REPLICA LE IENE SHOW / Riassunto puntata 30 aprile 2015: come vederla in video streaming. Tutti i servizi

- La Redazione

Le Iene Show, replica puntata 30 aprile 2015: ecco come vedere in video streaming l’ultimo appuntamento con il programma condotto da Ilary Blasi e Teo Mammuccari andato in onda ieri

iene-ilary-teo-439
Le Iene Show

Ieri, giovedì 30 aprile 2015, su Italia 1 è andato in onda un nuovo appuntamento con Le Iene Show. Nel programma condotto da Teo Mammuccari e Ilary Blasi abbiamo visto come sempre gli interessanti servizi realizzati dagli irriverenti inviati della trasmissione. La puntata inizia con la Blasi e Mammucari che si dimenano nel solito balletto, con commento al seguito della Gialappa’s Band. Il primo servizio è di Luigi Pelazza. Si ritrova in Namibia, dove racconta ciò che fanno i coraggiosi rangers per contrastare i bracconieri che ammazzano liberamente i rinoceronti. La cosa che li attira sono le corna degli animali, che sul mercato nero possono arrivare a costare anche qualche milione di dollari. Pelazza si getta nella mischia e prova ad aiutare i rangers nell’identificare i rinoceronti. Gli animali vengono dapprima feriti e, incapaci di fare del male, addormentati con del sonnifero sparati a distanza ravvicinata. A questo punto si procede con la priazione delle corne. Non vengono uccisi direttamente, ma senza le dovute cure gli animali periscono comunque. I rangers incontrano dei bracconieri, ma riescono a darsi alla fuga. Golia si occupa di alcune cooperative, che avevano ilc ompito di gestire delle case economiche per persone indigenti. In realtà non c’era nessuna casa da gestire, eppure le cooperative avevano tra le mani ben quattro milioni di euro. Molti soci sono stati truffati, eppure ancora oggi si continuano a vedere quote. Viene intevistato il consigliere delle cooperative, che non dà risposte, mentre a telecamere abbassate il presidente ammette d’aver dato mazzette ai politici per rendere possibile la truffa. In studio arriva intanto la Marini, vestita come la Blasi. Mammucari la paragona alla Ofei. Casciari si occupa ancora di Zied, tunisino fidanzato con una donna italiana, Antonella, dalla quale ha avuto un bambino. Tornato in Turchia per la madre malata, non ha avuto più il visto per far ritorno in Italia, a differenza di sua moglie e suo figlio. Ora Antonella lo prega di non tentare la strada dei barconi. Ecco però la bella e inattesa notizia. Zied ha infine ricevuto il visto e Casciari lo accompagna durante tutto il viaggio. Altro problema però quando i due si rendono conto dell’assicurazione scaduta dell’auto del ragazzo, che può lasciare la Turchia solo così. La macchina allora verrà caricata su un carro attrezzi, per poi essere sbarcata in Italia. Finalmente Zied può partire e tornare da suo figlio. Alla fine la famiglia si ritrova, e Zied ammette che quella del barcone sembrava l’unica opzione fattibile pur di tornare a caa sua. Corti ha provato ancora a infiltrarsi negli spogliatoi sportivi. Stavolta il colpo prevede la nazionae nostrana di ginnastica artistica, e non durante un evento qualsiasi, bensì gli europei che si sono tenuti a Montpellier. Ovviamente ci riesce, ma il tutto dura poco tempo. Viene in breve riconosciuto e, in un clima sereno, invitato a lasciare la palestra. In studio invece la Marini ha deciso di mettersi in mostra, e così scatta il bacio con Mammucari. La Toffa va da Francesca, una giovane disabile in grado di intendere e volere che è stata portata via dalla sua famiglia, e gettata in una casa famiglia per via di alcuni contrasti tra i genitori. Intervista alla madre, Laura, e in seguito al padre, Mariano, con tanto di telefonate registrate con la figlia, che straziano l’anima. I due genitori trovano un accordo e ora sarà il giudice a decidere. Pio e Amedeo vanno a Parigi da Verratti e Sirigu, scroccando la qualunque dai due calciatori del PSG. Si scherza sull’assenza del bidet, e si va in giro per Parigi a far sfoggio di tamarragine. In Calabria va in onda la copia di Uomini e Donne. Lucci intervista la conduttrice, Maria Podigora. 

Lucci fa un’ospitata nel programma, e ci prova con le troniste. Trombetta affronta il tema degli scandali sessuali tra le mura delle Chiese italiane. Viene intervistato Andrea, che ha subito pressioni da un prete, che gli ha anche offerto un lavoro in campio di un rapporto. Il piano prevede di incastrare il prete, registrando una videochat con l’uomo, ovviamente a sfondo sessuale. Alla fine, dopo quanto subito, si scopre che la missione del ragazzo è quella di incastrare ogni prete faccia cose del genere. C’è però un’altra faccia della medaglia. Il suo numero compare negli annunci gay e un profilo a suo noe vende materiale compromettente. Lui dice che il numero lo usa suo fratello e degli annunci non sa nulla. Viviani parla di Federico Barakat, ucciso a 8 anni dal padre a coltellate. Intervista alla madre, che racconta come le cose siano andate sempre peggio da quando allontanò per la prima volta il marito violento. Lei lo ha denunciato molte volte ai servizi sociali ma non è mai stata presa in considerazione. L’uomo è bipolare e il bambino ne era terrorizzato. La madre vuole che i servizi sociali paghino il dovuto, ma in tribunale sono stati assolti e lei condannata a pagare le spese legali. La responsabile dei servizi non ha voluto parlare. Agresti intervista Daniele Riva, imprenditore citato da una multinazionale della Cina, che ha comprato una ditta che si chiama Riva come lui. Ora c’è una causa per discutere della firma delle barche e lui, se perdente, dovrebbe distruggerle tutte. Il rappresentate della ditta intervistato pretende lui cambi nome. Nina intervista Martinet, capitano che ha salvato molte vite sui barconi in Sicilia, e si spiega la differenza tra Mare Nostrum e Triton. La Nobile infine dà voce agli esodati, 1300 per l’esattezza, che ora rischiano il licenziamento nella triste vicenda Indesit.

Replica Le Iene Show, puntata 30 aprile 2015: come vederla in video streaming – Chi non avesse visto la puntata o volesse rivederla può farlo grazie al servizio di video streaming messo a disposizione da Video Mediaset, cliccando qui.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori