La Piccola Principessa/ Su Canale 5 il film di Alfonso Cuaròn, remake della pellicola di Walter Lang

Canale 5 questo pomeriggio propone il film La piccola principessa. Vediamo la trama della pellicola diretta da Alfonso Cuaròn nel 1995 e con Liesel Matthews ed Eleanor Bron protagoniste.

08.12.2015 - La Redazione
Foto-Mediaset
Mediaset

Il film La Piccola Principessa del 1995 di Alfonso Cuaròn è un remake di una pellicola dal titolo omonimo del 1939 diretto da Walter Lang, che aveva tra i protagonisti l’indimenticabile Shirley Temple. Anche questa pellicola, della durata di 91 minuti, è ispirato al romanzo per bambini di Frances Hodgson Burnett. Nel cast oltre a riccioli d’oro ci sono anche Richard Green, Anita Louise, Ian Hunter e Cesar Romero. La pellicola è stata distribuita dalla Twentieth Century Fox Film Corporation. Non accreditato alla regia ad aiutare Lang c’era William A. Seiter.

Questo pomeriggio alle ore 16.10 Canale 5 propone la pellicola americana diretta dal regista messicano Alfonso Cuaròn. La piccola principessa, il cui titolo originale è “The Little Princess” è un film di genere drammatico uscito del 1995 per la regia di Alfonso Cuaròn. La trama trae ispirazione dal racconto per ragazzi scritto dalla scrittrice inglese Frances Hodgson Burnett. Si tratta inoltre del remake del lavoro cinematogrfico del regista statunitense Walter Lang, uscito nel 1939 che aveva come protagonista la giovanissima attrice americana Shirley Temple. Nella versione del 1995, il personaggio di Sara Crewe è interpretato da Liesel Matthews. Ralph Crewe (Liam Cunningham) è un ricco uomo d’affari, vedovo con una figlia piccola di nome Sara. Padre e figlia vivono in India e quando Crewe deve partire per la guerra, decide di lasciare Sara, che ormai ha sette anni, in un prestigioso collegio femminile newyorkese, diretto da Miss Minchin (Eleanor Bron). Conoscendo la posizione molto agiata della famiglia Crewe, la direttrice del collegio è molto attenta a trattare nel migliore dei la nuova arrivata, addirittura le mette a disposizione una cameriera personale. Sara cerca di essere sempre gentile e disponibile con le compagne, aiuta nello studio la sua amica Ermengarde (Heather Deloach) e prende sotto la sua protezione Lottie, una bambina orfana di madre come lei. Sara offre la sua amicizia anche a Rebecca (Vanessa Lee Chester), una domestica del collegio che tutti chiamano Becky. Per festeggiare il compleanno della piccola Sara, la direttrice organizza una festa dove non mancano regali e ogni genere di sorpresa. Una brutta notizia giunge a Miss Minchin: il padre della ragazzina è morto durante una battaglia e tutti i sui beni sono stati requisiti dal governo inglese. Per non dare una pessima immagine del suo istituto, Miss Minchin invece di mandar via Sara dal collegio la fa lavorare come domestica e la fa dormire in una misera soffitta. Da quel momento la vita di Sara nel collegio diventa molto dura, ma riesce a superare i momenti di disperazione grazie alle parole di suo padre: “tutte le donne sono principesse”. Pensando a queste parole Sara riesce a superare ogni difficoltà. Una mattina Sara si accorge che, nella casa confinante con il collegio, è venuto ad abitare un ricco signore il cui figlio è stato dichiarato disperso. Insieme al suo fedele servitore indiano Ram Dass (Errol Sitahal), l’uomo gira gli ospedali nella speranza di ritrovare il figlio. Ha modo di conoscere un soldato che, per aver respirato dei gas altamente tossici, ha perso competamente la memoria. L’indiano suggerisce al padrone di accogliere lo sfortunato reduce in casa sia, sperando che un giorno, se mai gli dovesse ritornare la memoria, possa avere da lui notizie di suo figlio. Lo smemorato in realtà è il capitano Crewe, papà di Sara che, ovviamente, non era morto. Un giorno Sara scappa dal collegio e, per sfuggire a Miss Minchin che la insegue, entra nella casa vicina. Il sig. Crewe nel rivedere la sua amata figlia, comincia a ricordare. Tornata la memoria, padre e figlia finalmente potranno vivere ancora insieme e felici.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori