SCANDAL 4/ Anticipazioni puntate del 12 e 5 giugno 2015: Jake ancora vivo, si salverà?

- La Redazione

Scandal 4, anticipazioni puntate del 12 e 5 giugno 2015: Rowan dà un ultimatum ad Olivia in merito al caso sul B613, che però lei decide di non rispettare. Fitz vuole far approvare una legge

scandal-4_R439
Scandal su Fox Life

Anche questa quarta stagioen di Scandal sta per volgere al termine e la prossima settimana avremo a che fare con una delle puntate finali, la numero 20 per essere precisi. In “First Lady Sings the Blues” vedremo di tutto e di più a cominciare dal domincio femmiine di Olivia, Sally e Melly, dominio che Shonda Rhimes sa tradurre bene nelle sue serie. In particolare, la nostra Liv è pronta a fare di tutto per salvare la vita a Jake che, come vedremo, è ancora vivo. Un medico russo è in arrivo per lui mentre Liv e Huck indagheranno su Black Sable, di chi si tratta?

Fox Life il venerdì torna a trasmettere la quarta stagione di Scandal: oggi, 5 giugno 2015, tocca alla diciannovesima puntata, intitolata La scelta giusta. Ecco qualche anticipazione: Rowan minaccia Olivia dandole quarantotto ore di tempo per chiudere il caso sul B613 ma lei, daccordo con David, si rifiuta di fermare le indagini e diventa ancora più determinata a smantellare lorganizzazione di cui il padre era al comando. Nello stesso tempo, però, lavvocato segue anche il caso di un certo Marcus Walker che richiede il suo aiuto sostenendo di essere stato incastrato per lomicidio della moglie di un sindaco, con la quale intratteneva una relazione amorosa. Alla fine si scopre che fu il sindaco a uccidere sua moglie, cosa che Marcus fa trapelare ai media correndo il rischio di rovinare la sua carriera. Fitz tenta, invece, di far approvare al Congresso un disegno di legge approvato dopo una recente sparatoria, il Brandon Bill, ma incontra un difficile ostacolo quando il suo Vice Presidente rifiuta di votare prima di averne letto attentamente il testo, cosa che fa infuriare sia Cyrus (Jeff Perry) che Mellie.

Come già accaduto con Huck (Guillermo Diaz), Quinn (Katie Lowes) e Charlie (George Newbern), David (Joshua Malina) propone a Jake (Scott Foley) di firmare un accordo con cui otterrà limmunità in cambio della sua testimonianza contro Rowan (Joe Morton) per smantellare il B613. Jake, però, è certo che accettare il patto equivarrebbe a firmare una condanna a morte per tutti loro e consiglia a David di porre fine alle sue indagini prima che sia lui stesso a farlo. Lavvertimento risulta inutile perché David è risoluto a continuare rintracciando tre agenti che hanno lavorato per il B613 quando Jake era Comando e convincendoli a fornire la loro testimonianza in cambio dellimmunità. In questo modo spera di forzare la mano a Jake spingendolo a testimoniare, ma intanto questultimo sta segretamente seguendo ogni sua mossa. Di ritorno nella casa sicura dove i tre agenti sono stati nascosti da David, Charlie li trova morti mentre Jake si ripulisce le mani dal sangue così i due lottano finché Jake non riesce a scappare. Questo è sufficiente a far decidere alla squadra che Jake dovrà essere eliminato, ma la situazione si ribalta quando Jake si fa trovare nellappartamento di fronte a quello di Olivia affermando di essere lì per controllarla. A quel punto i ragazzi capiscono che devono rinunciare per il bene di Olivia. 

Nel frattempo Olivia (Kerry Washington) segue il caso di George Reed (David Andrews), padre del deputato Nicholas Reed (Jordan Belfi), che sta per subire una sentenza di condanna a morte in quanto reo confesso per l’omicidio di Dan Hoffman, un professore di algebra che anni prima instaurò una relazione amorosa con sua figlia Jamie all’epoca quattordicenne, spingendola a suicidarsi all’età di quindici anni dopo averle spezzato il cuore. In seguito a un colloquio in prigione con George, Olivia si convince che l’uomo sia innocente e comincia le indagini scoprendo che Dan è predatore sessuale che ha abusato di diverse ragazzine e che continua a essere trasferito da un istituto scolastico all’altro. Esistono quindi svariati genitori che potrebbero aver voluto vendicarsi di lui uccidendolo, nonché l’ex moglie Lisa che non ha mai denunciato alcun episodio sospetto e che purtroppo però è morta due settimane prima.

La futura candidatura di Mellie (Bellamy Young) costringe Elizabeth (Portia De Rossi) a scandagliare in profondità la sua intera famiglia alla ricerca di possibili fonti di scandalo e a incontrare la sua sorellastra minore Harmony (Lauren Bowles) la quale, dietro finti sorrisi e frasi di convenienza, sembra lasciar intendere che ci sia qualcosa di molto oscuro da raccontare nel passato della First Lady, nonostante asserisca di voler continuare a coprirle le spalle. Per eliminare ogni rischio, Elizabeth suggerisce a Mellie di invitare Harmony alla Casa Bianca per assicurarsi di averla dalla sua parte, ma il suo piano rischia di andare presto in fumo se non fosse per l’intervento di Fitz (Tony Goldwin) che blandisce Harmony con una piccola bugia rimettendo pace tra le due sorellastre.

Nella cantina di Lisa, Huck e Quinn trovano una pistola che corrisponde all’arma usata per uccidere Dan ma il suo stato di conservazione non è compatibile con quello di un’arma riposta in un seminterrato per quindici anni così Olivia intuisce la verità: Nicholas ha atteso le condizioni ideali per piazzare l’arma e far ricadere la colpa su una persona che, essendo morta, non poteva più essere danneggiata perché in realtà è lui il vero colpevole e suo padre sta solo cercando di proteggerlo. Quella sera, David prende la dura decisione di testimoniare che ha visto Jake uccidere James Novack ma deve ricredersi: Jake spara alla sua assistente Holly (Stephanie Black) rivelandogli che fa parte del B613, che ha ucciso lei i tre agenti e che lui sta lavorando con Olivia al loro stesso caso. Nello stesso momento, Franklin Russell (Brian White), con cui Olivia si sta frequentando, si presenta alla porta di casa sua con Rowan.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori