ALMOST HUMAN/ Anticipazioni ultima puntata 31 marzo 2015: Kennex alle costole dellUomo di paglia

- La Redazione

Almost Human, anticipazioni ultima puntata 31 marzo 2015 dal titolo “L’Uomo di Paglia”: Kennex indaga su un criminale a cui, anni prima, anche suo padre era stato alle costole

Almost_Human_R439
Almost Human

Torna anche oggi, martedì 31 marzo 2015, un nuovo appuntamento in seconda serata Italia 1 Almost Human. Stasera verrà trasmesso il tredicesimo e ultimo episodio della prima stagione, intitolato Luomo di paglia. Prima di scoprire le anticipazioni, ecco cosa è successo nella puntata di settimana scorsa: alcuni cittadini avvertono le forze di polizia in quanto è stato rinvenuto un cadavere. Sul posto, come sempre, arrivano prontamente gli uomini del distretto ed in particolare John Kennex (Karl Urban) e linseparabile compagno di mille avventure, landroide Dorian (Michael Ealy). Dopo le prima analisi viene immediatamente una stranezza abbastanza difficile da spiegare. Il report del medico legale parla di una morte avvenuta per arresto cardiaco, e dunque una situazione impossibile da verificarsi per la vittima in oggetto in quanto si tratta di un cromo. A questo punto appare evidente che la morte non si avvenuta per cause naturali e che quindi possa esserci in giro un killer molto pericoloso. Dopo i rilievi della scientifica ci sono delle ulteriori stranezze tutte da spiegare: sul corpo della vittima vengono trovate sette differenti tracce di dna, il che inizialmente fa pensare ad un omicidio effettuato a un gruppo di malviventi o peggio ancora da una sorta di setta.

Tuttavia inserendo nel database i sette dna ci si accorge di come essi siano di sette persone che risultano essere collegate in qualche modo. John e Dorian concordano nel ritenere che tutte le otto persone chiamate in ballo nella vicenda possa essere state uccise dallo stesso killer che quindi è un serial killer. Il modus operandi con cui sono state uccise le vittime è sempre lo stesso e dopo degli approfonditi studi, si riesce a capire come lassassino abbia utilizzato un nanobot per estrarre di volta in volta dalle proprie vittime del dna che evidentemente è stato utilizzato per delle operazioni chirurgiche o per degli esperimenti. Facendo alcune ricerche, Dorian mette al corrente John di come questa procedura con supporto di nanobot venga utilizzata da unazienda. I due si recano presso lazienda scoprendo che questo progetto sia stato messo da parte in quanto tutti i donatori di dna, venivano uccisi dai nanobot.

I due agenti a questo punto devono capire chi possa essere in possesso di questa tecnologia e si rivolgono ad alcuni contatti del mercato nero arrivando quindi ad un dottore. Questultimo sentendosi braccato dalla polizia e ben sapendo di come la sua situazione sia compromessa si inietta una sostanza che lo manda in arresto cardiaco. Purtroppo il gesto del dottore mette in difficoltà John che a questo non punto non potrà mai sapere chi fosse il suo cliente. Tuttavia, perquisendo lo studio del dottore si riesce ad avere unimportante notizia, ossia il nome della persona che dovrebbe essere la prossima vittima. I due agenti si recano immediatamente dallignaro paziente al quale viene fatto presente il grande rischio che sta correndo. Gli agenti lo vogliono convincere nel lasciar perdere. 

A questo punto per John è importante riuscire a capire chi possa essere il killer ed in particolare tentare di rintracciare dei possibili punti in comune tra le sue vittime. Il principale punto in comune è l’edificio di motorizzazione. Gli agenti analizzando tutte le persone che hanno avuto a che fare con questa struttura, si rendono conto di come vi sia un uomo di nome Eric, che in precedenza ha lavorato come impiegato nella motorizzazione. Gli agenti ottengono immediatamente un mandato di perquisizione per la sua abitazione dove trovano delle prove abbastanza evidenti che lasciano capire come l’assassino ricercato sia lui. Infatti, Eric si è sottoposto nell’ultimo periodo ad un elevato numero di interventi di chirurgia plastica al fine di piacere ad una ragazza che da quanto si capisce non solo ha conosciuto per mezzo di una chat ma che abita proprio difronte il proprio appartamento e che tiene sotto controllo tutto il giorno per mezzo di un cannocchiale.

Eric, notando la presenza della polizia nel proprio appartamento, si rende conto di non avere più tanto tempo e quindi si dirige nell’appartamento della propria amata per dichiararsi, anche se avrebbe bisogno di un ultimo ritocco. Per sua grande sorpresa Eric si rende conto che la ragazza è in realtà cieca, e che inoltre lo avrebbe amato a prescindere dal suo aspetto esteriore. Nell’appartamento della donna fa irruzione la polizia con Eric che avendo capito il grande amore che stava nascendo tra di loro, si rende conto dell’errore commesso e soprattutto di non essere in grado di sopportare la sofferenza di non poter condividere con lei tutti i giorni della vita poiché in carcere e quindi va sul tetto del palazzo e si suicida. Una vicenda drammatica che tocca nel profondo del cuore anche John che decide di farsi avanti nei confronti di Valerie (Minka Kelly), tuttavia avendo una mezza delusione in quanto scopre che la donna abbia già in essere un appuntamento.

Almost Human, trama puntata 31 marzo 2015 – Kennex si trova ad indagare sulla morte di una giovane ragazza il cui corpo senza vita viene ritrovato riempito completamente di paglia: per l’agente non è un modus operandi sconosciuto. Infatti Kennex riconosce immediatamente la firma del killer che si fa chiamare “Uomo di paglia”, a cui anni prima anche suo padre aveva dato la caccia (con apparente successo) per morire però poco dopo in servizio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori