TRANSPORTER – THE SERIES 2/ Anticipazioni puntata 24 marzo 2015: Frank bloccato nel deserto del Sahara

- La Redazione

Transporter – The series 2, anticipazioni puntata 24 marzo 2015: Frank, dopo essere riuscito a portare a termine una consegna, si trova bloccato nel deserto del Sahara con Caterina

transporter2_placido_r439
Transporter: The Series 2

Oggi, martedì 24 marzo 2015, Premium Action trasmetterà due nuovi episodi (il terzo e il quarto) della seconda stagione di Transporter – The Series, intitolato rispettivamente Sesso, bugie e videotape e Lesplosione. Prima di scoprire le anticipazioni, rivediamo quello che è successo nella puntata di settimana scorsa: a Roma, il giudice antimafia Bernardo Marrone è in un ristorante con la moglie Laura e il figlio Luca (Alexander Morgan Hennessy) quando si accorge che un uomo li sta osservando quindi lo attira fuori dal locale e gli urla di lasciare in pace la sua famiglia. Luomo estrae una pistola e lo uccide sotto gli occhi di Luca che era uscito per cercarlo e fa appena in tempo a nascondersi dietro un cassonetto. Caterina Boldieu (Violante Placido), figlia del ministro delle Finanze francese ed ex agente segreto, arriva a casa di Frank (Chris Vance) per sostituire Carla come sua assistente ed è già al lavoro sul primo incarico del suo nuovo capo: accompagnare Luca in tribunale per testimoniare contro il sicario Dezdu Magyar (Richard Brake).

Intanto il fratello di Dezdu, Aleksander (Michael Lindall), saputo dellingaggio del trasportatore, si prepara a inseguirlo per impedire al bambino di testimoniare. Sfruttando la sua abilità alla guida, Frank riesce a liberarsi di Aleksander ma è costretto a fare una deviazione in ospedale perché Laura è rimasta ferita e Dieter (Charly Hubner) deve riparare lauto. In ospedale, Frank si scontra con Aleksander che lo assale costringendolo a fuggire con Laura e Luca a bordo di unambulanza. Martino (Greg Canestrari), zio di Luca, teme per la vita del bambino e chiede a Frank di riportarlo indietro ma né Laura né Luca sono disposti a rinunciare. Caterina cerca di farsi dire da Dezdu chi è il mandante ma resta invischiata in una trappola e deve lottare con due detenuti per liberarsi. Sospettando di Martino, Frank decide di non trascorrere la notte nellalbergo prenotato dalluomo ma a casa di Marcel Tarconi (Francois Berleand), dove viene raggiunto da Dieter e Caterina. Lindomani al Palazzo di Giustizia, Dieter scorge Aleksander lasciare unauto nel parcheggio e ne comunica la posizione a Frank, poi si avvicina per controllare e si trova faccia a faccia con lui.

Frank arriva nel parcheggio e scopre che lauto contiene una bomba, poi si accorge che Dieter è sdraiato al suolo, ridotto in fin di vita da una pugnalata. Aleksander lo raggiunge alle spalle e i due cominciano a lottare mentre Luca testimonia. Eliminato Aleksander, Frank traina lauto gettandola nel Tevere poco prima che esploda. Sul cellulare del sicario viene ritrovato il numero di Sofia, moglie di Martino, la quale confessa di avere avuto una relazione con Bernardo e di averne ordinato lomicidio quando questi aveva decido di raccontare tutto al fratello. Ecco cosa è successo, invece, nel secondo episodio: al fronte iracheno, Frank è accerchiato dai nemici col compagno ferito Tommy (Lex Shrapnel) e il comandante Rob (Robert Cavanah) e lunica possibilità di fuga è unauto abbandonata ma unesplosione obbliga Rob e Tommy ad allontanarsi abbandonando Frank. 

Nel presente, Tommy rintraccia Frank per comunicargli che Rob è scomparso in Libia ma nessuno lo sta cercando quindi toccherà a loro fare qualcosa. Al loro arrivo in Libia, però, qualcuno già li tiene sotto controllo difatti, mentre Frank ispeziona l’appartamento dell’amico, il generale Dekma (Moussa Maaskri) e i suoi uomini irrompono nella stanza chiedendo di Rob. Frank riesce a liberarsi ma in albergo ha un incontro con il dottor Mangoush (Silas Carson), avversario di Dekma, il quale gli racconta che Rob è scomparso con un suo collaboratore e propone di lavorare insieme per trovarli ma lui rifiuta. Poco dopo due uomini portano lui e Tommy in un vicolo e consegnano loro un cellulare attraverso il quale Rob informa i due amici di essere lì vicino. I due fanno appena in tempo a vedere l’amico che un camion si frappone fra loro e la sua auto esplode. Intanto Caterina scopre che il collaboratore di Mangoush è il ministro Mustafa Al-Kubar, incaricato di distruggere le armi chimiche di Gheddafi ma sospettato di averne tenuta una quindi probabilmente Rob avrebbe dovuto impedirgli di rivenderla. Ripensando a come si sono svolti i fatti, Frank intuisce che Rob ha inscenato la sua morte e convince la moglie Daria (Farzana Dua Elahe) ha chiedere un’autopsia. Come sospettato, gli uomini di Rob arrivano a prelevarli e li conducono da lui che spiega di aver ucciso Al-Kubar per impedirgli di vendere l’arma a Dekma.

Frank si offre di aiutarlo chiedendo a Caterina di rimediargli un aereo per trasportare l’arma fuori dalla Libia, poi racconta a Daria che la sua disponibilità nasce dal fatto che quella volta, in Iraq, Tommy e Rob erano tornati a salvarlo. Caterina avvisa Frank che in un’intercettazione telefonica Mangoush ha sostenuto di dover ritirare l’arma confermando il sospetto che Rob abbia finto di morire per rivendere l’arma. All’arrivo di Mangoush ha origine uno scontro che si conclude con la morte del dottore ad opera di Dekma, mentre Rob, pentito di quel che ha fatto, si sacrifica per permettere agli amici di salvarsi. Raggiunto l’aereo, Frank rivela a Tommy di aver intuito che non era all’oscuro dai fatti e che l’MI6 gli aveva chiesto di chiamarlo, per non invischiarsi direttamente, facendo in modo che l’arma finisse nelle mani di Dekma.

Trasporter – The Series 2, trama puntata 24 marzo 2015 – Frank viene prima assunto per recuperare un pacco contenente un vestito con delle tracce di DNA e poi si ritrova bloccato con Caterina nel deserto del Sahara dopo aver consigliato una valigia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori