LE TRE ROSE DI EVA 3 / Riassunto e replica video streaming puntata 27 marzo 2015

- La Redazione

Le Tre Rose di Eva 3 riassunto e replica video streaming puntata 27 marzo 2015 Scopriamo cosa è successo nell’ultima puntata della fiction di Canale 5 con Roberto Farnesi e Anna Safroncik.

007_locandina_connery_phixr
gfagah

Edoardo (Luca Capuano) viene interrogato alla stazione ferroviaria dai carabinieri su quello che è successo ad Aurora (Anna Safroncik) ed ha un comportamento alquanto compulsivo che porta a pensare che lui possa averla ammazzata (clicca qui per il video replica streaming). Il tutto succede mentre allesterno attende con incredibile calma il fratello Alessandro (Roberto Farnesi). Ad un certo punto Edoardo perde completamente il controllo, assale un carabiniere portandogli via una pistola ed una volta circondato, porta larma allaltezza delle tempie. Edoardo però non riesce ad uccidersi e grida in direzione del fratello chiedendogli che lo aiuti a farla finita. Alessandro resta però impassibile e i carabinieri bloccano Edoardo e lo arrestano. Per il giudice che si sta occupando delle indagini, il caso è praticamente chiuso. Alessandro si dirige verso casa della figlia Eva, tuttavia qui trova la ferma opposizione di Marzia (Karin Proia) che lo accusa di essere lui il vero responsabile della morte di Aurora. A sostegno di ciò, Marzia afferma che Alessandro diceva di amare la donna, per poi abbandonarla alla mercé del fratello. Matteo (Rocco Giusti) intanto corre nella tenuta di Sara (Martina Pinto) per mettere al corrente lei ed Enea (Simone Colombari) che Edoardo è stato arrestato e ha confessato le proprie colpe sulla morte di Aurora. Stranamente Enea chiede a Matteo se Edoardo abbia fatto qualche riferimento ad un simbolo a forma di pentagono, ma il ragazzo sottolinea di non saperne nulla. La notizia della confessione di Edoardo arriva ad Alberto tramite la convocazione del giudice Savio (Nino Castelnuovo). Tutti sembrano essere nello sconforto, soprattutto Ruggero (Luca Ward) e la stessa Tessa (Giorgia Wurth). Tuttavia la vicenda prende una nuova ed incredibile piega. Il corpo della donna ritrovata, reso irriconoscibile per via del volto sfigurato, non appartiene ad Aurora, per cui tutte le accuse mosse nei confronti di Edoardo cadono. Il tutto viene scoperto per effetto del test del dna. Alessandro non riesce a spiegarsi il motivo per il quale il fratello si sia addossato le colpe di un omicidio mai commesso, ma Edoardo non riesce a ricordare nulla di quanto avvenuto. Il test del dna infittisce ancora di più il mistero, in quanto si scopre che il corpo della donna creduto di Aurora, è in realtà quello di una componente della famiglia Gori. Secondo Alessandro è abbastanza probabile che Aurora sia tenuta prigioniera perché ha scoperto qualcosa sui Gori. Nel frattempo ritroviamo Aurora rinchiusa in uno strano locale nel quale transita dellacqua. Anche Aurora non ricorda assolutamente cosa le sia successo e come sia arrivata lì ma si rende conto di trovarsi nella diga di Marignano. Alessandro, Marzia e Tessa si mettono in moto per trovare Aurora e fanno stampare tantissimi volantini con il volto della donna al fine di avere delle notizie su di lei. Nel frattempo cè uno psichiatra che si occupa di Edoardo per fargli ritornare la memoria al fine di capire cosa sia successo e dove sia andata a finire Aurora. Questi, sembra comunque avere a che fare con il simbolo del pentagono ed appare come un grande vecchio che muove i fili della vicenda. La seduta ha inizio ma nemmeno il tempo di fare delle semplici analisi strumentali per valutare eventuali danni del cervello, che Edoardo ha un flash. Interrotta la seduta, Edoardo va da Manici per far disegnare il volto di una donna che dice di aver probabilmente ucciso, ma non è cosi, in quanto la donna non solo si fa viva ma lo chiama anche “amore”. La donna dice di chiamarsi Isabella e di essere la sua compagna ma luomo non ricorda. Questa lo scagiona fornendogli un alibi, ma nessuno sembra darle credito. Intanto Mancini guarda insieme ad Edoardo un video della vicenda dove si vede una sorta di rituale di una setta con un simbolo a pentagono presente per terra. Mancini e Alessandro vanno da Monsignor Carlini per interpretare il simbolo ma non ottengono delle risposte utili allindagine. Livia viene fatta uscire di carcere per un paio di ore, durante le quali incontra proprio Alberto che le offre una pistola per mezzo della quale dovrebbe uccidersi, in quanto hanno disatteso le aspettative che avevano riposto in loro. Tessa cerca di far incontrare Ruggero ed Eva ma a questo si oppone Marzia, che ha anche un battibecco piuttosto acceso con luomo che rivendica i propri buoni propositi. Intanto cresce lagitazione per la scomparsa di Livia e dello strano permesso che il giudice le ha concesso. Tuttavia la donna non ha nessuna intenzione di uccidersi ed anzi si reca nel monastero dove si trova Veronica, alla quale sottolinea di sapere bene come sia ancora innamorata di Alessandro e a cui ordina di trovargli un nascondiglio sicuro. Intanto Edoardo per effetto della perizia dello psichiatra viene fatto uscire di carcere e come per magia Isabella scompare dalla circolazione. Alessandro si impegna tantissimo per trovare Aurora ed ha come un colpo di genio pensando proprio alla diga. Luomo deve fare presto in quanto qualcuno ha azionato la leva per far entrare lacqua nella stanza dove è chiusa Aurora. Alessandro si tuffa allinterno della stanza sentendo le grida di aiuto e si ritrova davanti la donna. Nel frattempo, Alberto si è tolto la vita, mentre lo psichiatra sta parlando con qualcuno a cui fa presente che non possono uccidere Edoardo in quanto nella sua testa sono presenti informazioni troppo importanti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori