Replica Ulisse – Il piacere della scoperta/ Riassunto puntata 2 marzo 2015: le meraviglie di Parigi. Il video streaming

- La Redazione

Ulisse – Il piacere della scoperta, riassunto e replica puntata 2 marzo 2015: come vederla in video streaming dal sito Rai.tv. Tutte le meraviglie e i segreti di Parigi

Ulisse-alberto-angela
ulisse il piace della scoperta

Ieri sera, lunedì 2 marzo 2015, Ulisse – Il piacere della scoperta è andato alla scoperta della città di Parigi, con la sua storia, i suoi monumenti e la sua magia. Protagonista di avvenimenti importanti è stata simbolo nel tempo di liberà.Più di 2000 anni fa la Parigi di oggi era un’ immensa distesa boschiva con un nucleo abitativo unico sull’le de la Cité dove c’erano le tribù dei Galli detti “Parisi”, da cui il nome della città e dove sorge Notre Dame. I Romani sconfissero i Galli e lasciarono un insediamento che si ampliò secondo le regole dell’urbanistica latina. L’appellativo attribuito alla cittadina era “lutetia isolorum” cioè “isola della palude”. Fu Cesare a conquistare Parigi che divenne una città dopo poche decine di anni. Parigi era caratterizzata dalle terme, quelle antiche occupavano 6 mila m. quadrati ed erano molto frequentate, sia da donne che da uomini in orari distinti. Sotto alle terme lavoravano gli schiavi nei forni, un posto infernale dove bruciavano migliaia di tonnellate di legna. Veniva usata l’acqua della Senna riscaldata. Le terme erano divise in “frigidarium”, un luogo freddo, e il “calidarium”, la zona calda. Le terme erano un luogo d’incontro, di affari, frequentato soprattutto dagli uomini che, dai ritrovamenti, si sa che tanti si fratturavano le ossa scivolando, morivano d’infarti, e diventavano anche sordi per gli sbalzi di temperatura. Le donne non avevano questo problema perché non frequentavano questo ambiente freddo. Le terme erano ricoperte da decorazioni e marmi pregiati che in epoca medioevale vennero trafugati. Erano elegantemente e finemente decorate e nel medioevo caddero in disuso e vennero inglobate in un Hotel Clunie, che era in realtà la residenza di monaci nel XV sec. I ponti sulla Senna vennero costruiti soprattutto durante il Medioevo sui quali venivano costruite delle abitazioni e dei negozi in quanto era una via di passaggio obbligata. Sono 25 milioni i turisti che visitano Parigi attirati dalla sua bellezza ma anche dalla sua atmosfera, perché ha un innegabile fascino. E’ nota anche come la “ville lumiere”(città delle luci) che la rende spettacolare e romantica. Anche Parigi ha la “statua della libertà” del tutto simile a quella di New York e che, insieme alla Tour Eiffel, hanno lo stesso autore e cioè Gustave Eiffel. La torre è il monumento più visitato del mondo che in passato non aveva ascensori e chi voleva arrivare in cima dove affrontare 2000 scalini. Ha solo poco più di 100 anni e molti suoi segreti iniziano dalle 20 mila tonnellate di ferro, che poggia su 4 pilastri. Sotto la torre c’è un sistema idraulico che regola gli ascensori per scalare la Tour Eiffel fino al secondo piano e sono gli stessi utilizzati fin dal 1889. La Tour Eiffel doveva essere il simbolo dell’esposizione universale del 1889 e fu costruita in poco più di 2 anni. Il ferro è elastico, resistente e leggero per gravare meno sulle fondamenta tanto è vero che la torre non è stabile. Il lato esposto al sole tende a modificarsi impercettibilmente. Ha anche bisogno di una accurata manutenzione che viene eseguita ogni 7 anni da 25 “pittori” che intraprendono un’impresa titanica in condizioni proibitive e con i tradizionali pennelli. Gli Champs-lysées (Campi Elisi, paradiso della mitologia greca) sono una grande strada alberata, la più esclusiva della città alla fine della quale c’è l’Arco di Trionfo ispirato all’Arco di Tito di Roma, ma molto più recente (finito nel 1836) e suoi bassorilievi parlano delle gesta di Napoleone. Famosissimo anche il MoulinRouge in tutto il mondo per il Can Can forse originato durante la Rivoluzione Francese, che passò per essere un ballo irriverente e scandaloso per l’epoca (fine ‘800). Ogni anno assistono ai suoi spettacoli 600 mila spettatori che bevono ogni sera 800 bottiglie di champagne. Costumi, cavalli, prestigiatori riportano indietro nel tempo in uno spettacolo davvero stupefacente. La città ha un sistema fognario dove Hugo ha ambientato “Le Miserables”. Non si tratta di semplici “fogne” ma racchiude anche tubature dell’acqua, dell’energia elettrica e dei tubi dove vengono “sparati” dei messaggi che arrivano a grande velocità negli uffici pubblici. Sotto ogni strada c’è una galleria. Solo con Napoleone si ebbe la prima rete fognaria che oggi è immensa ed è aperta alle visite. Il museo del Louvre, invece, è immenso con i 30 mila metri quadrati di esposizione e di fronte si trova la piramide di vetro. 

Negli anni ’80 sono stati scoperti dei reperti e in quel periodo fu costruita la piramide che a suo tempo non fu ben accetta. Il palazzo originale del Louvre si trova sotto quello odierno ed era una vera e propria fortezza. I sotterranei corrispondono al fossato di difesa e le pareti di pietra sono quelle di centinaia di anni fa. C’è anche un museo degli oggetti ritrovati negli scavi: dadi, un elmo dorato, un bastone. La fortezza scomparve e il palazzo superiore che venne costruito tra il ‘500 e ‘800 fu edificato a scaglioni. Il museo del Louvre ha anche la sezione dedicata all’Italia, la Grande Galerie, che vedono opere di Giotto, Cimabue, Piero della Francesca, Antonello da Messina, Mantegna, Raffaello. Ma qui si trova anche “La Gioconda” di Leonardo da Vinci che è la più grande attrazione del museo e che richiama milioni di visitatori. Di Canova c’è qui “Amore e Psiche” con linee soffici e leggere. Notre Dame, il monumento più antico e più importante, si trova sull’isola dell’Ile de la citè che fu il cuore di Parigi quando nacque. Si celebrarono nozze, incoronazioni (e l’auto-incoronazione di Napoleone). E’ alta 96 mt e lunga 127 ed è molto luminosa ed è una costruzione gotica un po misteriosa con le sue statue di demoni sotto forma di animali fantastici e mostruosi. Le sculture sono molto eloquenti tanto che anche gli analfabeti potevano capire di chi si trattasse e anche le strutture non sono solo decorative ma essenziali a tenere in piedi la cattedrale. Al di sotto di Notre Dame c’è un sito archeologico che è visitabile e dove scorreva l’antica Senna ed è stato ritrovato il suo vecchio porto fluviale. Ci sono anche case romane, botteghe medioevale e altre di epoche successive. C’è anche una strada romana che poi è stata ricoperta da sovrapposizioni successive. Nel quartiere latino c’è la Sorbona, che è una delle Università più prestigiose del mondo e dove molti sono i bistrot. Da qui partì il maggio francese. Il Pantheon che si ispira a quello di Roma che ospita le tombe di molti poeti illustri e dove si trova il pendolo di Faucault. Tante sono le bancarelle con libri, stampe d’epoca e pezzi rari che arrivano dalle librerie dismesse. Places de Vosges è il cuore della Parigi Bohemiene che divenne un centro aristocratico e dove venivano disputati i duelli e qui visse Hugo. Parigi è il risultato di diverse epoche ma il suo simbolo rimane la Senna lungo la quale si può cogliere il vero spirito parigino.

Replica Ulisse – Il piacere della scoperta, puntata 2 marzo 2015: come vederla il video streaming – E’ possibile vedere la puntata di Ulisse – Il piacere della scoperta grazie al servizio di video streaming proposto da Rai.tv: clicca qui.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori