Il principe – un amore impossibile 2 / Analisi seconda puntata e anticipazioni terza: Fatima scopre chi è veramente Khaled, cosa farà ora?

- La Redazione

Il principe – un amore impossibile 2, seconda puntata: abbiamo assistito al capitolo numero due della seire di Canale 5, ci aspettano di sicuro diverse novità molto interessanti presto.

il-principe-un-amore-impossibile-R439
Il principe - Un amore impossibile

La seconda puntata de Il Principe – Un amore impossibile 2 ci ha sicuramente riservato diverse sorprese, la principale è quella che ha visto Fatima scoprire i segreti del fidanzato Khaled. La scena più importante è rappresentata sicuramente dall’esplosione della vettura che precedeva quella di Morey, finito nel burrone senza però importanti conseguenze fisiche. Il momento di tensione viene anticipato in apertura di puntata quando proprio durante i titoli di testa viene acquistato un importante carico di esplosivo C4. Lungo l’arco della puntata scoperto questo traffico viene presa coscenza dell’imminente pericolo e su questo viene costruita l’indagine per cercare di capire come sarà utilizzato e anticipare il peggio. Alla fine le conseguenze portano a diverse evoluzioni interessanti all’interno della puntata. La costruzione della suspense intorno a questa situazione è molto interessante anche perchè il tutto arriva proprio nel momento in cui meno ce lo si aspettava.

La prossima puntata girerà intorno alla presa di consapevolezza di Fatima che dopo essere stata molto vicina a Khaled ha capito finalmente chi è. Morey proverà ad aiutarla anche lasciando presupporre a un possibile riavvicinamento tra i due. Fran continua a lavorare sulle piste che hanno portato alla morte di Anibal. Potrebbero esserci brutte conseguenze per Leila che rimarrà coinvolta in un attentato finendo in ospedale. La sua gravidanza quindi sarà messa in forte difficoltà dagli accadimenti. Khaled dovrà cercare di liberarsi di altri suoi nemici, facendo continuare l’imprevedibile giro di loschi affari che si muovono attorno ai suoi movimenti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori