Shark Tank/Top e Flop puntata 4 giugno 2015: dalla Shuttle Bike a Shopper. Gianluca Dettori e Luciano Bonetti provano il salottino galleggiante, video

- La Redazione

Shark Tank, puntata 4 giugno 2015: top e flop, la serata ci ha proposto come al solito tante proposte e momenti interessanti anche se non sempre quanto visto ha soddisfatto gli investitori.

Shark_Tank_r439
I giudici di Shark Tank

Nella puntata di ieri Shark Tank abbiamo visto Alessio e Alberto proporre Gogo Boat, il loro “salottino galleggiante” ai cinque manager protagonisti della trasmissione di Italia 2. La loro richiesta era di 250mila euro per il 10% della società ma gli squali non hanno creduto nel loro progetto. Prima però, Gianluca Dettori e Luciano Bonetti hanno deciso di provarlo: da quello che vediamo nel video pubblicato sulla pagina Facebook del programma, nessuno dei due aveva troppa voglia di mettersi alla guida. Clicca qui per vedere il video.

Dopo il successo delle prime puntate, Shark Tank è tornato anche ieri sera, a grande richiesta, per un’ultima puntata con la promessa di una nuova edizione. Anche ieri gli ascolti sono stati buoni ma leggermente in calo rispetto alle prime puntate. In particolare, la puntata andata in onda ieri sera e che ha visto cinque investitori esaminare nuovi progetti, ha portato a casa registrato 1.059.000 spettatori con il 5.48% di share.

Il successo del business format Shark Tank è stato grande, fin dalla prima puntata: originariamente erano in programma due appuntamenti, ma ieri Italia 1 ha dato spazio ad un terzo, durante il quale i telespettatori hanno potuto assistere a nuove originali proposte di prodotti e servizi. Ora, però, sembra proprio che questa iniziale avventura sia terminata, e insieme alla buonanotte ieri sera sono arrivato anche i saluti per tutti i telespettatori dalla pagina Twitter ufficiale. “Grazie e buonanotte a tutti” ha tweetato la redazione, aggiungendo un video in cui Mariarita Costanza – una dei cinque squali – saluta con un ciao. Rivedremo presto il format sul piccolo schermo? Clicca qui per il tweet.

Stasera abbiamo assistito alla terza serata del business talent Shark Tank. Questo sta riscuotendo molto successo a causa anche del modo nuovo di intendere il mezzo televisivo, infatti sono portati alla luce diversi interessanti prodotti di cui alcuni già sul mercato. Al centro ci sono le idee sempre nuove e mai banali portate alla luce di fronte a cinque forti investitori: Costanza, Cannavale, Dettori, Vigorelli e Bonetti. Andiamo a vedere quali sono stati i top e i flop della serata. E’ piaciuta moltissimo a tutti l’idea di una bicicletta che potesse camminare sull’acqua, la Shuttle Bike è stata porposta da Roberto Siviero ed è stata finanziata con 250mila euro per il 40% da Cannavale. E’ veramente interessante la proposta di Edoardo Bosio che ha portato Pelty una cassa bluetooth alimentata da una semplice candela. Il progetto è intrigante e Bonetti investe, ma servirà lavorare sul prezzo per il consumatore ora fissato tra i 300 e i 400 euro. Sicuramente rimarranno impressi i volti di Fabio e Andrea due giovani che si sono ingegnati nello studio di un metodo di coltivazione senza terra con il loro OrtoCubo. L’idea è piaciuta a Cannavale, Bonetti e Dettori che hanno investito 50mila euro per il 30%. La medaglia di flop della serata va alla Shopper di Marco Giacomelli che ha ricevuto solamente critica dagli Shark. L’idea del giovane ragazzo e del suo collega consiste in un carrellino per la spesa che ti segue e ti porta le buste. Vigorelli ci va giù pesante definendo l’oggetto orrendo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori