URBAN STRANGERS/ Da X Factor al palco di Matera per il Capodanno (L’anno che verrà, oggi 31 dicembre 2015)

Gli Urban Strangers, il gruppo che è arrivato secondo alla nona edizione di X Factor appena conclusa, saranno sul palco di Matera e su Rai 1 (L’anno che verrà, oggi 31 dicembre 2015)

31.12.2015 - La Redazione
x_factor_2015_urban_strangers
Urban Strangers

Gli Urban Strangers saranno ospiti a L’anno che verrà di questo Capodanno, come sempre in diretta su Rai 1 e sotto la guida di Amadeus. Ma chi sono gli Urban Strangers? Sono due giovani ragazzi provenienti dalla provincia di Napoli, classificatosi al secondo posto nell’ultima edizione del talent show musicale X Factor. X Factor, giunto alla nona edizione, è ormai terminato da circa due settimane: a contendersi il primo posto sono stati gli Urban Strangers e Giosada, venticinquenne proveniente da Bari. Nonostante non sia riuscito a ottenere il primo posto della competizione musicale, il duo resta amatissimo dal pubblico di X Factor, soprattutto dai più giovani. I nomi dei due ragazzi che compongono gli Urban Strangers sono Gennaro Raia e Alessio Iodice (Genn e Alex, come preferiscono presentarsi): sono coetanei, nati precisamente nel 1995, e provengono da Somma Vesuviana, un comune in provincia di Napoli. I due non si dichiarano dispiaciuti per il secondo posto: loro sono giovani, e il tempo per crescere musicalmente è ancora tanto, magari anche fuori dall’Italia. Il gruppo degli Urban Strangers nasce nel 2012. Non sono molte le esperienze musicali dei due ragazzi avute prima della partecipazione a X Factor: gli Urban Strangers hanno partecipato in precedenza a un contest in una tv locale e hanno presentato un EP dal titolo Urban Strangers, pubblicato da Casa Lavica Records nel mese di giugno, suonando in giro per promuovere il loro lavoro, sempre con molta passione. I due giovani hanno iniziato ad avvicinarsi al mondo della musica sin da piccoli, cominciando poi a suonare e scrivere testi per passatempo, seppur con molto trasporto, non immaginando in futuro di arrivare così lontano.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori