Replica Virus – Il contagio delle idee/ Riassunto puntata 5 marzo 2015: come vederla in video streaming

- La Redazione

Virus – Il contagio delle idee, la prelica il riassunto della puntata del 5 marzo 2015, come vederla in video streaming su Rai.tv. Ospiti in studio Matteo Salvini e Pierluigi Battista

Virus_Nicola-Porro
Virus - Il contagio delle idee

Ieri, giovedì 5 marzo 2015, è andata in onda una nuova puntata di Virus – Il contagio delle idee, il programma condotto da Nicola Porro su Rai 2. Ecco di che cosa si è discusso e quelli sono stati gli ospiti: sono presenti quali ospiti di serata il segretario della Lega Nord Matteo Salvini, leditorialista de Il Corriere della Sera Pierluigi Battista, Francesco Caruso ex parlamentare nelle fila di Rifondazione Comunista e la blogger Elisa Serafini, mentre protagonista della classica intervista finale sarà Roberto Gervaso. Dopo il lancio di un video nel quale vengono mostrate immagini relative alla manifestazione dello scorso sabato a Roma della Lega, Salvini ci tiene a ribadire come cè tutto il sostegno possibile nei riguardi dellattuale Presidente del Veneto Zaia come candidato per la medesima carica. Battista, parlando del corteo contro il corteo di Salvini, sottolinea come sia una cosa legittima anche perché è stato legittimo ed inoltre si dice convinto che Renzi possa stare tranquillo fino a quando nel centro destra prevale una posizione molto radicalizzata, come quella della Lega e di Salvini. Per il giornalista la Lega non riuscirà mai ad arrivare al Governo. Viene mandata in onda una intervista realizzata a Marcello Veneziani, il quale rimarca come la manifestazione ha visto molte persone che vi volevano prendere parte restare a casa per paura di possibili scontri ed inoltre sottolinea come fosse una manifestazione molto composta e non violenta. Per Veneziani, Salvini incarna il populismo e rimarca come ci siano delle cose in comune con Grillo. Poi sottolinea come sia necessaria una maggiore unità allinterno del centro destra. Caruso in collegamento sottolinea quello che sono le contraddizioni della Lega ricordando come inneggiasse a Roma ladrona per poi essere al Governo per 15 anni senza fare nulla di importante ed ora sono contro Bruxelles ma allo stesso tempo Salvini percepisce 15 mila euro al mese come europarlamentare. Pronta la replica di Salvini che sottolinea la propria gioia nellessere temuto da Caruso per poi lanciare la stoccata al personale ricordando come lui sia passato dal dare fuoco agli sportelli bancomat allinsegnare allUniversità. Caruso fa presente che lui sia un precario e percepisce solo 480 euro al mese. Battista ha degli appunti da fare a Salvini come la sovraesposizione mediatica che sta mettendo in atto, ad esempio la Flat Tax al 15% sottolineando come lo stesso Salvini sia conscio che si tratti di una misura irrealizzabile in Italia. Salvini si appresta a smentire categoricamente. Poi Battista fa notare a Salvini che la riforma Fornero tanto bistrattata da lui, è molto buona per i benefici portati ed inoltre allinea lItalia con tutti gli altri Paesi Europei per quanto concerne letà pensionabile. Viene mandata in onda lintercettazione di Silvio Berlusconi e Belen con tutti gli ospiti che sono concordi nel ritenere che vi sia un abuso dello strumento delle intercettazioni e che peraltro questo comporti un enorme spreco di denaro pubblico. Si cambia argomento parlando della lotta alle mafie con alcuni imprenditori che si sono dimostrati coraggiosi nel fare le denunce. Salvini, sottolineando come il maggior numero di denunce in Italia siano state in Emilia Romagna, fa presente come il dato basso della Sicilia evidenzi senza dubbio unanomalia. 

Caruso sottolinea come alle volte vengono fatti molto più danni da coloro che sono nell’antimafia facendo l’esempio che i beni confiscati finiscono per essere dati a dei prestanome. Il discorso poi si sposta su alcuni temi che toccano il sociale e che sono stati affrontati a livello europeo. Salvini cita il caso di alcuni padri in Francia che prendono a schiaffi i figli comportando una condanna da parte del Consiglio d’Europa. Salvini trova che sia incredibile che si voglia dire ai genitori come educare i propri figli. Piccolo scontro verbale tra Battista e Salvini sulla questione dello Ius Soli con il giornalista che fa notare come chiunque nasca in Italia sia giusto che venga considerato a tutti gli effetti un cittadino italiano. Battista poi attacca la Lega facendo presente che è impossibile pensare di vincere le elezioni se all’interno del partito ci sono personaggi che vanno dicendo che i rom sono la feccia della società. Per Caruso a proposito dei rom, è importante riuscire ad impedire che vengano prese delle misure come quelle attuali per cui vi sia una forma di segregazione. Salvini replica a Battista sulla storia dei rom, sottolineando come non tutti siano una feccia ed inoltre rimarca come la Lega abbia delle soluzioni molto interessanti. La storia relativa alle frasi di Buonanno va avanti con Salvini che comunque non bacchetta il proprio compagno di partito. Viene mandata in onda una clip sulla manifestazione ed in particolare di quanto Salvini fa presente alcuni idea che vuole realizzare al Lega. Serafini loda l’iniziativa della Flat Tax con lo stesso Salvini che rimarca come sia possibile e che già in 40 paesi nel mondo esiste. Salvini quindi annuncia che nel caso dovesse diventare Premier il suo primo atto sarebbe quello di mettere in discussione l’euro ed inoltre di correggere la legge Fornero. La puntata si chiude prima con l’intervento di Vittorio Sgarbi e poi con l’intervista a Roberto Gervaso che si definisce liberale di destra ma non di quella attuale nella quale non si riconosce.

Replica Virus – Il contagio delle idee, puntata 5 marzo 2015: come vederla in video streaming – E’ possibile vedere o rivedere la puntata di Virus – Il contagio delle idee trasmessa ieri, giovedì 5 marzo 2015, grazie al servizio di video streaming proposto da Rai.tv: clicca qui.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori