questo film.

Il re Mathayus, dopo aver combattuto diverse battaglie, subisce l’attacco di diversi eserciti nemici, che decidono di allearsi per poterlo finalmente far cadere. Il Re Scorpione, seppur cerchi di fare il possibile per evitare che il peggio possa accadere, si ritrova sconfitto su tutti i fronti: il suo regno crolla definitivamente e si ritrova ad essere un semplice guerriero. Per riuscire a riconquistare la fama della quale godeva un tempo, il sovrano si ritrova ad essere costretto ad assumere il ruolo di mercenario, in quanto solo in questo modo la sua fama potrà essere nuovamente riconquistata e confermata dai popoli ad essi vicini al suo ormai ex territorio dove governava. Ad assumerlo è il sovrano Horus, il quale gli affida un compito ben preciso: Mathayus si troverà costretto a dover difendere il regno di Ramusan, il quale viene minacciato da alcune forze oscure che vorrebbero rubare un libro per resuscitare diversi guerrieri leggendari. Ad accompagnare Mathayus vi sono Olaf e un guerriero chiamato Cobra, il quale altri non è che la figlia del sovrano. Durante la battaglia però, dove Mathayus riesce a distinguersi in maniera incredibile, la figlia del sovrano viene uccisa e il libro dei morti viene rubato: la conseguenza è devastante, visto che i tre guerrieri leggendari vengono risvegliati e si preparano ad affrontare le truppe di Mathayus. Seppur il primo dei tre viene facilmente sconfitto, gli altri due danno del filo da torcere. 
Inoltre, il Re Talus si aggiunge alla mischia e non fa altro che peggiorare la situazione: diverse persone perdono la vita durante i vari combattimenti, cosa che fa perdere le staffe a Mathayus, il quale cerca di confortare le sue truppe. Dopo aver capito quali sono i punti deboli dei leggendari guerrieri, questi vengono sottomessi e soprattutto vengono sconfitti grazie alle formule del libro magico, che imprigiona i nemici nuovamente nei regni dei defunti, sconfiggendoli definitivamente. Talus cercherà invece di scappare e mettersi in salvo, ma verrà catturato e dato in pasto ai ribelli, che lo uccideranno senza alcuna pietà, in quanto ha fatto tutto il possibile per complicare la loro vita. Alla fine, il Re Scorpione riesce nuovamente a riprendersi quel titolo che aveva conquistato con molta fatica e sacrifici: la sua nuova consorte sarà Silda, mentre il guerriero e consigliere principale Olaf. Il regno del Re Scorpione sarà libero da ogni vincolo, visto che i due non vogliono che la popolazione provi l’odio verso di loro, lasciandoli liberi di sottomettersi oppure no, cosa che la popolazione decide di fare per rispetto nella leggenda del re Scorpione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori