Arrow 3/ Anticipazioni puntate 16 e 9 giugno 2015: Ra’s Al Ghul chiede alla figlia di sposare Oliver e dargli un erede…

- La Redazione

Arrow 3, anticipazioni puntata 9 giugno 2015: Oliver inizia la sua trasformazione a Nanda Parbat per diventare Al Sah-him. Come prova fondamentale deve uccidere Nyssa, figlia del Demone

arrow_seconda_r439
Arrow

Penultima puntata per la terza stagione di Arrow. La prossima settimana, infatti, su Italia Uno, andrà n onda la puntata numero 22 dal titolo “Questa è la tua spada” in cui scopriremo che Oliver ha mentito e non è succube di Ra’s al Ghul, anzi. Lui e Malcom tenteranno il tutto e per tutto per salvare la loro città riuscendo ad informare l’Arrow Team del pericolo che sta incombendo su Starling City. Ad aiutare i due ci penserà la bella Tatsu che, in questo modo, avrà modo di affrontare anche il marito, Maseo. Mentre la squadra si dirigerà nella terra del Demone per fermarlo, un flashback ci porta al momento in cui Masiero ha smesso di essere amico di Oliver e si è unito alla Lega degli Assassini. Ra’s Al Ghul chiede alla figlia di sposare Oliver e dargli un erede… Appuntamento a martedì prossimo con la penultima puntata della stagione.

Quello di Ra’s Al Ghul era una sorta di prova: il capo della Lega degli Assassini voleva semplicemente capire se Oliver, ormai Al Sah-him, avrebbe davvero ucciso Nyssa, in quanto minaccia al suo posto come erede del Demone e nonostante un tempo – per il giovane Queen – fosse stata una persona da proteggere. Gli porgerà la spada e mostrerà al suo cospetto Nyssa, fermandolo un attimo prima che lui la colpisca, ormai convinto del cambiamento dell’ex vigilante di Starling City. Nyssa dunque, vivrà, ma Ra’s avrà modo di stupirli entrambi ancora una volta: il capo della Lega vuole che i due si sposino quanto prima. Clicca qui per vedere il video della scena.

Oliver, o meglio dire, Al Sah-Jim, è completamente cambiato: la trasformazione operata dalla Lega degli Assassini sembra essere davvero radicale e l’ex vigilante di Starling City è deciso a recarsi nella sua vecchia città per affrontare Nyssa. I due si incontrano sulla sommità di un palazzo e dopo pochissimo inizia lo scontro, all’ultimo sangue. In favore della figlia di Ra’s Al Ghul intervengono anche Diggle e Laurel, con un’incredula Felicity che stenta a riconoscere Queen osservando quello che accade dai filmati di sorveglianza. Black Canary prova a stordirlo e fermarlo con il suo urlo, ma alla fine sarà qualcun altro a mettere il fuga Al Sah-him. Nyssa, per il momento, e salva. Clicca qui per vedere la scena della puntata di Arrow in onda stasera, martedì 9 giugno 2015, su Italia 1.

La terza stagione di Arrow torna anche stasera, martedì 9 giugno 2015, sul piccolo schermo di Italia 1 con il ventunesimo episodio, intitolato “Al Sah-him”. A Nanda Parbat Oliver sta subendo il processo di trasformazione che lo porterà ad essere un effettivo membro della Lega degli Assassini. Si tratta di dimenticare il passato, e slegarsi completamente dall’identità di Oliver Queen, per abbracciare il suo nuovo io in Al Sah-him. Ra’s Al Ghul gli spiega che, essendo l’erede del Demone prescelto, deve eliminare tutti coloro che potrebbero avere diritto almeno quanto lui a prendere il suo posto. Il capo della Lega degli Assassini si sta riferendo ovviamente a Nyssa, sua figlia, che si trova a Starling City ad allenare Laurel. Ovviamente, quando la notizia arriva in città, le reazione sono diverse: c’è chi, come Felicity, non crede che Oliver arriverebbe a tanto e soprattutto possa aver subito una trasformazione così radicale; e chi – come Malcolm – cerca di mettere tutti gli altri in guardia. Oliver arriverà ad uccidere Nyssa?

Oliver (Stephen Amell) si reca nel loft di Thea (Willa Holland) e vede che la ragazza giace sul pavimento in condizioni disperate. La porta in ospedale il più velocemente possibile, ma deve fare i conti con il responso dei medici, i quali gli lasciano intendere che non c’è nulla che si possa fare per salvarle la vita e che ormai solo le macchine possono tenerla in vita. A questo punto assistiamo all’arrivo di uno sconvolto Malcom (John Barrowman) al capezzale di Thea. All’improvviso ecco che entra in scena Maseo (Karl Yune), che per mezzo di un fumogeno riesce ad attirare Oliver. Quest’ultimo non ci pensa due volte e lo picchia, convinto che il responsabile dello stato in cui si trova Thea sia lui. Tuttavia Maseo si difende, affermando che il responsabile della situazione non è lui, ma Ra’s Al Ghul (Matt Nable). Inoltre afferma che Thea ha ancora una speranza di sopravvivere.

A questo punto Oliver mette a parte Malcom, Diggle (David Ramsey) e Felicity (Emily Bett Rickards) del fatto che Thea avrà salva la vita solo a una condizione. Questa condizione, posta dalla Lega per salvare la vita della ragazza, consiste nel fatto che lui accetti di prendere l’eredità di Ra’s al Ghul. A questo punto Malcom prende coscienza di come Thea potrebbe riuscire a sopravvivere. Il Demone sta pensando di immergerla in quelle stesse acque che hanno dato modo a Ra’s al Ghul di essere ancora in vita dopo quasi mezzo millennio. A questo punto i quattro vanno in direzione di Nanda Parbat con Thea. Ray (Brandon Routh) si sente chiedere da Felicity di dar loro la possibilità di usufruire del suo aereo personale: questo è il momento in cui fa due scelte. Da un lato acconsente a far usare loro il suo aereo personale e dall’altro decide di troncare il rapporto sentimentale con Felicity, avendo ormai coscienza dei forti sentimenti che lei prova per Oliver. Giunti a destinazione, Ra’s al Ghul da il proprio benvenuto al gruppo. Diggle riesce ad avere una conversazione con Maseo e lo attacca pesantemente, facendogli presente che se quello che lo lega ad Oliver fosse un rapporto di amicizia come lui asserisce, non lo costringerebbe a “fare quello che sta per fare”. 

Quindi afferma che i componenti della Lega hanno poco coraggio e che “fuggono dai problemi della propria esistenza” e come se non bastasse esprime la propria convinzione sul fatto che Akio tutto proverebbe tranne che stima per il padre, se potesse vederlo in questo momento. A questo punto una Thea in punto di morte viene fatta adagiare nel cosiddetto “Pozzo di Lazzaro” e come se nulla fosse le gravi ferite che la stavano portando alla morte, scompaiono. Oliver deve però mantenere fede alla parola data e accettare il ruolo scelto per lui, quello di guida della Lega degli Assassini. A questo punto Felicity si rivolge con tono minaccioso a Ra’s al Ghul, avvertendolo di come si debba preparare a una devastante guerra, che lei e i suoi amici sono pronti a portare avanti contro di lui, pur di impedire che Oliver sia costretto a sostituirlo.

Dal canto suo Ra’s al Ghul le risponde svelandole come c’è stato un tempo in cui lui aveva una famiglia e di come sia stato costretto a lasciarsela alle spalle senza nemmeno poterla salutare: tutto per volere di colui che l’ha preceduto alla guida della Lega. Quindi le concede la possibilità di trascorrere un’ultima notte con l’uomo che ama. Felicity si reca quindi da Oliver. Trascorsa la notte insieme decidono di brindare, ma è tutto un piano da lei orchestrato: nel drink c’è infatti della droga. Oliver perde quindi i sensi e lei, insieme a Malcom e Diggle, cerca di uscire da Nanda Parbat con il suo amato e con Thea. La via di fuga che si costruiscono è attraverso le catacombe e quando gli appartenenti alla Lega degli Assassini cercano di bloccare la loro fuga, ecco spuntare Maseo che corre in loro aiuto. Tuttavia, alla fine si ritrovano accerchiati e solo il risveglio di Oliver, che chiede di lasciarli andare con Thea, evita il peggio. A questo punto c’è un flashback e veniamo riportati ai fatti verificatisi ad Hong Kong.

Qui Oliver, con l’ausilio di Tatsu (Rila Fukushima) e Maseo tenta di fare in modo che i soldati di Shrieve non portino a termine il piano di diffusione del virus. Vediamo come Maseo ritenga non sia loro compito bloccarli, ma Tatsu non è d’accordo, affermando invece che è un loro “preciso dovere non lasciare da solo Oliver in questo tentativo” di salvare quelle persone. Sfortunatamente il virus alla fine viene diffuso. A questo punto si chiude il flashback e veniamo riportati al presente. Oliver saluta per l’ultima volta i suoi amici. Dice a Diggle di “vederlo come un fratello” e bacia Felicity. Una volta a casa Thea sembra stare decisamente meglio e Malcom la mette al corrente di quanto successo, aggiungendo che ora, finalmente libero, ha deciso di rimanere con la figlia. Felicity si incontra con Laurel (Katie Cassidy) e la mette al corrente del destino di Oliver, piangendo. Nel frattempo Ra’s al Ghul arriva a capire che Oliver e gli altri hanno ricevuto un aiuto esterno nel loro tentativo di fuga e vuole che Oliver gli dica chi è che li ha aiutati.

Oliver ovviamente si rifiuta di assecondare tale richiesta, ma alla fine Maseo si fa avanti e svela di essere lui il traditore. Tuttavia, a sorpresa, non viene punito: il motivo sta nel fatto che Ra’s al Ghul lo ritiene importantissimo per mettere in atto il processo di cambiamento di Oliver. Effettuato un rito e fattagli indossare la divisa della Lega degli Assassini, comunica ad Oliver che da questo momento il suo nome sarà “Al Sah-him”, ovvero “L’Arciere”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori