ALMOST HUMAN/ Anticipazioni puntata 3 marzo 2015: Kennet e Dorian contro landroide Danica

- La Redazione

Almost Human, anticipazioni puntata 3 marzo 2015, dal titolo “Anima Sintetica”: Kennet e Dorian devono vedersela con un androide da combattimento di nome Danica, che già conoscevano

Almost_Human_R439
Almost Human

Stasera, martedì 3 marzo 2015, va in onda in seconda serata Italia 1 una nuova puntata di Almost Human. Prima di scoprire le anticipazioni dell’episodio intitolato Anima Sintetica, ecco cosa è successo nella puntata trasmessa settimana scorsa: nella città di Los Angeles avviene un omicidio di cui si dovrà occupare il dipartimento di polizia, che presenta alcune anomalie che renderanno molto più complesse le indagini. Nello specifico, un uomo di nome Anton, viene ucciso per mezzo di un proiettile molto tecnologico e strano. Dorian (Michael Ealy) si accorge immediatamente come nel proiettile vi sia presente un chip molto sofistico di cui è ovviamente molto importante capirne il perché sia stato inserito. Rudy (MacKenzie Crook) non ci mette tantissimo a scoprire che il chip aveva lo scopo di consentire a distanza di teleguidare il proiettile per colpire senza possibilità di errore lobiettivo. Questo è un aspetto molto importante per le indagini, in quanto chiarisce il perché le analisi balistiche riportavano dati quanto meno non compatibili loro. Infatti, il proiettile, grazie al sistema di guida, ha potuto compiere curvature nella propria traiettoria che altrimenti non avrebbe mai potuto effettuare.

Dorian andando avanti nelle proprie indagini e soprattutto scoprendo come Anton fosse un apprezzato ingegnere che in passato ha lavorato ad importanti progetti riguardanti le armi, capisce che sia stato vittima di una sua stessa creazione. Nello specifico la tesi di Dorian è quella secondo la quale Anton avrebbe progetto un innovativo software in grado di localizzare lobiettivo designato inserendo una serie di parametri biologici che non consentivo di fallire. Probabile quindi secondo la ricostruzione di Dorian che Anton abbia venduto il dispositivo a qualche organizzazione criminale che per tenere nascosta la cosa oppure per evitare che potesse finire in mano a concorrenti, hanno pensato bene di eliminare lunico testimone. Nel frattempo cè anche unaltra questione di cui si stanno occupando gli uomini del distretto di polizia ed in particolare il capitano Sandra Maldonado (Lili Taylor) sta cercando di capire meglio quello che sta accadendo al sindacato.

Nello specifico la Maldonado vuole trovare un accordo con il membro catturato nel corso delloperazione, al fine di capire maggiormente la dinamica e nello specifico quale sia il loro vero obiettivo. Tuttavia, il tentativo di accordo si dimostra immediatamente molto complesso e di difficile soluzione in quanto luomo catturato ha intenzione di collaborare con la giustizia soltanto nel caso in cui gli venga accordata la libertà con formula piena. Una richiesta piuttosto importante che la Maldonado sembra non potersi permettere anche perché John (Karl Urban) è nettamente contrario. 

Dorian e John continuano ad investigare sull’omicidio e vanno a parlare con una donna di nome Kira, che sembra poter fornire delle informazioni importanti su quanto accaduto. Purtroppo quando i due si trovano con la donna, diventano loro malgrado il bersaglio dell’arma progettata da Anton. In pratica sembra che l’assassino la stia usando su Kira per mettere in atto una sorta di dimostrazione probabilmente per convincere dei compratori a prenderla. Grazie al pronto intervento di Dorian che di fatto fa da scudo ai proiettili intelligenti, la donna riesce ad avere salva la propria vita. Temendo che la cosa non possa essersi esaurita lì, John decide di portare Kira e la figlia in un rifugio che ovviamente viene ritenuto sicuro rispetto a possibili nuovi attentati alla loro vita. John e Dorian una volta assicuratosi di aver messo in salvo la donna, continuano nella propria indagine fino ad arrivare ad una importante svolta che riguarda come sia andate realmente le cose. Nello specifico sembra che gli assassini di Anton lo abbia cercato ed in ragione delle sue indubbie qualità ingegneristiche gli abbiano commissionato il potente dispositivo ricattandolo. Un ricatto che aveva come oggetto proprio la vita di Kira e della figlia.

Nel frattempo, però, Kira sente di non essere sicura e soprattutto teme che i malviventi da un momento all’altro possano localizzarla ed uccidere lei e la propria figlia. In ragione di questo e ricordando una vecchia invenzione di Anton, si convince che l’unico modo per salvare se stessa e l’amata figlia si quello di trovare l’invenzione in oggetto, ossia il cancellatore di ricordi, in maniera tale da uscire dalla lista degli obiettivi dei malviventi. Quando John e Dorian scoprono che la donna non è più presente nel rifugio la localizzano e corrono in suo aiuto arrivando giusto in tempo in quanto anche i malviventi erano sulle proprie tracce. Ne nasce un scontro a fuoco molto violento nel corso del quale con grandissima fatica ne riescono ad uscire vincitori di due poliziotti, che quindi hanno così risolto il caso.

Almost Human, trama puntata 3 marzo 2015 La puntata inizia con il sequestro da parte della polizia di un androide da combattimento: una volta portata in centrale, però, la macchina si mette nuovamente in funzione grazie ad una batteria secondaria che non è stata preventivamente individuata. Ben presto le forze dell’ordine si rendono conto che si tratta di un modello che già hanno conosciuto in precedenza e che è anche riuscito a fuggire dalla struttura, raggiungendo il laboratorio del Dottor Nigel Vaughn dove ha trovato i pezzi di ricambio per aggiustarsi. Essendo conscia delle potenzialità distruttive dell’androide, la polizia stringerà un patto con lo scienziato, che collaborerà con le ricerche…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori