TRUE LEGEND / Su Iris il film di Yuen Woo-Ping: serata evento in prima visione assoluta. Trailer

Stasera, venerdì 10 luglio 2015, Iris propone la messa in onda del film di genere arti marziali, True Legend, girato completamente in Cina per la regia di Yuen Woo Ping

10.07.2015 - La Redazione
Iris_Logo_2013_439
Il film in onda su Iris

Questa sera su Iris verrà trasmesso in prima serata il fim “True Legend”. Tema della pellicola è la vendetta, che si consuma sempre, soprattutto se si tratta di Cina, Arti Marziali e attacchi a sorpresa alle forze nemiche. Nemmeno i legami familiari possono prescindere da questo fatto inevitabile, a maggior ragione se uno dei due fratelli è passato alle arti oscure. Questa pellicola, girata nel 2010 in Cina da Woo-PingYuen, è giudicata una delle migliori mai prodotte di questo genere. Ecco il trailer del film.

In una delle scene di True Legend, il film in onda questa sera su Iris, vediamo il generale Su Can mentre, nei panni di uno straccione ubriaco, lotta in modo spettacolare per accaparrarsi il tanto desiderato boccale di vino. Come dice il suo avversario: “Bisogna stare attenti al pugno dell’ubriaco, perché il cuor e il pugno sono la stessa cosa”. Quando finalmente riesce a bere, Su Can viene raggiunto da suo figlio, che lo rimprovera per essersene andato senza di lui. Nel frattempo arriva muno dei suoi soldati, accompagnato da una donna: “Ecco il pazzo di cui le parlavo”. L’uomo però lo riconosce e rivela a tutti la sua identità. Clicca qui per vedere la scena.

Serata evento questa sera su Iris. Per festeggiare il primato tra i canali tematici free italiani (con l’1.68% di share in prima serata), viene trasmesso alle ore 21 in prima tv assoluta il film “True Legend“. La pellicola, la prima essere stata girata in 3D nella Repubblica Popolare Cinese, è stata diretta da Yuen Woo-Ping, maestro di arti marziali che ha curato le coreografie delle scene di azione in celebri film come Matrix o Kill Bill. “In genere Iris non acquista film ma si basa sulla library di Mediaset ha detto a Tgcom24 Diego Castelli, channel manager di Iris – In questo caso avevamo dato una valutazione in un primo momento e poi il film è entrato in un pacchetto. Nel momento in cui si è deciso di fare un ciclo sui film asiatici, nel cercare i titoli lo abbiamo trovato, ancora da doppiare. Abbiamo chiesto a Mediaset di poterlo utilizzare e ci è stato dato il via libera”.

Stasera, venerdì 10 luglio 2015, Iris propone la messa in onda del film di genere arti marziali, True Legend, girato completamente in Cina per la regia di Yuen Woo Ping. Il film è stato girato nel 2010, prodotto da Bill Kong insieme a Zhang Zhenyang mentre Too Chi Iong ne ha scritto e curato il soggetto, per una durata di 1 ora e 55 minuti. Ecco la trama. Ci troviamo in Cina dove un generale ed eroe di guerra di nome Su Can (Chiu Man Ceuk) combatte per salvare un principe la cui fortezza è minacciata da numerosi nemici che vogliono prendere il suo posto sul trono ed aumentare quindi il loro potere. Su Can si dimostra essere molto abile nelle varie fasi del combattimento e riesce a salvare il principe. Questultimo grato per il servigio ad egli reso, in cambio decide di farlo governatore di Hu Bei, una regione abbastanza prospera. Il fratello di Su, Yuan (Andy Su) è invidioso di quello che è riuscito ad ottenere Su per cui si dimostra un pericolo per lui in alcune vicende, pronto a trarne vantaggi da eventuali problemi. Linvidia di Yuan lo induce a partire in guerra per dimostrare di essere migliore del proprio illustre fratello ma le cose non vanno come lui avrebbe voluto e durante uno scontro, è disperso e poco dopo dato per morto. Un episodio piuttosto doloroso per tutto il resto della famiglia. Infatti, questo porta Su a decidere, ad un certo punto della propria vita, di lasciare per sempre l’esercito e di ritirarsi per godersi la propria vita privata con la moglie Ying (Zhou Xun) e il loro bambino Feng. A distanza di cinque anni il padre di Su informa quest’ultimo e la propria moglie che Yuan nonostante fosse creduto disperso o morto in guerra stia per ritornare a casa. Il padre si dice preoccupato che il figlio Yuan non torni per ritrovare i propri cari e riconciliarsi con loro ma piuttosto per cercare vendetta. Il padre teme la vedetta di Yuan perché tempo prima l’uomo aveva ucciso il padre naturale di Yuan quando il ragazzo si era allontanato per imparare la tecnica delle arti marziali e nonostante avesse poi deciso di crescere lui Yuan, quest’ultimo nutriva dei sentimenti negativi per il padre. Su invece si dice tranquillo di non dover temere Yuan. Quando Yuan ritorna il padre gli chiede di risparmiare il fratello e la sua famiglia e di vendicarsi solo di lui. Yuan allora uccide il padre decapitandolo. Quando Su viene a conoscenza dell’uccisione del padre combatte duramente contro Yuan, nasce una lotta, Yuan però decide di risparmiare il fratello perché Feng lo implora di farlo ma li scaraventa giù nei torrenti dei fiumi, disperata anche la moglie si butta dietro a Su mentre Yuan fugge via con il bambino. Ying si ritrova successivamente all’interno di una foresta, decide di far curare il marito e le sue ferite da un ricercatore di erbe. Qui Su cade in una profonda disperazione, e nonostante il supporto di Ying, Su sembra aver perso la ragione, decide perciò di andare via da sola per cercare di salvare il loro bambino. Ying perà arriva al palazzo di Yuan e questo la fa prigioniera, successivamente anche Su rinsavito, va a cercarla ed arriva al palazzo, qui Ying però dice ai suoi uomini di seppellire viva Ying in una fossa, poi li uccide per evitare che altre persone sappiano dove è seppellita la donna. Quando Su arriva, combatte contro il fratello e lo uccide nonostante il figlio lo implori di non farlo poiché è l’unico a sapere dove è seppellita la madre. Su prova a cercare la moglie ma senza risultato finché un soldato che sta per morire gli rivela la posizione. Quando però Su e Feng trovano Ying, questa è già morta, Su è disperato e incomincia a divenire folle per la disperazione, suo figlio si prende cura di lui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori