INCOMPRESO/ Su Canale 5 il film drammatico con Luca Zingaretti e Walter Conciatore

- La Redazione

Oggi, domenica 16 agosto 2015, Canale 5 trasmetterà alle 14.45 il film drammatico “Incompreso”, con Luca Zingaretti e Walter Conciatore. Vediamo la trama delle pellicola

Foto-Mediaset
Mediaset

Il film Incompreso, in onda oggi – domenica 16 agosto 2015 – su Canale 5, è una pellicola di genere drammatico prodotta in Italia nel 2002, per la regia di Enrico Oldoini. La storia trae ispirazione dal libro della scrittrice britannica Florence Montgomery, scritto nell’anno 1869 intitolato Misunderstood, che in italiano si traduce appunto “Incompreso”. La proiezione del film ha una durata di circa tre ore. Già nel 1966 il regista Luigi Comencini ha realizzato un film ispirato alla storia del romanzo dell’autrice londinese. La storia si svolge in Toscana, precisamente nella città di Lucca. I coniugi Quaratesi, Edoardo ed Elisa, conducono una vita agiata e tranquilla in una meravigliosa villa, insieme ai loro figli, Francesco di dieci anni e il piccolo Mino, di appena cinque anni.

Per motivi di lavoro, il capofamiglia Edoardo si allontana spesso da casa, la moglie si sente trascurata ed anche i due ragazzi soffrono per questa ripetuta assenza del padre. Ogni volta che Edoardo ritorna a casa, presta molta attenzione a Mino e quasi si disinteressa del figlio più grande. Edoardo è molto affettuoso soltanto con il figlio minore perché è convinto che ormai Francesco è grande abbastanza per avere bisogno di essere coccolato. La serenità della famiglia viene fortemente compromessa quando un giorno d’estate la signora Elisa viene a sapere di essere gravemente malata. Il dott. Ansoldi è certo che si tratta di leucemia e che la donna non ha ancora molto tempo da vivere. Quando Elisa muore, per Francesco è un dolore insopportabile. Il ragazzo sente di aver perso l’unica persona che lo amava veramente e che sapeva comprendere i lati più nascosti del suo carattere. Anche Edoardo soffre molto per la morte della moglie e, pensando di agire per il bene del figlio, nasconde la verità al piccolo Mino. Il bambino chiede continuamente della mamma ma dal padre riceve risposte vaghe ed illusorie.

Per poter continuare a lavorare, Edoardo è costretto ad affidare la cura dei figli alla cognata Laura, sorella dell’amata moglie. La zia Laura si stabilisce nella villa, è molto premurosa con Edoardo e con Mino ma mostra freddezza verso il nipote più grande. Laura ritiene che Francesco sia poco sensibile e ancor meno attento al piccolo Mino. Edoardo non perde occasione per rimproverare Francesco e spesso accusa il ragazzo di non essere abbastanza prudente e accorto all’incolumità del fratellino. I giorni passano, Francesco sente sempre di più la mancanza dell’amore che riceveva dalla sua cara mamma e vorrebbe che almeno il padre gli mostrasse un minimo di attenzione, di affetto e di comprensione. Un giorno accade un terribile incidente: Francesco si accorge che Mino sta giocando pericolosamente sul trampolino, va in aiuto al fratellino ma cade a peso morto dentro la piscina vuota. La rovinosa caduta provoca danni irreversibili alla colonna vertebrale del ragazzo. Edoardo chiama al capezzale del figlio i medici più eminenti ma niente potranno fare per salvare la vita al ragazzo. Francesco riesce a fatica a parlare con il padre e gli fa capire quanto avesse sofferto per non essersi sentito amato da lui. Edoardo non riesce trattenere le lacrime e, dal profondo del suo cuore, chiede perdono al figlio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori