CARLO MASSARINI/ Chi è il conduttore radio e tv nella Giuria di esperti del Festival di Sanremo 2015

- La Redazione

Nella giuria degli esperti del Festival di Sanremo 2015 c’è anche Carlo Massarini, che ormai da decenni si occupa di musica in veste di conduttore televisivo e radiofonico

Massarini-CarloR439
Carlo Massarini

Nella giuria degli esperti del Festival di Sanremo 2015 c’è anche una gradita conoscenza degli appassionati di musica del nostro Paese, quel Carlo Massarini che ormai da decenni si occupa del settore in veste di conduttore televisivo e radiofonico, oltre che di giornalista. Nato a La Spezia, nell’ottobre del 1952, Carlo Massarini si è poi trasferito al seguito della famiglia in Canada, ove il padre, un diplomatico di carriera, era stato inviato in missione. Una volta tornato a Roma, si è quindi iscritto alla facoltà di Medicina, senza però mai portare a termine gli studi. A spingerlo alla decisione l’ormai divorante passione per la musica, che lo aveva portato ad abbracciare la carriera di conduttore in radio, all’interno della Rai. Tra le prime trasmissioni da lui condotte, Per voi giovani, uno show salutato da buon successo all’inizio degli anni ’70.

Nel periodo successivo ha quindi condotto Pop-off e Radio2 21.29, all’interno delle quali ha svolto una funzione molto preziosa facendo conoscere in Italia artisti di rilievo, ma allo stesso tempo sconosciuti alle nostre latitudini, a partire da Bob Marley, Jackson Browne, Joni Mitchell e Tom Waits. All’attività radiofonica ha poi affiancato quella sui giornali, inaugurando le collaborazioni con Rolling Stone e Popster.

Gli anni ’80 lo hanno poi visto allargare il suo raggio d’azione al piccolo schermo, in particolare grazie alla conduzione di Mister Fantasy, programma da lui ideato e condotto tra il 1981 e il 1984 su Rai Uno, caratterizzato dalla visione di quelle videoclip che proprio in quel periodo stavano diventando una delle maggiori forme di espressione per tutti gli artisti che operavano nel settore musicale. Nel 1986 è quindi passato alla conduzione di Non necessariamente, sempre su Rai Uno, una sorta di esperimento nel quale a fare da protagoniste erano le tecniche video e di grafica computerizzata, mixate sapientemente a quelle cinematografiche. 

L’anno successivo lo ha invece visto al timone del Festival di Sanremo affiancando Pippo Baudo, esperienza ripetuta l’anno successivo con Gabriella Carlucci e Miguel Bosè. Una funzione svolta in particolare curando la presentazione dello spazio rock predisposto all’interno della rassegna, nell’ambito del quale ha avuto modo di presentare una lunga lista di star internazionali. 

Dopo aver ideato e condotto ancora per l’emittenza pubblica Tam Tam Village, alla fine del decennio, negli anni tra il 1995 al 2002 ha guidato MediaMente, per Rai Educational, in cui ha affrontato il tema relativo alla crescita di Internet e all’importanza sempre più rilevante assunta dalle nuove tecnologie.

Dal gennaio del 2011 ha quindi assunto la conduzione di Cool Tour una trasmissione in scena ogni giorno su Rai 5, dedicata a tutto quello che fa tendenza, sia nella società che nel settore dello spettacolo. In onda dalla Fabbrica del Vapore di Milano, lo show vede protagonista proprio il capoluogo meneghino, con la sua capacità di intercettare e proporre nuovi trend. 

Dal gennaio del 2013 ha poi iniziato a condurre la trasmissione Cool Tour Classic Rock, sempre su Rai 5, che va in onda ogni mercoledì e avente come tema la musica rock e le connessioni tra il passato, il presente e il futuro. Nel gennaio del 2014 ha quindi assunto la conduzione di Ghiaccio Bollente, ancora su Rai 5, spazio che vede protagonista la musica rock e pop introducendo al palinsesto notturno della rete.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori