ALESSANDRA SARDONI/ Chi è la giornalista di La7 ospite a Le Invasioni Barbariche

- La Redazione

Nella prossima puntata de “Le Invasioni Barbariche”, Daria Bignardi intervisterà la giornalista di La7 Alessandra Sardoni. Nata a Roma il 5 maggio del 1964

alessandra-sardoni_R439
Alessandra Sardoni (web)

Nella prossima puntata de “Le Invasioni Barbariche“, Daria Bignardi intervisterà la giornalista di La7 Alessandra Sardoni. Nata a Roma il 5 maggio del 1964, la Sardoni inizia la sua carriera da giornalista a Mediaset. Successivamente alla sua esperienza nelle reti del Biscione, avviene prima il passaggio a Videomusic nel 1991, e infine quello a TeleMonteCarlo, trasformatasi nell’attuale La7. La Sardoni può vantare una laurea in filosofia del linguaggio e ha cominciato a manifestare il proprio interesse per le vicende politiche in concomitanza dell’avvento del primo Governo Berlusconi. La giornalista, non ha mai nascosto la sua vicinanza agli ambienti dei Ds (Democratici di Sinistra), confluiti attualmente nel Partito Democratico. Più che per i servizi realizzati per il Telegiornale di TMC e di La7, il pubblico impara a conoscerla quando nel 2007 affianca Pietrangelo Buttafuoco alla conduzione estiva del noto programma di approfondimento politico “Otto e Mezzo”. Nel 2008 è confermata alla conduzione nei mesi estivi della trasmissione, ma questa volta è accompagnata da Lanfranco Pace. Durante questo periodo di grande esposizione mediatica, i giudizi sull’aspetto estetico della giornalista si sprecano. La presunta poca grazia dei lineamenti della giornalista, non ha di certo scoraggiato i tanti fan reclutati nel corso delle settimane, che hanno trovato nella Sardoni un punto di riferimento insostituibile nel panorama dell’informazione televisiva. Da quanto riportato qualche tempo fa dal sito “Dagospia”, diretto da Roberto D’Agostino, la Sardoni è addirittura diventata un emblema per il movimento omosessuale milanese. A darne conferma è stato il portavoce dei giovani universitari omosessuali milanesi Andrea Metis, che ha dichiarato come la giornalista romana rappresenti l’ideale di donna che tutti i gay gradirebbero emulare, poiché dotata di intelligenza e di acume indiscutibili.

Negli ultimi anni, a causa dei grandi stravolgimenti che hanno investito la vita politica italiana, è spesso impegnata nelle dirette maratona del Tg La7, condotte dallo studio dal direttore Enrico Mentana. Durante queste interminabili dirette, sul web sono spesso sottolineate le capacità di resistenza e del direttore, e della sua inviata, capace di sopportare le incalzanti richieste di un Mentana sempre attento a restare “sul pezzo”. Proprio una di queste esperienze le ha fatto guadagnare la citazione del critico televisivo per eccellenza, Aldo Grasso, che ne ha vantato, oltre che la bravura e la preparazione, anche la capacità di resistenza ai ritmi disumani cui viene sottoposta dal direttore Mentana. Nel 2009, Alessandra Sardoni si è cimentata nella scrittura, dando vita ad un saggio di ottima qualità: “Il fantasma del Leader” e ha partecipato nel 2014 alla stesura de “Il Renzi” realizzato da Mario Lavia, nella definizione di “Leadership”. Nella vita privata, la Sardoni, a quanto si racconta, sembra concedersi due sole passioni: la prima è rappresentata dalla danza classica, tanto che la giornalista ha organizzato un circolo di appassionate sempre presente alle varie “prime” teatrali; la seconda è quella per le cene domestiche, preparate da un’apposita tata, a detta dei commensali abilissima cuoca. Nel confronto che vedrà una davanti all’altra Daria Bignardi e Alessandra Sardoni a “Le Invasioni Barbariche”, sarà divertente vedere come si districherà la sempre pronta giornalista, nei panni, per una volta, non di chi fa le domande, ma di chi è chiamata a rispondere con sincerità agli interrogativi posti dall’intervistatrice.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori