CASTLE 7/ Anticipazioni puntata 17 giugno 2015: Castle indaga sulla morte di Sid Ross

- La Redazione

Castle 7, anticipazioni puntata 17 giugno 2015: Castle si trova a indagare sulla morte di Sid Ross, un famoso creatore di commedie che a quanto pare è stato ucciso

Castle
Castle 8, in prima Tv assoluta su Fox

Stasera, mercoledì 17 giugno, Fox trasmette la penultima puntata di Castle 7. Prima di scoprire le anticipazioni, ecco dove siamo rimasti settimana scorsa: Castle (Nathan Fillion) è a bordo di un aereo insieme con sua figlia Alexis (Molly Quinn). In molti lo riconoscono e Rick inizia a firmare degli autografi. ll volo si ritrova nel bel mezzo di una turbolenza e Castle inizia rapidamente a dare di matto, con Alexis che fa l’adulta e lo consola. La ragazza gli dice di concentrarsi sul personale, e che fin quando loro sorrideranno andrà tutto per il meglio. Lo fa poi distrarre parlandogli dell’itinerario che seguiranno. Sono diretti alla Sherlock Holmes Society, dove Rick terrà un discorso, mentre Alexis ha degli amici da vedere. Rick ci resta male, ma le sottolinea come lo abbia già sentito parlare in pubblico migliaia di volte. Ancora turbolenze e ancora paura, ma poi arriva una telefonata da parte di Kate (Stana Katic) che in parte lo calma. Dice di aver risolto un caso e che l’omicida era il pilota.

Attraverso lo schermo si rende conto delle turbolenze e Ryan (Seamus Dever) ed Esposito (Jon Huertas) devono rassicurarla. Sta accadendo qualcosa di strano. L’equipaggio non sorride più e pare preoccupato. Rick chiede spiegazioni e nota che il capitano è fuori dalla cabina. Kyle Ford, il marshal sul volo, è andato disperso. Ormai un’ora prima ha inviato un messaggio parlando di un problema in merito alla sicurezza del volo, ma ora non è possibile rintracciarlo da nessuna parte. Chiedono aiuto a Rick, mentre il capitano si chiude nella cabina, evitando eventuali dirottamenti. Rick va nella stiva con la hostess e trova il cadavere del marshall stipato tra dei bagagli. La sua pistola manca e Castle chiama Kate per chiederle consiglio. Deve sapere perché il marshall era su quel volo e se stava controllando qualcuno. Soltanto i marshall, gli assistenti di volo e l’FBI possono saperlo. Kate gli dice che lavorerà da terra con lui. Alexis lo raggiunge e vuole aiutare.

Lui vorrebbe spedirla sopra, ma d’altronde è proprio lì che si nasconde il killer. Rick prova a scoprire se Ford fosse stato visto con qualcuno. Vede una coppia fare dei selfie, afferra il loro cellulare e, con la scusa di una foto, inizia a guardare la loro galleria in memoria. Ecco un video nel quale compare anche Ford, che guarda un uomo. Intanto Lanie (Tamala Jones) dice ad Alexis che può farcela e che l’assassino è mancino. Kate descrive l’uomo che ha acquistato il biglietto per il posto fissato da Ford, ma la descrizione non combacia affatto. Ecco dunque il loro principale sospetto. Castle non vuole bloccarlo per evitare di sbagliarsi e allertare il vero killer. Fa servire un altro giro di drink e poi ricava con della grafite l’impronta dell’uomo, poi fotografata e spedita a Kate. Si tratta di Aiman Haddad, un avvocato israeliano presente sulla lista no fly perché affiliato all’Isis. Esposito ha parlato con il suo compagno del college, che ha detto che recentemente è diventato molto religioso, vendendo tutta le sue cose materiali. L’uomo va in bagno e fa una telefonata. Un assistente origlia e traduce. Dice che ormai loro sanno e che tutto finirà a breve. In seguito spiega di star parlando di sua madre molto malata, che vorrebbe far curare, trasferendola illegalmente. Castle non gli crede, ma l’uomo fornisce informazioni utili. Dice che Ford ha ricevuto almeno cinque messaggi, ma sul cellulare ce n’era soltanto uno.

Kate gli dice in seguito che i cellulari sono due. Alexis intanto controlla la valigia dell’uomo e non c’è pericolo. Grazie al wifi viene rintracciato il telefono, sbloccato con l’impronta della mano morta di Ford. I messaggi ci sono, come detto dal sospetto, e sono sexy, da parte di una donna, che lo invita nel retro dell’aereo e poi lo minaccia, dicendo che lo farà precipitare. Si sospetta di Marilyn Singer, dopo una rapida analisi e Rick scopre che è mancina. Si scopre che è la sua ragazza ed è scioccata nel sapere che Ford è morto. Sospettava che lui la tradisse, vedendolo molto nervoso. Non ha inoltre idea di come il cellulare prepagato sia finito nella sua borsa. Ford è stato pagato da un tale Viktor, un tedesco che lo voleva su quel volo, ma in sala interrogatori nega qualsiasi cosa, definendo i soldi un regalo. Viktor lo ha pagato per controllare un orologio da 13 milioni di dollari. Lo indossa un suo uomo per evitare di pagare le tasse. L’uomo viene trovato. Si chiama Aaron Rich e l’orologio che porta al polso è chiaramente un falso. Rick se ne intende e non ci mette molto a capirlo. L’uomo dorme perché drogato da qualcuno. L’unica persona che poteva avere accesso a ogni informazione per mettere a segno questo piano era Debbie, il capo degli assistenti di volo. Alla fine la donna tira fuori la pistola e dice che si stava guadagnando la sua pensione. La situazione viene risolta da Alexis, che la calma e le toglie la pistola da mano.

Stasera, mercoledì 17 giugno 2015, Fox torna a trasmettere la settima stagione di Castle, con il ventiduesimo episodio che anticipa il season finale di settimana prossima: la puntata si intitola Dead from New York. Il caso che si trovano a seguire è molto interessante per Rick, dal momento che coinvolge una star che lui conosce molto bene. Si tratta di una stella del cinema, Sid Ross, che ha creato innumerevoli commedie sul grande schermo. Castle vuol scoprire chi lo ha ucciso per una questione soprattutto personale e inizia a indagare con Kate. Il caso si sviluppa e i due scavano nei retroscena del Saturday Night Tonight, scoprendo un segreto di Sid che potrebbe spiegare il perché qualcuno abbia deciso di farlo fuori una volta per tutte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori