CHICAGO PD/ Anticipazioni puntata 10 agosto 2015: la squadra alle prese con la contraffazione di banconote, video promo

- La Redazione

Chicago PD, anticipazioni puntata 10 agosto 2015: Voight e la squadra indagano su un giro di banconote contraffatte. In seguito, aiutano delle ragazze usate come corrieri per la droga

Chicago_PD_r439_fb
Chicago PD 3 in onda su Premium Crime in prima Tv assoluta

Ci attendono grandi emozioni nella puntata di stasera di Chicago P.D, in onda in prima serata su Italia 1. Come vediamo nel video promo di “Qui e adesso”, il primo dei tre episodi in onda stasera, la squadra indagherà su casi che sembrano “semplici” ma che si riveleranno sempre più intricati. Più i nostri eroi scavano, più si addentreranno in situazioni pericolose. Per esempio, una semplice lite domestica, li porterà a scoprire i l traffico di denaro di una banda di falsari. Clicca qui per vedere il promo dell’episodio 1×04, “Qui e adesso”.

Stasera, lunedì 10 agosto 2015, Italia 1 torna ad ospitare la prima stagione di Chicago PD, spin-off di Chicago Fire, che ha debuttato la settimana scorsa in chiaro su Mediaset: prima di scoprire qualche anticipazione, ecco dove siamo arrivati: Voight (Jason Beghe) trascina un uomo in una zona deserta di Chicago. Questi gli offre dei soldi per lasciarlo andare. Voight lo minaccia per ottenere un nome, e alla fine spunta quello di uno spacciatore, Rev. Voight prende i soldi e gli dice di star fuori da Chicago. Giunto a casa del sospettato, il gruppo fa irruzione dopo aver sentito dei colpi. Trovano la testa mozzata di Rev e un testimone, un bimbo. La decapitazione è un segno del Cartello, come sostiene Antonio (Jon Seda), e il bambino indica un uomo, Pulpo. Le indagini portano a un cellulare usa e getta e in seguito al negozio dov’è stato venduto. Ecco un nuovo nome, Omar Rojas, che ha aiutato Pulpo e ora è nella lista dei ricercati. Dall’alto fanno pressioni per togliere la scorta al piccolo, con Voight che gli dà il suo cartellino e teme per la sua vita. Poco dopo il piccolo lo chiama.

E’ stato pestato e, offrendo informazioni, vuole uscire dal giro della droga. Grazie a lui viene catturato Xavier, con il neo arrivato Ruzek (Patrick John Flueger) che fa da esca, impersonando la parte di un possibile acquirente. Alla fine riescono a mettere Pulpo alle strette, il quale inizia a sparare all’impazzata, colpendo Wilhite nel collo, uccidendola sul colpo. Pulpo viene portato dentro e interrogato da Antonio, il quale nota il suo atteggiamento strafottente. L’uomo, nonostante sia sotto custodia, si mostra fin troppo sicuro di sé. Pare avere la situazione sotto controllo, e così è. Ha infatti fatto rapire il figlio di Antonio. Antonio ha un ultimatum dai rapitori del figlio. Consegnare Pulpo entro la mezzanotte o lasciar morire suo figlio Diego. La squadra scopre l’indirizzo di un folle che fa parte della gang di Pulpo, ma Ruzek sbaglia tutto e lo fa scappare, assaltando anche Lindsay (Sophia Bush). Antonio vede suo figlio legato a una sedia con una connessione streaming coi rapitori. Antonio contatta un’informatrice a caccia di news su suo figlio. Ciò porta a una stanza di un albergo, dove però non c’è nessuno, ma delle prove indicano che il ragazzo era lì. Nel vicolo spunta Ernesto, un uomo di Pulpo, con Voight che, una volta preso, passa ad Antonio un coltello.

In stazione Ernesto vuole un avvocato, ma Antonio non ha tempo da perdere, e sua moglie gli chiede di fare di tutto pur di riportare a casa il piccolo. Alla fine Ernesto, malmenato in carcere, fa il nome di Mateo, il rapitore, il che porta all’Union Station. Lindsay vede Diego e Mateo salire su un bus che porta a Indianapolis. Lei li segue contro gli ordini di Voight, aggiornando sulla situazione via sms. La squadra fa fingere all’autista un guasto al motore, così da fermarsi per ripararlo. Mateo capisce cosa sta accadendo e tira fuori la pistola, con Lindsay che fa lo stesso. Ruzek fa la sua mossa, avventata, schiantandosi con il bus che sta guidando contro quello rotto, facendo cadere Mateo in terra e arrivare Diego tra le braccia di Lindsay. Infine Voight incontra una donna degli Affari Interni, con la quale stringe un accordo grazie al quale lei continuerà a proteggerlo, tenendolo come fin ora fuori di prigione. Diego è ormai pronto per tornare a scuola dopo l’esperienza traumatica vissuta. Laura insiste affinché Diego porti Jasmine a casa. Lui non sa cosa fare o pensare, temendo che sua moglie sia gelosa della sua collega. Proprio per questo quando la inivta non nomina neanche sua moglie, e questo crea un po di tensione quando la fatidica sera arriva. Si scopre però che Laura aveva soltanto intenzione di ringraziare di persona la donna che aveva rischiato tanto per ridarle suo figlio, regalandole una collana.

Intanto D’Anthony, il ragazzo salvato da Voight, torna da lui per aiuto, dato che la gang vuole fargli fare un colpo, ma lui desidera uscirne. Voight porta dentro il suo capo, Trayzell, che però gli chiede addirittura 10mila dollari per avere il permesso di andare in giro col ragazzo e si rifiuta di tenerlo fuori dagli affari. Voight deve anche affrontare il ritorno di suo figlio Justin, uscito di prigione. Lindsay va a prenderlo ma quando lui la bacia lei si tira indietro. Troppi errori per riprendere da dove lasciato. La sorveglianza di routine di un sospettato porta a scoprire un omicidio e soprattutto un arsenale antipolizia. Ne nasce una sparatoria, con il capo dei trafficanti che arriva a poco così dall’uccidere Alvin, salvato dall’intervento di Adam, che ha ucciso per la prima volta e lo confessa a Wendy, la sua fidanzata. Le dice inoltre che lavora fa, ovvero il fatto che fa parte di un gruppo d’intelligence operativo. Voight rovina ulteriormente il rapporto con Justin, non presentandosi alla cena organizzata per il suo ritorno. Ha altro cui pensare, e in particolare al ragazzino che sta tentando di aiutare. Per lui pare essere divenuto un nuovo figlio, magari uno da poter ancora salvare dalla prigione.

Saranno due gli episodi di Chicago PD in onda stasera, lunedì 10 agosto 2015, sul piccolo schermo di Italia 1: nel primo, dal titolo Qui e adesso,il gruppo interviene in un caso di ostaggio. Dean Masters ha preso una giovane con sé e minacca di ucciderla, ma alla fine è lui che s’ammazza. Prima di morire però parla alla squadra di uno scambio d’affari, mentre la ragazza parla di una certa Nadia, una giovane prostituta che potrebbe sapere qualcosa su tutto questo, ma ha seri problemi di droga ed è difficile da convincere a collaborare. Dopo le prime ricerche si capisce chiaramente che Masters era invischiato in un giro di contraffazione di banconote, in quanto abilissimo artista, e le ricerche dunque continuano. In 1×05, invece (intitolato Viaggio fatale), Kim e Kevin si imbattono in una ragazza che sembra ferita: quando tentano di soccorrerla, però, questo li aggredisce. Il motivo è presto detto: dopo essere svenuta, viene portata in ospedale e allinterno del suo corpo viene trovata della cocaina. E chiaro che lavorava per qualcuno con lo scopo di trasportarla, ma non era da sola: altre si trovano nella sua stessa situazione e rischiano la vita: toccherà alla squadra di Voight riuscire a salvare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori