GAGGI YATAROV/ Chi è l’atleta esperto di calisthenics finalista di Italia’s got Talent 2015. Ecco il suo sogno

- La Redazione

Tra i finalisti di Italia’s got talent 2015 c’è anche l’atleta russo Gaggy Yatarov. Il giovane vive ormai da undici anni nel nostro Paese e si è specializzato nel calisthenics

Yatarov_gaggiR439
Gaggi Yatarov

Gaggi Yaratov è tra i finalisti di Italia’s Got Talent che questa sera saliranno sul palco della Got’s Talent Arena sperando di vincere questa edizione del programma. In una dichiarazione rilasciata a Il Giorno, l’atleta russo di calisthenics che da 11 anni vive in Brianza ha ringraziato tutti quelli che lo voteranno e in particolare i lettori del quotidiano. Gaggi ha inoltre raccontato il suo sogno: “Vorrei avere una palestra tutta mia e aiutare la mia famiglia”.

Tra i finalisti dell’edizione 2015 di Italia’s Got Talent, il programma che da quest’anno va in onda su Sky Uno, c’è anche Gaggi Yatarov, atleta russo ventenne che ormai da undici anni risiede nel nostro Paese, precisamente in Brianza. La specialità che lo ha portato avanti nel talent show di Sky e che ha enormemente impressionato addetti ai alvori e pubblico da casa è il calisthenics, ovvero quella disciplina fondata sulla grande forza delle braccia, chiamate a sollevare il corpo come se si trattasse di una semplice bandiera. Una disciplina estremamente dura, che si fonda su un allenamento ossessivo, in grado di forgiare il corpo per sopportare carichi di lavoro impressionanti.

Gaggy Yatarov è tesserato per una società sportiva di Meda, ove ha avuto modo di coltivare al meglio le sue grandi doti tecniche e fisiche che aveva già messo in mostra da piccolo. Nel corso dello show ha dato luogo a prestazioni al limite dell’incredibile, come nella semifinale, quando si è esibito in un salto mortale all’indietro eseguito tra le fiamme. Performance che si fondano su una straordinaria forza, che va a mixarsi alla leggerezza, tanto da spingere l’osservatore neutrale a concludere erroneamente che non si tratti in fondo di una specialità così complicata. Un errore di valutazione imperdonabile, visti gli immensi sacrifici che i ginnasti come lui fanno ogni giorno per riuscire a eseguire figure che presuppongono la perfezione. Figure che sono il risultato di uno sforzo fisico sovrumano, il quale va però nascosto dietro la mimica facciale, inducendo l’osservatore meno attento a un errore di valutazione.

Con il suo fisico statuario, risultato di anni e anni di allenamento certosino, ha colpito l’immaginazione dei telespettatori e anche quello di Luciana Littizzetto, che non ha nascosto la sua ammirazione per l’atleta russo. Nel corso della trasmissione Gaggi ha ricordato di aver iniziato a frequentare la palestra per potersi formare un corpo in grado da consentirgli una difesa dagli attacchi dei bulletti che lo assillavano. Con risultati assolutamente straordinari, come è stato possibile verificare nel corso delle sue apparizioni televisive.

Nella puntata del 26 marzo ha messo subito in mostra le sue doti puntando proprio sul calisthenics, appoggiandosi a una struttura fissa che gli ha consentito di dar vita ad una serie di movimenti in sospensione che hanno suggestionato enormemente. Una prestazione che ha strappato il consenso unanime della giuria e spinto Frank Matano a chiedergli di fargli da coach per ricavarsi addominali adeguati. Una scelta molto azzeccata, visto il grande impatto visivo derivante dal vedere un corpo umano che va in pratica a sfidare le leggi che regolano la gravità, come del resto sottolineato da Claudio Bisio.

Ora Gaggi si appresta ad affrontare la finale, con la consapevolezza di poter fare bene con le sue evoluzioni che riescono ogni volta a strappare commenti meravigliati a pubblico e giuria. Considerato che il suo destino è nelle mani del pubblico che voterà da casa, proprio il fatto di avere tutta la Brianza dietro potrebbe rivelarsi fondamentale. Il suo sogno è quello di riuscire a mettere in piedi una palestra in cui preparare altri specialisti come lui e con la quale poter aiutare la sua famiglia. Chissà che la partecipazione a Italia’s Got Talent, a prescindere da come andrà la finale, non gli consenta di realizzare i suoi propositi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori