IL COMMISSARIO MONTALBANO/ Par Condicio, anticipazioni e diretta streaming puntata 24 aprile 2015: la ricerca di una ragazza scomparsa

- La Redazione

Il Commissario Montalbano, anticipazioni puntata 24 aprile 2015: il commissario indaga sulla scomparsa di una ragazza, ma si trova in mezzo a un regolamento di conti mafioso

commissarioMontalbano_zingaretti1R400
Il Commissario Montalbano

Questa sera su Rai Uno va in onda un nuovo appuntamento con Il commissario Montalbano. Nell’episodio della fiction in onda stasera, intitolato “Par condicio”, vedremo Montalbano occuparsi dell’assassinio di Angelo Bompensiero. L’uomo è il genero del boss Lillino Musarra ma il fatto che sia stato tramortito prima di essere ucciso con un colpo di lupara al volto porta il commissario a escludere la pista mafiosa. Per questo motivo gli viene però tolta l’indagine. Vi ricordiamo che oltre a poter vedere Il commissario Montalbano sintonizzandovi su Rai Uno, la fiction sarà visibile anche in diretta streaming su Rai Tv: cliccate qui per vederla.

Continuano gli appuntamenti su Rai 1 con Il Commissario Montalbano: oggi, 24 aprile 2015, andrà in onda la puntata intitolata “Par Condicio“. L’episodio è caratterizzato da due vicende apparentemente diverse che Montalbano si trova a seguire, ma che pian piano si riveleranno più legate di quanto lui stesso avesse immaginato. Il poliziotto è sulle tracce di una ragazza straniera che sembra essere scomparsa, ma nel frattempo a Vigata deve anche vedersela con i recenti screzi tra due delle famiglie mafiose più influenti, ovvero i Cuffaro e i Sinagra. Seguendo le tracce della ragazza, giunge in una vecchia stazione ferroviaria dove trova Biagio: un uomo che soffre di disturbi mentali e che mentre racconta confessa anche di aver consegnato la donna che il Commissario sta cercando a coloro che organizzano tratte di ragazze bianche. Approfondendo, però, Montalbano si accorge che la giovane era implicata in qualche modo con le famiglie mafiose, che ora vogliono regolare i conti vedendola pagare con la morte…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori